18 aprile 2017 - ore 14:57 Bookmark and Share

Su 987 società nate nel 2016, ad oggi in 765 (circa l' 80%) hanno presentato domanda per usufruire dell' azzeramento dell' Irap regionale per i prossimi 5 anni. Questo il bilancio di uno degli atti più importanti del Growth Act, la Legge sulla Crescita, varata dalla giunta Toti per rendere la Liguria più attrattiva per le imprese. La cancellazione dell' aliquota ha un peso del 3,9% sui ricavi delle imprese e l' azzeramento riguarda chi ha avviato una nuova attività nel 2016, sul territorio ligure. "Avevamo il dovere di fare qualcosa per le imprese e lo abbiamo fatto - ha detto il Presidente Toti - siamo la prima Regione di Italia che ha voluto dare un segnale forte di politica economica. Questo provvedimento ha contribuito a rendere più competitiva la Liguria e i dati di oggi lo dimostrano". "È la prima volta – ha spiegato l' assessore allo Sviluppo Economico Edoardo Rixi - che una regione vara una misura di questo tipo, pertanto c' era un po' di diffidenza da parte delle aziende: è stato necessario avviare una capillare campagna informativa per raggiungere tutte le imprese aventi diritto. Il risultato finale è buono, segno che abbiamo intercettato un' esigenza reale del tessuto produttivo ligure". I settori che hanno registrato percentuali maggiori di esenzione Irap sono: la ristorazione (29%), l' edilizia (23%), i servizi alla persona (8%) in particolare parrucchieri, estetisti e centri benessere. La mappa dei Comuni dove si è concentrato il maggior numero di domande comprende: Alassio, Albenga e Andora in provincia di Savona; Chiavari, Genova e Rapallo; La Spezia e Sarzana; Imperia. L' obiettivo, oltre ad attrarre imprese da fuori Regione, è anche quello di incentivare le imprese già esistenti dando loro la possibilità di svilupparsi investendo in ulteriori attività.





< Tag:  Economia, Regionale >
Android App



07 dicembre 2017 - ore 11:22       Tag: Economia, Regionale
L'economia del mare è il settore che in Liguria ha il maggior peso nello sviluppo economico regionale. E' questo il dato emerso da uno studio condotto dal dipartimento di economia dell'Università di Genova ed elaborato da Pwc. In tutta la Liguria sono presenti 156 aziende operanti nel campo della blue economy con un valore della …



Leggi



05 dicembre 2017 - ore 06:41       Tag: Economia, Genova
Carige ha scelto Chenavari financial group per trattare in esclusiva la cessione di Creditis, la società di credito al consumo della banca. In corsa erano rimasti due soli soggetti: oltre a Chenavari il fondo americano Christofferson Robb & Company. Secondo fonti vicine alla banca, nell'ultima riunione il consiglio d'amministrazione, dopo …



Leggi



04 dicembre 2017 - ore 06:39       Tag: Attualità, Economia, Genova
Il consiglio d'amministrazione di Banca Carige si riunisce oggi per scegliere con chi proseguire la trattativa per la cessione di Creditis, la società di credito al consumo. L'ipotesi iniziale era quella di convocare una riunione del cda entro il weekend, invece i tempi si sono allungati e ci sarà da correre per riuscire a chiudere la …



Leggi


 
01.12.2017 - 11:05    Economia genovese: buono il primo semestre 2017
17.11.2017 - 16:28    Carige, svolta positiva da Malacalza e Volpi
28.10.2017 - 14:38    Artigianato ligure, boom per l'export
26.10.2017 - 07:29    Carige: lavoratori verso lo sciopero
13.10.2017 - 11:56    Regus: dati positivi sulla nuova sede di Genova
10.10.2017 - 15:38    Maschio, over30, cuoco: ecco chi cercano imprese liguri
28.09.2017 - 11:59    Carige, assemblea azionisti, messa in sicurezza della banca
Babboleo Cinema
Radio Babboleo News, cosa succede in Liguria? Per intervenire Numero Verde 800.800.929 sms 348.1.929.929
Natalidea
Ristorante Brasiliano Bella Vida

Cinema

Babboleo News su Facebook

Segui Babboleo News

sms 348 1.929.929
redazione@babboleo.it
n.verde 800.800.929
tel. 010/2467555

Aeranti Corallo

. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy..

Accetto i cookies da questo sito.