A Sestri P. spunta il “muro della gentilezza”

0
221

Ci sono due maglioni pesanti, due camicie e anche una sciarpa di lana spessa. E ancora, un set di saponette da viaggio, uno scaldacollo colorato e, martedì, c’ era anche un cappotto lungo, scomparso nella notte. A Sestri Ponente sono spuntati degli indumenti pesanti, appesi con le grucce alla cancellata della stazione, a uso e consumo di chi ne avesse bisogno, senzatetto, prima di tutti. "Hai freddo? Prendi", recita il cartello appeso al fianco dei vestiti. Esempi di questo tipo all’ estero ormai non se ne contano più: si chiamano Muri della Gentilezza. Uno dei primi, diventato celebre sul web, è quello apparso a Mashhad in Iran, nel 2015, mentre tra quelli più fotografati c’è quello della gelida Uppsala, in Svezia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here