2022 – Babboleo

Anno: 2022

Depuratore di Sturla: presentato alla cittadinanza “Circuito sul Mare”

E’ stato ufficialmente presentato questa mattina alla cittadinanza il progetto di riqualificazione dell’area posta a copertura del depuratore di Sturla, a Genova. Un lungo percorso di collaborazione tra pubblico e privato ha portato alla conclusione di un progetto molto importante per la città.

Nel 2020 Alesbet si è aggiudicata il bando emanato dal Comune di Genova e, in stretta collaborazione con il Municipio IX Levante, è nato il Circuito sul Mare: una sfida volta al recupero di uno spazio urbano di pregio realizzata nell’arco di due anni con un investimento economico di 300mila euro.

Siamo contenti di aver contribuito concretamente alla realizzazione di quest’opera” – spiega il Presidente di Alesbet Alessandro Giacobbe – “l’esperienza maturata nella gestione dello spazio in questi primi diciotto mesi di sperimentazione ci consente oggi di programmare al meglio il completamento delle opere ancora necessarie e il calendario delle iniziative per la prossima stagione primavera-estate 2023”.

“Si restituisce così alla città uno spazio totalmente rinnovato e rivolto a chiunque voglia trascorrere del tempo in uno spazio affacciato sul mare e dotato di aree comfort” – racconta il Sindaco di Genova Marco Bucci – “un’operazione che si inserisce in più ampio progetto che vuole rendere Genova una città sempre più attrattiva per il turismo e vivibile per i cittadini”.

Circuito sul Mare offre così ad oggi un Bistrot, aperto tutti i giorni, uno spazio giochi per bambini, l’area cani e in estate il cinema all’aperto a cura di Circuito cinema, oltre che musica dal vivo e servizi gratuiti per i frequentatori della spiaggia adiacente. Grande impatto estetico il lavoro fatto per rendere l’area ricca di verde, che nel prossimo futuro sarà gestito in collaborazione con l’Istituto tecnico agrario “Bernardo Marsano“.

Il console dominicano: “Esportiamo la cultura nautica genovese per fare grande il nostro Paese”

La comunità dominicana è una delle più numerose in Liguria. Nella nostra regione sono oltre 15.000, di cui la maggior parte residente a La Spezia. Nelsón Carela Luna, Console Generale della Repubblica Dominicana, è arrivato a Genova da circa un anno, per portare avanti la missione diplomatica. In questi giorni lo abbiamo incontrato per fare il punto sui servizi consolari offerti alla numerosa comunità dominicana e sulle varie iniziative portate avanti dal Consolato, sito in via Cecchi (Genova).

Proprio in virtù della nutrita presenza di dominicani sul territorio ligure, il Consolato rappresenta anche i concittadini residenti in Emilia Romagna, Toscana e Sardegna. Recentemente, sono stati aperti in Liguria nuovi sportelli consolari: oltre alla sede principale a Genova ci sono sedi anche a Savona e La Spezia. “Il Consolato è il più antico, qui a Genova, aperto nel 1860” spiega Carela Luna. “A La Spezia siamo aperti anche il sabato, per permettere ai nostri concittadini di non perdere una giornata di lavoro per fare le pratiche di cui hanno bisogno”.

Servizi consolari, ma non solo: una delle principali iniziative di Consolato e Ambasciata dominicana ha riguardato le celebrazioni del 25 novembre, in occasione della Giornata per l’eliminazione della violenza contro la donna. Non tutti sanno, infatti, che la data del 25 novembre è stata scelta proprio in ricordo dell’assassinio delle sorelle dominicane Mirabal, che furono uccise perché oppositrici della dittatura di Trujillo. A Palazzo Tursi, proprio il 25 novembre, l’Ambasciatore Dominicano in Italia Tony Raful ha tenuto una conferenza magistrale sul tema, insieme al Console e all’Ambasciatore Dominicano presso la FAO Mario Arvel. Il Sindaco Bucci, poi, ha riconosciuto 30 donne latinoamericane per il lavoro costante e prezioso a servizio della comunità latinoamericana a Genova.

