Presidio in Piazza de Ferrari per l’Aquarius: “Riapriamo i porti”

1
392

Alle 18 in Piazza De Ferrari, Genova Che Osa ha organizzato un presidio in difesa dei migranti dell’Aquarius, la nave della ong SOS Mediterranée che vaga per il Mediterraneo dopo la chiusura dei porti italiani. Il primo ministro socialista Pedro Sanchez ha annunciato che la Spagna permetterà all’ Aquarius di attraccare a Valencia ma, a causa anche del mare grosso, l’imbarcazione è rimasta ferma al largo della Sicilia. Queste le dichiarazioni di Genova Che Osa riguardo il fatto: "Alla follia disumana dei porti chiusi del governo rispondiamo con Genova città aperta, città di mare, di scambi, di culture differenti che si incontrano, ma soprattutto di umanità. Non basta più indignarsi di fronte alla violenza verbale e politica di questo nuovo governo e i partiti che lo sostengono hanno fondato il loro consenso sulle pelle dei più deboli alimentando paure, odio e xenofobia". Parteciperanno al presidio Genovasolidale, Arci, Pd, l’ associazione interetnica 3 febbraio e singoli cittadini.

1 commento

  1. L’Italia in quanto paese sovrano è libero di chiudere i porti per salvaguardare l’integrità del proprio territorio. Non mantenere l’integrità delle frontiere vuole dire tornare indietro di mille anni all’epoca in cui si difendevano i territori senza frontiere riconosciute.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here