Al Teatro Auditorium Stradanuova si premia la scienza “spiegata bene”

0
242

Il 21 maggio, al Teatro Auditorium Stradanuova di palazzo Rosso, alle 17.45 c’è "Vi presento il mio progetto", concorso che vuole premiare l’ originalità, la modalità di presentazione del progetto scientifico e soprattutto la capacità espositiva dei concorrenti. I ricercatori scientifici, che da tutta Italia hanno risposto al bando presentando progetti realizzabili, sono stati selezionati da una commissione composta da: personale dell’ Università degli Studi di Genova e/o degli Enti di Ricerca coordinati dal prof. Sandro Squarcia, fisico, componente del consiglio scientifico del Festival della scienza, che ha proposto i tre candidati che si sfideranno per ricevere il primo premio. Al vincitore andranno 8000 euro e al secondo e terzo 1000 euro. Il vincitore s’ impegna nella sessione dell’ anno successivo, durante l’ attribuzione del nuovo premio, a raccontarci per cosa e come ha usato i fondi ricevuti. La sfida avverrà al teatro di Stradanuova davanti ad una giuria composta da: Luciana del Giudice presidentessa degli Amici del Festival della Scienza, Eleonora D’Urso attrice e direttrice del Teatro di Stradanuova, Marco Faimali biologo marino, Adriana Mavellia fondatrice di MSLItalia e presidente onorario di MSLGroup, Sandro Squarcia membro del Consiglio scientifico del Festival della scienza, Marco Spiccio medico ricercatore oncologico presso l’ ospedale San Martino-pianista. Ma ci sarà anche un’ altra giuria: sarete tutti voi che vorrete intervenire (dopo esservi registrati all’ entrata del teatro) che con voto diretto decreterete il vincitore valutandolo per come riuscirà ad appassionarvi e coinvolgervi.
Prima del premio con la giuria affronteremo un tema scottante: “La divulgazione nemica delle Fake news” il problema di districarsi fra le molteplici informazioni che riceviamo e la difficoltà di orientarsi correttamente. Ingresso libero, fino ad esaurimento posti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here