C’è poi un grande obiettivo su cui sta lavorando il Console Carela Luna: portare la cultura nautica genovese, in Repubblica Dominicana, proprio come se fosse una vera e propria scuola, per fare imparare i metodi tecnici e imprenditoriali che hanno fatto grande – e fanno grande – la Liguria, e che mancano nel paese natio. “La Repubblica Dominicana riceve tantissimi turisti ed è toccata da 7 mila navi, grandi o piccole, ogni anno” spiega. “Sviluppare la nautica e la cantieristica, sul modello di Genova, sarebbe molto importante per sviluppare ricchezza e cultura”.

Ascolta l’intervista integrale al Console della Repubblica Dominicana a Genova, Nelsón Carela Luna

Anche Genova celebra la Giornata internazionale delle persone con disabilità

Oggi, 3 dicembre, si celebra la giornata internazionale dedicata alle persone con disabilità, come proclamato nel 1981 dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla difesa e l’inclusione dei diritti dei cittadini disabili.
Questa mattina al Teatro della Tosse il convegno “Un giorno per tutti… I giorni – Sfide, abilità, opportunità”, organizzato da Regione Liguria. “Meno barriere per la Liguria che siamo costruendo” – ha commentato il Presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, che ha sottolineato il lavoro di Regione che ha stanziato 6,5 milioni di euro oltre ai 2,4 già investiti ad agosto per aiutare giovani tra i 16 e i 25 anni ad avvicinarsi al mondo del lavoro.

Una giornata per mettere il focus su un problema che però dev’essere affrontato quotidianamente soprattutto dalle istituzioni” – racconta ai microfoni di Radio Babboleo l’assessore ai servizi sociali Lorenza Rosso – “Il Comune di Genova sta finanziando un piano di abbattimento delle barriere architettoniche geolocalizzato, che permette di verificare se il percorso è pienamente o parzialmente accessibile a tutti”.

Quella “stazione di Sant’Ilario” e il nuovo romanzo di Matteo Sacco

Ex pallanuotista, giornalista, commentatore e scrittore italiano, Matteo Sacco pubblica “Mia zia non è Bocca di Rosa“, romanzo, che rievoca i ricordi passati e vissuti dall’autore tra le mura della stazione di Sant’Ilario, che deve gran parte della sua notorietà alla sua citazione all’interno della famosissima ballata “Bocca di Rosa“, composta dal cantautore genovese Fabrizio De Andrè nel 1967. 

Creuze, profumi e colori delle primavere nella Riviera genovese di Levante, fanno da cornice all’adolescenza di Carlo che insieme all’amica Simona, si ritroverà catapultato in una vita, decisamente, nuova.

Ai nostri microfoni Sacco Matteo, ci racconta del suo libro

Jack Savoretti torna a Genova con il suo “Europiana Tour”

Il prossimo 6 dicembre 2022 Jack Savoretti sarà al Carlo Felice di Genova per la seconda data italiana del suo “Europiana Tour“.
Una data prevista per lo scorso 26 febbraio 2022, ma rimandata per le complicanze causate dalla pandemia che per tanto, troppo tempo, ha tenuto le persone lontane dai teatri e dalla musica. Proprio in questo frangente di vita barricati in casa nasce l’ultimo lavoro di Jack Savoretti “Europiana“. “La colonna sonora perfetta per la vacanza che non potevamo avere” – racconta Jack Savoretti ai microfoni di Radio Babboleo – “il mio tentativo di regalare ai miei figli la mia infanzia, tutti i ricordi bellissimi in Liguria“.

Un album che rappresenta un collegamento tra tutta la musica europea degli ultimi sessant’anni a partire da Lucio Battisti, Patti Pravo, Mina fino a Giorgio Moroder e Daft Punk. “Quando stavo cercando di ricreare un’atmosfera di vacanza a casa durante il lock-down mi sono messo ad ascoltare questa musica, musica che io associo al viaggiare e mi sono reso conto che esiste un link tra tutta questa musica ed è che culturalmente è tutta europea: anche se di ispirazione americana, l’aspirazione è molto europea“.

Il cantante britannico ha infatti origini anglo-italiane, ma più precisamente genovesi da parte paterna. Luoghi del cuore grandi protagonisti di molte sue canzoni. “Mi sono trovato a raccontare storie di Portofino della mia infanzia in Liguria, delle prime serate in cui stavo sveglio fino a tardi insieme ai miei genitori. Tutte cose che non potevamo più vivere, ma da rivivere tramite un viaggio” – continua – Quando torno in Liguria è come tornare a casa, nella mia vita ha sempre rappresentato tanto: malinconia, nostalgia, ma la riguardo sempre con felicità e questo album deriva tutto da lì“.

