27 dicembre 2017 - ore 16:34 Bookmark and Share

"Lottiamo per difendere l'accordo di programma su Genova, con Taranto che ci alimenta. Ma se Taranto dovesse chiudere, Genova deve difendere i suoi posti di lavoro e può andare avanti da sola". Lo ha detto Bruno Manganaro, segretario provinciale Fiom Genova, commentando l'incertezza sulla vertenza Ilva, alla luce del ricorso al Tar sul piano ambientale, presentato da Regione Puglia e Comune di Taranto. Lo stabilimento Ilva di Cornigliano lavora infatti l'acciaio proveniente dalla fabbrica pugliese, ma potrebbe essere "a servizio" anche di altre vicine acciaierie, come quelle francesi di Mittal, a Marsiglia e Dunkerque. Mittal inoltre ha stabilimenti anche in Polonia, Germania, Olanda e Spagna, e Genova - secondo il sindacalista Fiom - potrebbe lavorare per questi siti, insieme a Novi Ligure, con la prospettiva di aumentare anche la produzione, visto che gli spazi per incrementare gli impianti ci sono. Si tratterebbe di una sorta di piano B per i lavoratori genovesi, qualora a gennaio si prospettasse la chiusura di Taranto. Intanto la Fiom genovese è sul campo per difendere l'accordo di programma siglato nel 2005 a difesa dei posti di lavoro: "Il 17 gennaio, quando ci incontreremo, cercheremo la conferma da Mittal del nostro accordo di programma e chiederemo al gruppo che, se si prenderà 1 milione di metri quadri, dovrà prendersi anche tutti - e sottolineo tutti - i lavoratori" ha detto Manganaro.


"Credo che si utilizzi la stessa parola per dire cose diverse: l'accordo di programma per Genova prevede concessioni demaniali, fa parte di una legge dello Stato che è la Finanziaria, c'è uno "scambio" tra lavoro e ambiente e hanno firmato in tanti. Per quanto riguarda la Puglia, Taranto deve decidere prima di tutto se vuole lo stabilimento, se vuole quel lavoro: perché se la scelta è un'altra, bisogna dirlo e credo che Genova debba fare un'altra strada". Lo ha detto Bruno Manganaro, segretario della Fiom genovese, commentando le dichiarazioni del sindaco di Taranto Rinaldo Melucci che, per superare l'empasse del ricorso al Tar sul piano ambientale, chiede garanzie da fissare "nella forma dell'accordo di programma, alla stregua di quanto realizzato a Genova in passato". La discussione che portò alla firma dell'accordo nel 2005, partì nel capoluogo ligure nel 1999. L'intesa prevedeva che, a fronte della chiusura dell'attività a caldo dello stabilimento di Cornigliano, venisse attuato un percorso di continuità occupazionale e di reddito. L'accordo, siglato da 5 ministeri oltre che da enti locali e Autorità portuale, era stato sottoscritto in un momento positivo per l'azienda, con la finalità di una tutela ambientale per il territorio ed è stato lo strumento che ha permesso, in questi anni, di mantenere i livelli occupazionali per 1.650 lavoratori di Cornigliano.













< Tag:  Cronaca, Nazionale >
Android App



18 gennaio 2018 - ore 19:26       Tag: Cronaca, Regionale
"In 48, massimo 72 ore, avremo chiara quella che è stata la catena dei fatti che hanno portato alla morte del piccolo, abbiamo nominato a questo scopo una commissione che valuterà ogni aspetto della situazione". così il presidente della Regione, Giovanni Toti sul caso del bambino di 5 anni morto per meningite questa …



Leggi



18 gennaio 2018 - ore 19:26       Tag: Cronaca, Genova
Grave incidente oggi pomeriggio a Campomorone, nell'entroterra del genovesato. Una donna è stata investita da un'auto mentra stava attraversando la strada. Avvertiti i soccorsi dai passanti, la donna è stata intubata e trasportata in codice rosso all'ospedale Galliera di Genova.





Leggi



18 gennaio 2018 - ore 18:08       Tag: Cronaca, Genova
Quattro arrestati per un traffico di banconote false scoperto alla Spezia. Oltre 400 le banconote false scoperte, per un valore di 10 mila euro. I quattro sono stati scoperti in flagranza di reato durante un'operazione condotta dalla squadra mobile di Massa Carrara e dalla Guardia di Finanza. Gli arrestati sono tre commercianti e un disoccupato …



Leggi


 
18.01.2018 - 18:08    Abusava delle pazienti, 8 anni a un ginecologo
18.01.2018 - 18:08    Sorpresi con armi nascoste in auto, tre arresti
18.01.2018 - 18:07    Sabato pomeriggio blindato alla Foce per due cortei
18.01.2018 - 18:00    Morto per meningite il bambino di 5 anni della Spezia
18.01.2018 - 10:38    La Spezia: sospetta sepsi batterica, muore a 5 anni
18.01.2018 - 10:20    Ha pedinato l'ex compagna, 34enne a processo per stalking
18.01.2018 - 10:14    Droga e soldi scoperti dalla cinfofila della Finanza
Babboleo Cinema
Radio Babboleo News, cosa succede in Liguria? Per intervenire Numero Verde 800.800.929 sms 348.1.929.929

Cinema

Babboleo News su Facebook

Segui Babboleo News

sms 348 1.929.929
redazione@babboleo.it
n.verde 800.800.929
tel. 010/2467555

Aeranti Corallo

. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy..

Accetto i cookies da questo sito.