Volontariato, domani i centri liguri raccontano le loro attività

0
75

Questa è la settimana in cui si celebra (il prossimo 5 dicembre) la giornata del volontariato.

E domani, martedì 3 dicembre, i centri di servizio per il volontariato della Liguria si riuniscono e si presentano al territorio. Celivo (CSV della città metropolitana di Genova), CSV Polis (CSV Imperia e Savona) e Vivere Insieme (CSV La Spezia), raccontano la propria attività e il loro ruolo di supporto per favorire la crescita del volontariato e della partecipazione.

L’evento è aperto a tutti con l’obiettivo di portare informazione a vasto raggio: alle associazioni, ai volontari, agli enti del terzo settore, alle istituzioni, agli enti interessati al volontariato.

Il luogo è significativo: la sede di Fondazione Carige, espressione di vicinanza agli abitanti, con la sua ubicazione nel cuore della città, ma anche espressione della storia dei Centri di Servizio che per legge sono sostenuti grazie all’apporto delle Fondazioni di origine bancaria.

Molti i temi previsti dal programma, suddiviso in due parti: la mattina dalle 9.30 alle 13 e il pomeriggio dalle 14 alle 18.

LA SESSIONE MATTUTINA – ESPERIENZE DEI CSV E STORIE DI VOLONTARIATO

La mattina è dedicata alla presentazione dei CSV liguri a cura dei Presidenti; interviene Stefano Tabò, Presidente del CSVnet (associazione nazionale dei CSV). Tabò, genovese, ex Presidente del Celivo, è tra i massimi esperti del settore, portatore di innovazione, progettualità e nuovi modelli; il suo intervento “I CSV prima e dopo la riforma” è utile ai partecipanti per comprendere lo scenario attuale attraverso un confronto pre riforma del Terzo Settore. In quest’ambito, Luca Cosso, Presidente del Celivo e portavoce del Coordinamento Regionale dei CSV liguri, afferma: “I CSV liguri operano da più di vent’anni al servizio del volontariato. Sono stati profondamente riformati dal nuovo Codice del Terzo Settore. Il 3 dicembre sarà l’occasione per ripercorrerne la storia e rilanciare la loro azione attuale e futura”. La mattina è poi animata dalle storie di volontari e dalle loro esperienze dirette con i Centri di servizio. Questi interventi permettono ai partecipanti di informarsi attraverso il vissuto “di chi ci è già passato”.

LA SESSIONE POMERIDIANA – ASPETTI TECNICI DELLA RIFORMA

La sessione pomeridiana ha un taglio più tecnico ed è dedicata all’approfondimento formativo su tematiche specifiche. Luca Gori della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa tratta il tema “Il Codice del Terzo Settore e promozione del volontariato”, analizzando le disposizioni normative inerenti la promozione del volontariato e la funzione dei Centri di servizio. Stefano Tabò approfondisce invece il tema delle relazioni istituzionali del sistema dei CSV, proponendo una mappatura dei rapporti e dei protocolli di intesa di maggior rilievo a livello nazionale e internazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here