Finalmente Savoretti torna nei teatri e torna a Genova con questo nuovo tour, che porta con se un’energia rinnovata, dopo due anni di stop a causa della pandemia. “Abbiamo dato per scontato tante volte che il pubblico ci sarebbe sempre stato, ma quando qualcosa che ami ti viene tolto ti accorgi di quanto sia importante. Oggi c’è un’atmosfera diversa, la gente ha voglia di stare insieme“.

Non manca ovviamente il riferimento anche al suo Genoa, che segue fedelmente dall’Inghilterra. “Per la prossima generazione di genoani bisogna tornare in serie A e ricreare questo rapporto romanico che il Genoa ha con la serie A“.

Ai microfoni di Radio Babboleo Jack Savoretti

Venerdì a Genova lo sciopero generale dei sindacati di base. “Giù le armi, su i salari”

Giù le armi, su i salari: senza pace non si esce dalla crisi” è questo lo slogan ed il messaggio che viene portato avanti dallo sciopero generale di Venerdì 2 dicembre, indetto da OR.S.A Liguria, USB, CUB e CODACONS, che avrà inizio alle 10:00 in Largo Lanfranco, davanti alla prefettura di Genova.

Le organizzazioni sindacali di base e conflittuali hanno indetto lo sciopero generale a contrasto dell’attuale situazione lavorativo che non vede tutelati i suoi dipendenti.

L’Italia è l’unico tra i Paesi dell’OCSE ove i salari sono più bassi rispetto a 30 anni fa e la decisione di diventare un paese belligerante e attivo nel conflitto che ormai da tempo interessa Ucraina, nonostante la stragrande maggioranza della popolazione sia contraria, ha portato a molti cambiamenti a livello economico e non solo.

“L’aumento generalizzato dei prezzi, dei beni di prima necessità e delle bollette di luce e gas, insieme all’esplodere della inflazione ormai sopra 1’11% (il 15% per le classi popolari), stanno portando milioni di persone sotto la soglia di povertà, essendo che gran parte dei sostegni economici, sono andati alle grandi imprese anziché ai lavoratori, ai pensionati ed ai disoccupati” spiegano i sindacati.

“L’attuale governo Meloni, in perfetta continuità con il precedente governo Draghi, chiede di aderire a una economia di guerra e continua a chiedere pagamenti per sostenere i costi che non abbiamo creato né voluto mentre i salari, le pensioni, i redditi da lavoro e gli ammortizzatori sociali sono in fortissimo aumento portando inevitabilmente ad peggioramento delle condizioni di vita”

Alessandro Bianchi, segreteria nazionale di OR.S.A. TPL, segretario amministrativo di OR.S.A. TPL Genova

“È ora di dire basta all’escalation bellica, qui ed ora, contro la guerra per imporre lo stop all’invio di armi in Ucraina. Senza la pace sarà molto difficile poter uscire da una crisi economica che viene pagata, dai lavoratori e dai ceti meno abbienti in tutta Europa. Lo sciopero generale in programma per il 2 dicembre è l’arma fondamentale che hanno lavoratori e lavoratrici per contrastare le politiche economiche “lacrime e sangue” e per fermare la guerra” concludono.

Cargo Market per la prima volta a Genova in vesti natalizie: appuntamento il 3 e 4 dicembre all’Albergo dei Poveri

Tutto pronto, a Genova, per una nuova edizione di Cargo Market, l’evento itinerante nato nel 2018 per coinvolgere commercianti, artisti e attività locali e creare veri e propri bazar “a tempo” in spazi storici e rappresentativi della città.

Il 3 e il 4 dicembre, rispettivamente dalle 11 alle 23 e dalle 11 alle 22, Cargo Market sarà all’Albergo dei Poveri, per la prima volta con vesti natalizie: “Christmas Change” è il nome dell’edizione, che vuole sensibilizzare su un tema d’attualità come quello del cambiamento climatico.

“Siamo finalmente riusciti a organizzare un’edizione sotto Natale” spiega soddisfatto Alberto Ansaldo, tra gli organizzatori dell’evento. “L’Albergo dei Poveri è stato completamente ristrutturato nelle parte che ci ospiterà: sarà bellissimo”.

