Virus: quarta morte in Liguria, positiva anche la donna della coppia di Diano

0
329

Salgono a quattro le persone morte in Liguria risultate positive al coronavirus. La Direzione Sanitaria dell’Ospedale Policlinico San Martino ha annunciato in una nota che "un paziente di 79 anni residente in provincia di Savona ricoverato al San Martino è deceduto stamani". "L’uomo era stato inizialmente gestito dall’equipe del reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale di Savona per una grave broncopolmonite bilaterale ma presentando un quadro clinico molto complesso – ha spiegato l’Ospedale – si è deciso di centralizzarlo al San Martino a mezzanotte, nel reparto di Rianimazione. Il paziente era transitato nell’area rossa del Veneto".

Intanto è risultata positiva al secondo tampone del Coronavirus la donna di 76 anni originaria di Brembate di Sopra, ricoverata da ieri sera, insieme al marito, nel Reparto di Malattie Infettive dell’ Ospedale di Sanremo. Le condizioni di salute della donna, negativa a un primo test, sono al momento critiche ed è sotto stretta osservazione da parte dei medici. Non destano preoccupazione invece le condizioni di salute del marito di 81 anni. I due coniugi alloggiavano in un hotel di Diano Marina, insieme a una comitiva di turisti, tutti arrivati da Brembate di Sopra il 22 febbraio scorso. Le autorità sanitarie hanno messo in isolamento tutte le persone presenti nell’ albergo.

E a Varazze il sindaco ha emesso questa mattina un’ ordinanza urgente per contenere il contagio da coronavirus. Il provvedimento ordina la chiusura di tutte le palestre, impianti e strutture sportive, pubbliche o private situate sul territorio comunale.

"In caso di necessità, anche improvvisa, la Regione Liguria è preparata con rianimazioni potenziate, medici pensionati richiamati in servizio e posti letto aumentati, 65 in più nelle terapie intensive liguri e fino a 250 per i casi non gravi". Lo ha annunciato il presidente della Regione, Giovanni Toti, stamani via Facebook, in merito alle misure in campo per affrontare il Coronavirus.