15 Settembre 2021 – Babboleo

Giorno: 15 Settembre 2021

Nasce ‘Beyond Net Zero’, l’hackathon di ERG a caccia di giovani idee per un futuro sostenibile

“Beyond Net Zero” è un concorso di idee rivolto a studenti universitari, neolaureati e ricercatori, con l’obiettivo di trovare soluzioni innovative e visionarie per un futuro sostenibile. “Invitiamo i giovani a darci un’idea, a darci spunti, suggerimenti sui quali potranno essere basati i driver di evoluzione di un’azienda come ERG nel medio e nel lungo termine“, spiega Luca Brugoli, direttore delle relazioni istituzionali e regolamentari ERG.

L’hackathon nasce dall’esigenza di proporre una visione innovativa della corporate energetica del 2050, declinando i valori fondanti di ERG in uno scenario internazionale in cui l’innovazione tecnologica, ambientale e sociale sono al servizio della sostenibilità. Ed è questa la principale sfida rivolta ai giovani partecipanti, ai quali sarà chiesto di elaborare una visione aziendale basata sui due macro-temi del progetto: quali strategie implementare a fronte delle sfide legate al cambiamento climatico una volta raggiunti gli obiettivi di Carbon Neutrality e la sostenibilità dell’azienda nel prossimo futuro, misurandone l’impatto a livello climatico.

“Vorremo da quì al 2025 raggiungere oltre 20 mila studenti con i nostri progetti di formazione e di informazione sulle fonti rinnovabili e sulla sostenibilità. Questo è il nostro contributo per fare in modo che i temi della decarbonizzazione e della transizione ecologica diventino temi formativi e di costruzione del livello di apprendimento delle nuove generazioni”.

Le iscrizioni sono aperte sino al 20 settembre
Info: https://www.erg.eu/it/

Ai microfoni di Babboleo News Luca Brugoli, direttore delle relazioni istituzionali e regolamentari ERG.

Hackathon UniWeLab, i giovani ripensano “la sopraelevata” di Genova

E’ stato presentato questa mattina il Premio Hackathon UniWeLab, promosso dal sodalizio tra Webuild, gruppo multinazionale italiano che opera nel settore delle costruzioni e dell’ingegneria, e l’Università di Genova. Il “patto” sancisce il reciproco impegno a promuovere e svolgere ricerche di comune interesse nei settori produttivi di appartenenza, da cui è nato UniWeLab a febbraio 2021.

Ed è proprio nell’Aula Magna della sede di Via Balbi che questa mattina si è svolta la presentazione del progetto a cui hanno preso parte, tra i tanti, il rettore dell’Università Federico Delfino, il CEO di Webuild Pietro Salini e il sindaco di Genova Marco Bucci.

Il progetto coinvolge sei gruppi, per un totale di circa quaranta studenti che devono presentare proposte creative per rendere il futuro della città più sostenibile e, in particolare, innovare la sopraelevata della Superba per un suo uso alternativo ed un suo miglioramento. I giovani hanno solo un giorno per poter elaborare la loro idea, infatti i vincitori del concorso saranno annunciati domani, giovedì 16 settembre. Infine, le menti che avranno pensato l’idea giudicata come migliore avranno l’opportunità di intraprendere un tirocinio all’interno di Webuild.

Salini, per introdurre il progetto, ha spiegato: “Quando ci sono crisi non applichiamo mai ciò che abbiamo studiato e appreso sui libri e l’obiettivo del concorso è proprio quello di mettere i giovani a confronto con un problema e chiedere loro di usare i libri”.
Delfino, infatti, sottolinea “l’importanza che possono acquistare gli studenti in un contesto del genere, i quali, non solo traggono benefici ma sono in grado di portare pensieri nuovi alla nostra città e Regione”.

Bucci invece pone molti quesiti, tra i quali: “Cosa vogliamo fare della sopraelevata?”, “come si vuole muovere la città di Genova? E i suoi turisti e cittadini?”. Viene sottolineata infatti l’importanza di studiare chi si deve muovere e del perché, oltre che di pensare al futuro della Genova dei prossimi trent’anni.

Per concludere, con le parole del sindaco: “Il vincitore deve essere in grado di muovere la passione, deve essere legato alla nostra storia. Vogliamo sforzi di bellezza e innovazione per formulare idee creative che alle menti che hanno visto tanto non vengono più”.

Vaccino, da oggi si può fare senza prenotazione in tutta la Liguria

Mentre è stata anticipata al 4 ottobre la somministrazione del vaccino antinfluenzale, da stamattina in Liguria è possibile vaccinarsi contro il Covid-19 senza prenotazione.

Un Open Day permanente, spiega il presidente ligure Toti, per offrire ai cittadini un servizio più rapido ed efficiente. I centri vaccinali che garantiscono il servizio sono 11, dislocati in tutta la regione.

A Imperia, Camporosso e Arma di Taggia in Asl1, a Savona e Finalborgo in Asl2, a Genova in Asl3. Nel Tigullio sono operativi gli hub di Chiavari, Rapallo e Sestri Levante, mentre l’Asl5 garantisce il servizio a La Spezia e Sarzana.

