Italia verso la fase 2, Conte:”Se ami l’Italia, mantieni le distanze”

0
248

Mentre la Liguria da domani apre alcune attività (leggi qui l’articolo https://www.babboleo.it/2020/04/26/liguria-ecco-la-fase-2-da-domani-spostamenti-consentiti-nelle-seconde-case-e-via-libera-al-take-away/), stasera ha parlato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte per iniziare a raccontare la Fase 2 che inizierà il 4 e terminerà il 18 maggio.. “Stiamo contenendo la pandemia, è un grande risultato perché nei momenti peggiori la situazione è sembrata in alcuni momenti sfuggirci di mano – ha detto il premier -. Inizia la fase di convivenza con il virus. La curva del contagio potrà risalire in alcune aree del Paese. E’ un rischio che dobbiamo assumerci, ma è calcolato e dobbiamo affrontarlo con metodo e rigore. Sarà ancora più importante il comportamento responsabile. Rispettiamo un metro di distanza anche con i parenti. Almeno un contagio su quattro è nelle relazioni famigliari. Ognuno di noi deve pensare cosa può fare per garantire la ripresa. Terremo sotto controllo gli indicatori di contagio del virus. Dovessero manifestarsi situazioni di potenziale pericolo, saremmo costretti a tornare indietro”.

Ecco le novità per il 4 maggio.

Gli spostamenti saranno permessi all’interno della Regione per motivi di salute, lavoro o urgenza come accade anche ora, ma anche. A queste si aggiunge la possibilità di spostarsi per far visita ai congiunti.

Resteranno i divieti di assembramento pubblici e privati I sindaci potranno disporre la chiusura di specifiche aree.

Sarà consentito l’accesso a parchi, ville e giardini pubblici nel rispetto della distanza sociale e misure per contingentare gli ingressi.

Attività sportive e motorie: ci si potrà allontanare un po’ di più da casa, ma rispettando distanze di sicurezza. Saranno consentite sempre con il distanziamento sociale le sessioni si allenamento di professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale, ma solo degli sport individuali (dal 18 quelli di squadra).

I funerali si potranno celebrare, ma solo con un massimo di 15 persone con cerimonie possibilmente all’aperto e distanziamento sociale.

Bar e ristoranti potranno fare non solo consegne a domicilio, ma anche da asprt0o. Nessun assembramento sarà tollerato fuori dai locali. Si entrerà uno alla volte e il cibo si consumerà non davanti al posto di ristoro.

Riapriranno tutte le aziende di manifatture e costruzione e commercio all’ingrosso funzionali a manifattura e costruzione.

Trasporti: tutte le aziende del settore dovranno prevedere modalità di assoluto delle distanze.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here