4 Luglio 2021 – Babboleo

Giorno: 4 Luglio 2021

Goletta Verde, a Regione Liguria prima bandiera nera per mancata istituzione Parco Nazionale Portofino

Tappa ligure nel levante di Genova a Camogli per Goletta Verde, iniziativa di Legambiente, che ha assegnato alla Regione Liguria la prima bandiera nera. Le motivazioni del riconoscimento in negativo le ha spiegate la stessa associazione, che oggi ha partecipato al presidio “Insieme per il Parco Nazionale di Portofino”, in collaborazione con il Coordinamento per il Parco Nazionale e Fridays for Future. L’assegnazione è dovuta alla “mancata istituzione del Parco Nazionale di Portofino – sottolineano – le politiche condotte nei confronti dei parchi regionali e le aree protette. Per non aver ritirato il permesso alla ricerca di titanio nel comprensorio del Beigua e non aver ampliato i confini dell’area protetta al Comune di Urbe. Per aver depotenziato gli Enti parcosottraendo il personale distaccato dalle dipendenze dirette dei parchi alla Regione. Per i continui tentativi di modifica della disciplina quadro dei parchi regionali indirizzati ad indebolire il sistema delle aree protette anziché rafforzare la tutela del territorio e della biodiversità”. Ascolta l’intervista a Santo Grammatico, presidente Legambiente Liguria.

Santa Margherita è Bandiera Lilla, il sindaco Donadoni: “Una certificazione che vuol dire accoglienza”

A Santa Margherita Ligure la Bandiera Lilla, il riconoscimento che premia i comuni italiani più virtuosi nel sviluppare servizi e infrastrutture che favoriscano il turismo da parte di persone con disabilità. Il riconoscimento sarà consegnato martedì alle 10.30 alla spiaggia “Mare per Tutti” in località Ghiaia.

“Una certificazione di qualità che vuol dire accoglienza” spiega su Babboleo News il sindaco Paolo Donadoni, che elenca gli interventi fatti negli ultimi anni per favorire l’inclusione e l’accessibilità per le persone diversamente abili. “Oltre alla spiaggia di Ghiaia, abbiamo un ostello per le persone con disabilità motorie, ascensori in stazione per raggiungere tutti i binari. E poi abbiamo realizzato interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche”.

Santa Margherita non è l’unico comune della Liguria ad aver ottenuto la Bandiera Lilla. Ce ne sono altri 6, principalmente nel ponente della regione: sono Albissola Marina, Diano Marina, Finale Ligure, Pietra Ligure, Spotorno e, in provincia della Spezia, Levanto.

Vernazzola cambia look, l’assessore Cenci: “Dopo degrado e sottoutilizzo l’area torna fruibile ai cittadini”

Presentato il progetto di rigenerazione urbana del litorale tra Sturla e Vernazzola, a Genova.

Il Comune realizzerà una passeggiata di collegamento tra il torrente Sturla e Vernazzola, un percorso ciclo-pedonale che colleghi la spiaggia a Boccadasse, quattro piazze con arredi e alberature e nuovi accessi alla spiaggia, oltre alla copertura per il depuratore e una nuova area giochi. Saranno ripristinate le creuze esistenti e creata una rete pedonale definita e adeguatamente segnalata.

L’assessore comunale all’urbanistica, Simonetta Cenci:

Litorale Sturla-Vernazzola, presentato il progetto di rigenerazione urbana

Una promenade, un percorso ciclo-pedonale fino a Boccadasse, aree verdi e arredi, quattro piazze e nuovi accessi alle spiagge per cambiare look al borgo di Vernazzola.


Una nuova passeggiata di collegamento tra la foce del torrente Sturla-via del Tritone e Vernazzola accessibile a pedoni, biciclette e disabili; un percorso ciclo-pedonale tra Vernazzola e Boccadasse; la creazione di quattro piazze con arredi, alberature e spazi per la sosta e il relax; nuovi accessi alle spiagge attraverso passerelle in legno stagionali removibili; il ripristino delle creuze esistenti per la creazione di una rete pedonale definita e ben segnalata; una nuova copertura per il depuratore e una nuova area gioco sottostante.

Sono gli interventi più significativi previsti dal progetto di riqualificazione del litorale tra Sturla e Vernazzola e, in particolare, del tratto che va dagli scogli di Capo Santa Chiara alla foce del torrente Sturla e dell’arco costiero su cui si affaccia il borgo di Vernazzola.

Il progetto di fattibilità tecnico-economica per la riqualificazione del litorale Sturla-Vernazzola è mirato al recupero ed alla rigenerazione di un’area di notevole rilevanza paesaggistica, naturalistica e ambientale, attualmente soggetta a fenomeni di grande degrado e sottoutilizzata rispetto alle sue potenzialità intrinseche in termini di aggregazione. A questo proposito, il progetto intende integrare il tessuto storico della città con il mare, favorendo e sviluppando la fruizione della costa da parte della cittadinanza.

Ciò avverrà attraverso una serie di interventi così strutturati:
1) creazione di una promenade continua di collegamento tra la foce del torrente Sturla-Via del Tritone e Vernazzola che sia accessibile a pedoni, biciclette e disabili;
2) realizzazione di quattro piazze/punti aggregazione con arredi, alberature e spazi dedicati alla sosta e al relax, a disposizione anche degli sportivi per il montaggio delle loro attrezzature (surf, kyte surf, canoa etc.);
3) razionalizzazione e riorganizzazione degli spazi di servizio dedicati al depuratore;
4) riorganizzazione delle barche sulle aree demaniali in concessione per migliorare la fruibilità degli spazi e l’ordine visivo;
5) nuove pavimentazioni congrue all’ambiente marino di litorale e omogenee in modo da creare una continuità stilistica e visiva degli interventi su tutta l’area;
6) realizzazione di nuovi accessi alle spiagge attraverso utilizzo di passerelle in legno stagionali removibili (giugno-settembre);
7) una proposta di collegamento ciclo-pedonale tra Vernazzola e Boccadasse attraverso la riqualificazione della creuza di via Icaro e rendendo accessibile via Dodero partendo dal suo allaccio con la parte terminale di via Capo Santa Chiara;
8) ripristino delle creuze esistenti per la realizzazione di una rete pedonale definita e ben segnalata; creazione di un’area gioco sul lato levante sotto il depuratore;
9) nuove piantumazioni, nuova illuminazione, nuovi arredi e sedute.

“Questo progetto, integrando il tessuto storico di Sturla e Vernazzola con il mare – spiega l’assessore all’urbanistica Simonetta Cenci – ci consentirà di migliorare in maniera significativa l’aspetto e la fruibilità di un’area importante di Genova, favorendo una maggiore aggregazione fra le persone, con evidenti benefici per il tessuto sociale ed economico della zona e di tutta la città. La rigenerazione urbana del litorale tra Sturla e Vernazzola è pienamente in linea con la nostra visione urbanistica per il futuro di Genova, basata sulla rivitalizzazione di aree strategiche dal punto di vista industriale e turistico. Una strategia nella quale rientrano interventi di grande respiro come il Waterfront di Levante, il Parco del Polcevera con il Cerchio Rosso, il piano Caruggi, Piccapietra e l’Hennebique”.