DALLO SCUOLABUS AL POP CON I WET WET WET

0
543

“ La scelta era tra il crimine, la disoccupazione, il calcio o la musica, e noi scegliemmo la musica…” queste le parole scelte da Tommy Cunningham, batterista dei WET WET WET, per descrivere l’ atmosfera della Scozia dei primissimi anni 80.
Atmosfera in cui, dall’ incontro di due ragazzini sul bus della scuola è nata una delle band pop più influenti di quel decennio.
Il chitarrista Graeme Clark e il batterista Tommy Cunningham s’incontrano, infatti, a scuola e diventano grandi amici. L’amico comune Neil Mitchell si propone per il ruolo di tastierista, non appena riuscirà a mettere da parte abbastanza soldi con la consegna dei giornali.
Per completare il quartetto, Clark si rivolge a Mark McLachlan. Così ricorda Clark: «Durante la pausa, andavamo dietro la cucina a fumare, e in un angolo c’era questo tipo che parlava pochissimo, ma quando cantava, tutti stavano lì ad ascoltarlo»

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here