Nel dettaglio:

Asl 1
– Imperia, dal lunedì al sabato dalle ore 14.00 alle ore 18.00;
– Camporosso, dal lunedì al venerdì dalle ore 08.00 alle ore 14.00;
– Arma di Taggia, lunedì – mercoledì – venerdì dalle 08.00 alle 14.00; martedì – giovedì dalle 14.00 alle 18.00;

Asl 2
– Savona, Terminal Crociere, dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 18.00;
– Finalborgo, il sabato dalle 09.00 alle 18.00;

Asl 3
– Genova, Sala Chiamata dal lunedì al sabato dalle 08.00 alle 18.00;

Asl 4
– Chiavari, Hub Caperana dal Lunedì a Venerdì dalle 08.00 alle 18.00
– Rapallo, il sabato dalle 08.00 alle 18.00;
– Sestri levante, il sabato dalle 08.00 alle 18.00

Asl 5
– La Spezia, Hub Fitram dal lunedì al sabato dalle 08.00 alle 18.00;
– Sarzana, Hub San Bartolomeo dal lunedì al sabato dalle 08.00 alle 18.00

Il calcio in streaming non ingrana. Lega Consumatori Liguria: “Disagi all’utenza, si avvii conciliazione paritetica con Dazn”

La Lega Consumatori Liguria ha ricevuto numerose segnalazioni di utenti insoddisfatti dalla qualità del servizio di Dazn, l’emittente che da questa stagione trasmette in esclusiva il 70% delle partite di Serie A in streaming. “Abbiamo proposto al gestore la conciliazione paritetica per risolvere la questione senza andare per vie legali” dice il presidente regionale Alberto Martorelli, che su Babboleo News spiega quali siano i principali disagi dell’utenza.

“In caso di disservizio, il nostro consumatore si trova nella situazione di non sapere a quale soggetto rivolgersi per la risoluzione della problematica oppure di non avere riscontro, con l’ulteriore spiacevole sorpresa rappresentata dal ricevimento delle bollette degli stessi gestori.” spiega “Altro caso da non escludere è legato alle controversie inerenti il mancato o ritardato accoglimento del recesso dal contratto della società di pay tv. A ciò si aggiunge il fatto che l’utente deve districarsi in un articolato ginepraio contraddistinto da abbonamenti televisivi, contratti internet, nuove attivazioni ed eventuali recessi dai precedenti contratti, oltre all’inevitabile aumento dei costi per il portafoglio delle famiglie”.

La Lega consumatori ha quindi proposto, avvalendosi di esperti di diritto sportivo, l’attivazione della procedura di conciliazione paritetica, strumento essenziale che consente di risolvere a livello stragiudiziale le controversie in materia consumeristica con alto grado di successo evitando di intraprendere costose vie legali.

“In merito a quest’ultimo punto” spiega Martorelli, “occorre rilevare come non esista il protocollo di conciliazione paritetica con Dazn, diversamente da quanto previsto per altri comparti (ad esempio con le società di telefonia ed energia). Ecco perchè Lega Consumatori richiede a quest’ultima società di procedere con urgenza alla sottoscrizione ed attivazione del protocollo di conciliazione paritetica al fine di definire le diverse tipologie di vertenze in modo semplice, rapido ed economico”.

Non solo. “Riteniamo che l’intera tematica della fruizione dei diritti televisivi inerenti le partite di calcio dovrebbe essere oggetto di discussione nell’ambito di un tavolo specifico di monitoraggio del CNCU (Consiglio nazionale consumatori ed utenti) con la partecipazione non solo delle aziende e broadcaster del settore, dell’Agcom ma anche e soprattutto delle Associazioni dei Consumatori che rappresentano gli utenti ossia i principali destinatari dello spettacolo calcio. Siamo favorevoli al libero mercato – prosegue Martorelli – ma in un contesto strutturato in cui il consumatore possa compiere scelte consapevoli a seguito di adeguata informazione contrattuale e basato su una concorrenza che deve comportare una diminuzione di costi e non un aggravio di spesa”.

Ascolta un estratto dell’intervista a Alberto Martorelli su Babboleo News:

Cinema nei Parchi di Nervi, si chiude con il lieto fine

Arrivano i titoli di coda di un’estate a tutto spettacolo ai Parchi di Genova Nervi, che, dopo avere ospitato per più di un mese gli eventi del “Nervi Music & Ballet Festival,’ sono stati la suggestiva location di una ricca serie di appuntamenti cinematografici sotto le stelle molto apprezzati dal pubblico. L’edizione 2021 del Cinema nei Parchi si chiuderà dunque con il lieto fine sabato 18 settembre, ecco gli appuntamenti in cartellone nelle ultime serate:

  • Mercoledì 15 settembre – Ancora più bello di Claudio Norza;
  • Giovedì 16 settembre – The Suicide Squad. Missione suicida di James Gunn;
  • Venerdì 17 settembre – Come un gatto in tangenziale. Ritorno a Coccia di Morto di Riccardo Milani;
  • Sabato 18 settembre – Pulp fiction di Quentin Tarantino

La rassegna ‘Cinema nei Parchi 2021’ è presentata da ‘Circuito’ e prodotta da ‘Alesbet’ con ‘Centro Culturale Carignano’, in collaborazione con ‘Sas Liguria’, Comune di Genova – Assessorato alla Cultura e Fondazione

I biglietti costano 8 euro l’intero e 7 euro il ridotto (bambini fino a 12 anni e possessori tessera Acec). Sono validi gli abbonamenti di Circuito Cinema Top e Under 29. I biglietti possono essere acquistati in diversi punti della città, oltre a Nervi: all’ingresso, a partire da mezz’ora prima l’inizio dello spettacolo, al cinema Sivori, in salita Santa Caterina 12 (tel. 010 5532054), presso il Totem nel cortile Minore di Palazzo Ducale oppure on line, sul sito Circuito Cinema Genova.