“Fuori i fasci da Genova”, imbrattato palazzo R.Liguria; Toti: “Teppisti”

0
83

“I soliti teppisti che invece del lavoro chiedono il reddito. I soliti ignoranti che, non sapendo come attaccarci, ci danno dei fascisti. I soliti democratici insomma”. Così il presidente di Regione Liguria, Giovanni Toti, commenta le scritte di insulti che stamane sono state ritrovate sui vetri della Sala Trasparenza del palazzo della Regione, ovvero la sala stampa al pianterreno dell’edificio. “Fuori i fasci da Genova” e “Casa, reddito per tutti” le scritte di vernice rossa che hanno imbrattato le vetrate. Sul posto la Digos per esaminare i video del circuito di sorveglianza del palazzo. “Se almeno dopo averli imbrattati, vi degnaste di venire a pulirli fareste cosa utile ai liguri – ha aggiunto Toti – Non è attaccando un palazzo delle istituzioni che si mostra il volto antifascista della città. Vergogna”.Le scritte sono comparse nel giorno in cui si celebrano i fatti di Genova del 30 giugno 1960, quando i cittadini impedirono lo svolgimento del congresso dell’MSI in città.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here