L’intervista ad Alberto Ansaldo, tra gli organizzatori dell’evento

L’Albergo dei Poveri, che per due giorni sarà dimora itinerante di artisti, artigiani, designers, musicisti e molto altro, ospiterà nei suoi saloni appena restaurati gli stand che racconteranno sogni e abilità creative degli espositori provenienti da Genova e da tutta Italia. Nel giardino sarà allestita l’area street food e bar e saranno organizzati workshop e laboratori. La programmazione prevede esibizioni live che cominceranno all’ora dell’aperitivo in entrambi i giorni. L’evento è gratuito e a libero accesso.

Per info: Cargo Market Genova – Pagina Facebook

L’Associazione Ginnastica Pro Chiavari si riconferma tra le migliori società d’Italia.

L’Associazione Sportiva Dilettantistica Ginnastica Pro Chiavari, fondata nel 1893 ha condotto la sua attività in molteplici discipline ma la specialità più duratura e con cui ha raggiunto i maggiori successi è quella della ginnastica artistica. Con uno staff tecnico di assoluto livello nel panorama nazionale e soprattutto grazie all’impegno dei suoi atleti la Pro Chiavari si riconferma tra le migliori società d’Italia, nonostante le difficoltà degli ultimi anni a causa dei danni strutturali subiti dalla palestra.

Parlando del settore maschile spiccano i nomi Andrea Barzaghi e Gioele Codemi, classe 2011, che vengono ammessi alla fase Nazionale del prossimo 10-11 dicembre a Rimini, dopo la riconferma dei rispettivi titoli di campione regionale e vicecampione regionale del campionato LD.

Lo stesso per But Mykhailo, classe 2012, che tra gli allievi di prima fascia vince il titolo regionale ottenendo così l’ammissione alla finale nazionale mentre Davide Mattoli, classe 2002, agli ultimi Nazionali si è classificato settimo tra i migliori ginnasti d’Italia al cavallo con maniglie.

Molto buone sono inoltre le prestazioni, del settore femminile di tutte le ginnaste in forza alla società chiavarese.

L’impegno del primo semestre della Pro Chiavari, mostra che la società si distingue tra le altre società liguri per essere l’unica a schierare 3 formazioni nel campionato Gold a squadre (classi 2010-2011-2012-2013). I frutti del duro lavoro dei ragazzi sono innegabili.

La prima formazione vince infatti il campionato regionale e si aggiudica il pass diretto ai campionati italiani mentre dopo la gara di Zona Tecnica del Nord Ovest a Torino, le altre due squadre riescono ad entrare tra le prime 40 squadre d’Italia accedendo alla finale nazionale a Jesolo che si terrà dal 16 al 18 dicembre.

A La Claque di Genova la prima edizione del Touch the Sky Festival

Si svolgerà l’11 dicembre 2022 dalle ore 21 a Genova sul palco de La Claque la prima edizione del TOUCH THE SKY FESTIVAL, la manifestazione artistica rivolta ai nuovi talenti e dedicata a musica, teatro e cinema. Una vera e propria competizione che vedrà trionfare solo il migliore, che si aggiudicherà una stella in cristallo.

Il Festival, ideato e promosso da Show in Action – agenzia di eventi e management genovese, nonché etichetta discografica ed editore musicale e cinematografico – vedrà così alternarsi sul palco performance musicali e teatrali, balletti e proiezioni cinematografiche.
A condurre l’evento Katia Gangale, speaker di Radio Babboleo, affiancata da Edel De Gennaro, per la prima volte nella veste di conduttrice, ma con un passato da attrice teatrale e cinematografica.

Ad aprire il festival il cantautore e scrittore Francesco Curci, con i nuovi brani tratti dal suo ultimo album “Più di così”. Insieme a lui numerosi ospiti e musicisti professionisti.
Nella parte dedicata al Teatro invece si esibirà l’attore Davide Paganini, artista eclettico che spazia dal teatro al cinema passando dalle serie tv.
A chiudere il festival il cinema. Due proiezioni su grande schermo con il regista Nicola Bozzo: “Bhaktapur/A Human Story” verrà proiettato al termine della serata insieme al trailer di “Il meccanico e il cane”, progettato con Show in Action Production.
Padrino dell’evento Enrico Vanzina, regista, produttore, scrittore, giornalista e sceneggiatore.

Ai microfoni di Radio Babboleo Anna Maria Grassi, titolare di Show in Action e ideatrice del Touch the Sky Festival