Conferenza

Leggi l'articolo

Radio: voce per le imprese, volume alto contro la crisi

Oltre il 50% dell’ascolto radiofonico italiano, più del 53% del quale in forma esclusiva. E’ una crescita che non conosce battute d’arresto quella della radio locale, preferita oggi in maniera assoluta da un italiano su cinque. A dirlo, davanti a una platea gremita d’imprenditori, politici e amministratori locali riuniti giovedì 15 settembre presso la sede di Confindustria Genova per il convegno organizzato dal Gruppo Radio Babboleo, alcuni fra i maggiori esperti italiani di mondo-radio. Voci diverse che hanno raccontato esperienze differenti sul campo, ma unite in un unico messaggio quelle di Claudio Astorri, grande conoscitore di prodotti editoriali radiofonici, e Carlo Momigliano, amministratore delegato del centro media Mindshare. “La Comunicazione Radiofonica: un’Opportunità in Tempo di Crisi”, il titolo del convegno. La radio un’impresa sempre più innovativa e a servizio delle imprese sul territorio, dicono i dati, che evidenziano fra l’altro la crescita degli ascolti in FM, alla maniera analogica che sembra destinata a non tramontare mai. "Perché la radio è un mezzo in crescita costante, con potenzialità ancora inedite e nello stesso tempo una storia e una tradizione che lo contraddistinguono – dice Astorri – basti pensare al modo che adesso abbiamo di ascoltare la radio in streaming e di utilizzare l’appoggio di satelliti e immagini per estenderci sui new media.  Ma, al di là dei passi avanti tecnologici, con la radio accendi e ci sei, ovunque". Un potere che fa la differenza, un mezzo percepito come “amico” e che segna punti a favore delle realtà locali, "il cui peso sul totale dell’ascolto è elevatissimo – spiega, cifre alla mano, Carlo Momigliano – il caso della radio è unico, non è così per gli altri media locali come televisioni o quotidiani". In Liguria si attesta al 13% la crescita di ascolti radiofonici nel biennio 2008-2010, con share che proprio nel 2010 ha toccato quota 88%, secondo gli ultimi rilevamenti Audiradio. "Un dato assolutamente nuovo e che fa capire quanto le radio radicate sul territorio abbiano ascoltatori fidelizzati" sottolinea l’ad di Mindshare Momigliano. Tra questi, molti imprenditori che in tempi di crisi si dicono pronti a investire sulla promozione attraverso il mezzo radio, "perché se le risorse sono più limitate ancora più importante è che il messaggio arrivi diritto ed efficace a destinazione" è il pensiero comune di chi al convegno ha occupato tutti i posti in platea. Ma l’immediatezza della comunicazione via radio è amata anche dalla politica ligure, ed è un amore bipartisan. "Mi piace perché permette di concentrarsi davvero su quello che si dice, la parola è protagonista senza distrazioni - dice la senatrice genovese del Partito Democratico Roberta Pinotti – sono sempre felice di potermi esprimere attraverso la radio". Le fa eco il consigliere regionale del Popolo della Libertà Matteo Rosso: "Per un politico la radio è un mezzo fondamentale: permette di lanciare messaggi sintetici puntando solo sul loro contenuto, in viva voce e senza corollari d’immagini e sottotitoli".

 

Francesca Garré

Babboleo Cinema
Ristorante Brasiliano Bella Vida
Croce d\\\'oro

Cinema

Aeranti Corallo

. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy..

Accetto i cookies da questo sito.