23 Giugno 2021 – Babboleo

Giorno: 23 Giugno 2021

San Giovanni 2021: Bohemian Rhapsody, il concerto in piazza Matteotti a Genova

Falò di San Giovanni, torna la tradizionale festa per il santo patrono di Genova. Oggi in piazza Matteotti alle 22 ci sarà il concerto-omaggio ai Queen del progetto musicale Laps of Reason, ideato dal bassista Luca Sabatini.

L’evento, in collaborazione con Comune di Genova, Dipartimento Architettura e Design e Fondazione Palazzo Ducale, si chiama Bohemian Rhapsody, titolo eloquente di una scaletta che ripercorre i principali successi della band britannica. “Ci siamo legati all’anniversario, non particolarmente felice, della morte di Freddy Mercury, nel 1991” spiega Sabatini su Babboleo News.

“Nel nostro progetto musical cerchiamo di riproporre spettacoli, gruppi, artisti che abbiano fatto la storia della musica. Lo avevamo fatto con i Pink Floyd, ora lo stiamo facendo con i Queen perché rappresentano un percorso musicale su due decadi, gli anni 70 e gli anni 80”.

Il concerto sarà gratuito, saranno disponibili 1000 posti con ingresso libero, senza prenotazione, dalle ore 21 fino ad esaurimento. I posti sono contingentati per le normative anti-covid, ma rappresentano comunque un grande passo in avanti rispetto all’edizione 2020. “Il primo anno c’erano 6000 persone, è stato un momento meraviglioso. L’anno scorso erano solo 150, a Palazzo Ducale. Riuscire a tornare almeno a 1000 persone è un primo segnale di normalità”.

L’intervista integrale a Luca Sabatini

Stagione Moneglia Classica-Tesori di Liguria 2021 : al via la 40° edizione

Il 26 giugno ore 21.15, inaugurerà, in occasione della Serata dei Borghi romantici a Moneglia, la stagione musicale “Tesori di Liguria – Moneglia Classica”, che raggiunge quest’anno 40 anni di intensa attività con eventi particolari come il “Concerto all’Alba” presso la Fortezza di Villafranca (25/7) e con ospiti illustri quali il Quintetto degli Archi all’opera del Teatro Carlo Felice di Genova (12/7), il Trio Scaligero di prime parti del Teatro alla Scala (19/7) e il grande storico Franco Cardini (16/9), che interverrà in una serata dedicata a Dante nel segno dell’incontro fra musica, poesia e storia.


26 giugno 2021 – Serata dei Borghi romantici : all’Oratorio dei Disciplinanti (S. Croce) – Orario: 21.15 – Ingresso libero – Artista: Mademi Quartet. Quartetto di clarinetti formato da Eleonora De Lapi, Giulia Magnanego, Silvia Manfredi, Giorgia Mammi. – Musiche di Purcell, Dowland, Respighi, C. Schumann, Fauré, Puccini, Delibes, Piazzolla, Gershwin.
Il quartetto Mademi è composto da clarinettiste diplomate in Italia e negli Stati Uniti d’America e si è formato allo scopo di proporre brani musicali scritti o arrangiati per quartetto di clarinetti. Dopo un periodo di studio, prove e ricerche, il quartetto ha iniziato la sua attività concertistica in ambito nazionale ed internazionale, fra cui il concerto alle National Galleries of Scotland, esibendosi anche con la GOG (Giovine Orchestra Genovese) per i Rolli Days, e partecipando a importanti rassegne, spettacoli e conferenze musicali. Recentemente il Quartetto ha collaborato e continua a collaborare con importanti cantautori genovesi, come Max Manfredi, Federico Sirianni e Roberta Barabino. Il Quartetto si è inoltre esibito a Edimburgo, nell’ambito del Festival Internazionale di Edimburgo, con una serie di concerti nelle edizioni 2013 e 2015. Con il Mademi Quartet e la Serata dei Borghi romantici prende avvio la stagione musicale monegliese del 2021, anno in cui si compie il 40° compleanno della rassegna concertistica organizzata dall’Associazione Musicale Felice Romani.

La stagione, che va dal 26 giugno al 25 settembre, è composta di 19 eventi, fra cui alcuni ormai tradizionali, ad ingresso libero, come il Concerto all’Alba presso la Fortezza di Villafranca (25/7), le serate in cui si esibiscono i migliori allievi delle Master Classes (2/8 e 28/8) e i momenti rivolti all’incontro fra musica, poesia e storia (Suosplen e Colline in luce).

Quest’ultimi saranno dedicati, in particolare, al 700° anniversario della morte di Dante: nell’Oratorio dei Disciplinanti, Don Federico Pichetto terrà, l’11/8, una relazione dal titolo Con il cuore in Paradiso, con Beatrice negli occhi: imparare l’Amore con Dante Alighieri, mentre il 16/9 Moneglia ospiterà lo storico Franco Cardini in una conferenza sul tema Dante e l’esilio; il commento musicale delle due serate sarà a cura di Laura Dalfino e Mariangela Marcone, che proporranno arie e brani originariamente ispirati alle opere di Dante. Fra gli altri concerti, il 5/7 vedrà il ritorno del pianista Massimiliano Damerini che festeggerà a Moneglia i suoi 50 anni di attività.

Il 12/7, nel Chiostro di S Giorgio, il quintetto degli Archi all’Opera del Teatro Carlo Felice di Genova, insieme alla soprano Laura Dalfino, proporrà trascrizioni delle più celebri arie d’opera, alcune delle quali su testi di Felice Romani. Altra importantissima presenza sarà quella del Trio Scaligero (violino, viola e violoncello, prime parti del Teatro alla Scala), il 19/7. Fra gli altri considerevoli eventi del cartellone si segnala inoltre quello del 6/8, in cui il pianista Emanuele Ferrari, docente alla Bicocca di Milano, terrà una lezione-concerto recitando, cantando e suonando con lo scopo di avvicinare il pubblico alla musica classica.

