Demolizione ponte: esposto alla Corte dei Conti

0
215

Per "presunte incongruenze e anomalie nel processo decisionale e nel procedimento di affidamento relativo ai lavori di demolizione e ricostruzione del Ponte Morandi a Genova", una cinquantina tra ingegneri, architetti, docenti universitari e liberi professionisti di diverse città italiane hanno presentato un esposto alla Corte dei Conti della Liguria. Il capofila dell’iniziativa è il professor Enzo Siviero, ingegnere esperto di ponti. I professionisti chiedono di attivare i necessari accertamenti e provvedimenti al fine di evitare eventuali danni erariali. Per i firmatari dell’esposto la scelta di demolire interamente il viadotto e ricostruirlo non trova una giustificazione tecnica e soprattutto comporterebbe un grave danno fiscale. Non solo, nelle 5 pagine ora al vaglio della procura contabile, i firmatari sottolineano come il costo annunciato di oltre 200 milioni di euro sia eccessivo. Contestata anche la procedura di affidamento della demolizione e della ricostruzione.

Intanto "la prossima settimana sarà smontata la trave tra le pile 6 e 7 del viadotto". L’annuncio è stato dato dal sindaco di Genova e commissario per la ricostruzione, Marco Bucci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here