Pratiche false per rinnovo permessi soggiorno: ai domiciliari commercialista

0
308

I finanzieri della Spezia hanno scoperto un sistema di alterazione di documentazione contabile e di apertura di partite Iva fittizie a favore di soggetti extracomunitari. Le attività investigative, iniziate nel 2019, hanno permesso di individuare complessivamente circa 50 casi di illecita richiesta del rinnovo di permesso di soggiorno. Per la vicenda è stata arrestata una commercialista spezzina di uno studio del centro; ora è ai domiciliari. Secondo gli inquirenti, dietro un cospicuo compenso, la professionista alterava le dichiarazioni contabili presentate da una serie di soggetti extracomunitari, titolari di partite iva, al fine di poter avere le “carte a posto” per poter richiedere, presso diverse questure italiane, il rinnovo del permesso di soggiorno o il ricongiungimento di un proprio familiare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here