Genova, manifestazione dell’Usb per il bracciante malese ucciso in Calabria

0
371

Questo mercoledì 6 giugno alle ore 17.30, l’Usb organizzerà un presidio davanti alla prefettura, in largo Lanfranco a Genova, per esprimere il malcontento riguardo la recente uccisione del bracciante malese in Calabria e in generale per la situazione critica che si sta vivendo. "Basta morti, difendiamo il diritto dei braccianti di vivere e lavorare con dignità" sarà lo slogan che utilizzerà l’Usb nella manifestazione di domani. Soumayla Sacko, malese che collaborava proprio con l’Usb per la tutela dei diritti dei lavoratori agricoli, è stato assassinato nelle campagne di Vibo Valentia alcuni giorni fa, mentre altri due suoi colleghi sono stati feriti. Cause dell’omicidio ancora non chiare anche se l’Usb si esprime così sull’accaduto: "Non è la prima volta che nel nostro paese braccianti immigrati vengono presi di mira dalla criminalità organizzata che difende la proprietà agricola da chiunque osi mettere in discussione condizioni di vita e di lavoro che neppure le bestie conoscono”. Non è il primo intervento dell’Unione sindacale di base sulla questione, che lo scorso anno ha dato vita alla campagna ‘Schiavi mai’ dopo l’uccisione di Abd El Salam.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here