Coronavirus, Toti: “Se avete sospetti chiamate 112 non andate a Pronto Soccorso”

0
775

"Ove qualcuno avesse il dubbio di essere entrato in contatto con un soggetto proveniente dalle aree di contagio e di avere sintomi descritti più volte, non deve andare al pronto soccorso: rischia, col suo comportamento, di entrare in contatto con altre persone, mettendo a rischio altri soggetti". Lo ha detto il presidente di Regione Liguria, Giovanni Toti, nel punto stampa sul Coronavirus. Il consiglio è di chiamare il numero 112, ha spiegato il governatore, "verranno fatte dagli operatori una serie di domande per individuare un caso sospetto. Nel caso, il 118 manda un’ambulanza e, da quel momento, ha inizio un percorso dedicato e isolato. E’ molto, molto importante seguire questa procedura" ha evidenziato Toti. In Liguria vi è il consolidato sistema di "isolamento volontario", utilizzato "per i bambini che frequentano le scuole fin dall’inizio dell’emergenza, ancor prima che venisse sussunto nelle pratiche nazionali". "I soggetti che si sono recati in zone a rischio che tornano in Italia con triangolazioni di vario tipo sono in isolamento volontario, seguiti dalle autorità mediche – ha spiegato Toti – Quelli che sono in questa condizione in Liguria non destano preoccupazioni perché non hanno sintomi". In regione sono inoltre allo studio una serie di misure per spiegare le buone pratiche alla popolazione: sono semplici "regole da seguire perché si sappia valutare la situazione: non tutti gli episodi febbrili sono riconducibili al Coronavirus, sono molti di più quelli riconducibili a tutt’altro, come una semplice sindrome influenzale".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here