La stagione si chiuderà, il 25/9, con il concerto della pianista Benedetta Iardella, a ingresso libero in occasione delle Giornate europee del patrimonio. Ciò, anche a simbolo e suggello dell’intensa attività svolta in questi quarant’anni dalla Felice Romani non soltanto promuovendo la musica classica, ma valorizzando altresì, come dimostra ad esempio l’impegno per il restauro dell’Oratorio dei Disciplinanti, i tesori del patrimonio artistico-culturale presenti sul territorio nell’intento di restituire il valore identitario che essi hanno per la comunità.

Prenotazione eventi (consigliata): +39 3289275376 oppure feliceromani85@gmail.com

Il “Festival in una notte d’estate” torna in piazza San Matteo dal 5 luglio al 5 agosto con i suoi “Percorsi di ri-esistenza”


Ai microfoni di Radio Babboleo News, Daniela Ardini, regista e direttrice artistica, racconta le novità dei “Percorsi di ri-esistenza”: l’eloquente sottotitolo della 24ª edizione del Festival in una notte d’estate di Lunaria Teatrodal 5 luglio al 5 agosto a Genova, nella splendida cornice della piazza e del chiostro della chiesa di San Matteo.

Una programmazione di prosa, musica e danza alla quale si aggiungono le iniziative collaterali, gli sconfinamenti a Villa Imperiale e in Valle Scrivia e, in agosto, la mostra celebrativa dei trent’anni di Lunaria, alla Sala del Munizioniere di Palazzo Ducale.

Un traguardo importante, quello del terzo decennio di attività, che verrà celebrato già all’inizio del Festival: il programma si apre infatti lunedì 5 luglio con la “Lunaria” di Vincenzo Consolo, non a caso il primo spettacolo rappresentato dalla compagnia che Daniela Ardini e Giorgio Panni fondarono nel 1991, qui riproposto nell’interpretazione di Pietro Montandon. La storia, tratta da uno dei testi più importanti della letteratura italiana del ‘900, racconta la favola del Viceré di Sicilia e della Luna che cade su una remota contrada senza nome, per poi rinascere e continuare ad ispirarci. Lo stesso Montandon, grazie all’uso delle maschere e alla sua invenzione recitativa, venerdì 9 e sabato 10 luglio, sarà ancora attore unico in scena, per una rilettura de “Il fu Mattia Pascal” di Luigi Pirandello.

Nuova produzione Lunaria è poi “Gradiva”, con Francesco Patanè e Sara Mennella e la regia di Daniela Ardini, nel chiostro di San Matteo lunedì 12 e martedì 13 luglio. Il testo è tratto dall’omonima novella dello scrittore tedesco Wilhelm Jensen, vissuto a cavallo tra XIX e XX secolo, che egli stesso definì “una fantasia pompeiana”: un giovane archeologo, Norbert Hanold, scopre a Roma un antico bassorilievo raffigurante una ragazza colta nell’atto di camminare, dal quale è straordinariamente colpito proprio per il particolare incedere della giovane donna che ribattezza, appunto, “Gradiva”, vale a dire “colei che risplende nel camminare”. Ad aggiungere ulteriore valore a questo racconto, il fatto che Sigmund Freud, padre della psicanalisi, vi abbia basato il suo primo studio applicato all’arte.

Il “Festival in una notte d’estate” è realizzato con il sostegno di Regione LiguriaComune di Genova e Camera di Commercio di Genova ed è patrocinato dalla Città Metropolitana di Genova. Si ringraziano gli sponsor Generali e Green City LightPalazzo Ducale Fondazione per la CulturaTeatro Nazionale di GenovaEdil Merello Portofino srl, l’abate Don Carlo Parodi e Armando Idà.

Genova celebra Milo Manara. La grande mostra a Porta Siberia

In un periodo storico nel quale il titolo di ‘maestro’ è decisamente inflazionato, Genova ospita la mostra dedicata ad un protagonista assoluto del fumetto italiano ed internazionale, Milo Manara, il celebre disegnatore e illustratore che ha attraversato cinquant’anni di storia del fumetto con il fascino e la sensualità delle sue tavole.

Negli spazi di Porta Siberia al Porto Antico di Genova, è visitabile “Manara. Un viaggio nel desiderio”, un viaggio tra cento opere originali affiancate da schizzi, bozzetti, studi, documenti rari e inediti e, per la prima volta in esposizione, il progetto “Lockdown Heroes” realizzato nel 2020, durante l’emergenza Covid-19.

L’amicizia con Hugo Pratt, i lavori con Federico Fellini, le grandi serie di illustrazioni dedicate a Brigitte Bardot e allo Zodiaco e gli omaggi ai cantautori della Scuola genovese come Luigi Tenco, Fabrizio De Andrè e Umberto Bindi sono alcuni dei temi raccontati dall’esposizione.

La mostra sarà visitabile sino al 17 ottobre con i seguenti orari martedì/domenica dalle ore 10:00 alle ore 19:00.
Biglietteria in loco secondo disponibilità e online: midaticket.it. Biglietto intero: 12,00€ Convenzioni, under 26 e over 65: 9,00€ Ridotto: 7-14 anni: 6,00€ Gruppi: 9,00€ 15 persone 14+1 gratuito. Gratuito: portatori di handicap, under 6 anni,