25 Marzo 2022 – Babboleo

Giorno: 25 Marzo 2022

Elezioni, Dello Strologo: “Genovesi arrabbiati per multe e manutenzioni. Sfido Bucci su giovani e lavoro”

Il candidato sindaco della coalizione progressista, Ariel Dello Strologo, ha rilasciato una lunga intervista a Babboleo News nella quale ha illustrato i punti principali del suo programma e risposto alle domande su lavoro, giovani, sostenibilità e sicurezza.

Due giorni fa Dello Strologo è stato ‘fermato’ dal Covid-19. “Ma la campagna elettorale non si ferma e non si può fermare” rassicura. “Ho uno staff che lavora incessantemente. Riesco a rimanere collegato e a lavorare grazie alla tecnologia”.

Ed è proprio dalla tecnologia, la cosiddetta ‘industria leggera’, che secondo Dello Strologo Genova deve ripartire per rilanciare il lavoro. “L’industria ha una grande tradizione a Genova, ma il mondo è cambiato” spiega. “All’industria tradizionale e quella tradizionale vanno affiancate quella della tecnologia e del turismo. Intorno a questi tre asset bisogna ricostruire un tessuto economico capace di attirare anche da fuori Regione. Ci vuole attenzione al lavoro che c’è, ma anche creare lavoro nuovo”.

Sulle politiche giovanili, Dello Strologo non ha dubbi: “E’ la sfida più importante, su cui mi voglio misurare di più” confessa. “Riuscire a trasformare la città di Genova in una città che diventi accogliente per i propri giovani e per quelli di tutto il mondo. Un luogo in cui si può venire a studiare e lavorare, in cui si possono trovare le condizioni ideali per creare il proprio lavoro. Basti pensare alle realtà delle start-up e dell’hi-tech”.

Il candidato sindaco ha poi parlato di scarsa attenzione, da parte dell’attuale amministrazione comunale, verso diverse zone della città, come la Valpolcevera e la Valbisagno. “Si è concentrata su alcune parti della città, tralasciandone altre. E lo si vede girando per le strade: dalla carenza di manutenzione sui marciapiedi, alle buche nelle strade e alla mancanza di verde. E questo è dimostrato dai sondaggi più recenti: i genovesi sono arrabbiati. Non si tratta di centro o periferia, la città intera deve essere trattata meglio”.

Sul tema della sostenibilità ambientale e sociale, “è evidente la contraddizione: da un lato Bucci sbandiera le piste ciclabili, tra l’altre fatte in modo irrazionale, basti vedere lo scempio di Corso Italia, dall’altro lato si continua con interventi che vanno nella direzione opposta”. Recentemente, l’opposizione e le associazioni degli esercenti hanno criticato la scelta dell’amministrazione di aprire alla GDO in aree pubbliche, ultima l’ex area Mira Lanza. “La continua apertura di supermercati, che esaspera i commercianti, viene fatta semplicemente per avere i soldi con cui riqualificare beni pubblici. L’effetto è che le botteghe chiudono e si desertifica la città. Ecco perché viene meno il principio generale della sostenibilità, intesa come rispetto dell’ambiente in cui si vive”.

Questo porterebbe a una retromarcia su alcuni progetti, nel caso in cui il centrosinistra dovesse vincere le prossime comunali? “No, se i progetti avranno coerenza con le nostre idee di città” risponde Dello Strologo. “Per altri progetti in stato avanzato, le cui modifiche o annullamenti comporterebbero spreco di denaro pubblico o allungamento dei tempi, staremo bene attenti a non danneggiare la città. Cercheremo di rimediare a eventuali scelte dannose dell’amministrazione precedente, ma senza appesantire ulteriormente le tasche e il disagio dei cittadini”.

Non è il caso, però, dei depositi chimici a Ponte Somalia. Non perché questa non sia una priorità del candidato progressista, ma semplicemente perché, spiega, non è di competenza del Sindaco. “Il Comune ha poca voce in capitolo, se non in termini di autorevolezza politica. Bucci è andato oltre i propri poteri, ingerendo nelle scelte dell’Autorità Portuale. Si può però interloquire con le varie parti: ho promesso che avrei studiato e approfondito le possibilità alternative a una collocazione invisa ai cittadini, e lo sto facendo. E’ un percorso lungo, che non si può esaurire in poche settimane, ma è doveroso e lo porterò avanti”.

In chiusura, Dello Strologo si mostra perplesso sull’impennata di multe da parte della Polizia Locale, giustificata dall’attuale amministrazione nella direzione di una maggiore sicurezza stradale. “Le persone sono esasperate, le multe vengono comminate con una severità totalmente incomprensibile e ingiustificata” denuncia. Nei primi 40 giorni del 2022, in città sono state elevate 16mila sanzioni. “Da un lato è corretto pretendere che si rispettino le norme, ma i cittadini devono capire di essere all’interno di un patto con le istituzioni: se parallelamente le strade continuano a essere in pessime condizioni, il traffico è insostenibile e muoversi diventa impossibile, è difficile pretendere in maniera così ossessiva e rigorosa l’osservanza delle regole. E poi, il dubbio che questa attività ipercinetica del comminare le multe sia più legato a esigenze di cassa, che di sicurezza stradale, viene naturale…”

Ascolta l’intervista al candidato sindaco di Genova delle forze progressiste, Ariel Dello Strologo:

Cure a bimbi disabili liguri, i genitori: “Nessuna traccia del milione e mezzo dichiarato dalla Regione”

Marco Macrì, coordinatore delle famiglie che da mesi lottano per ottenere garanzie riguardo alle terapie riabilitative per i bambini diversamente abili, ci aggiorna sulla situazione della battaglia per richiedere l’intervento della regione Liguria.

La situazione sembra essere in stallo in questo esatto momento, lo dichiara Macrì, asserendo che “in merito alle terapie riabilitative, ASL ha cominciato a fare le assunzioni che aveva pubblicizzato il governatore Toti” e continua chiarendo che riguardo ai fondi, in totale due milioni di euro, destinati ai bambini disabili di cui aveva parlato il presidente regionale, sono stati sufficienti per mandare in terapia solo 150 bambini, anche perché “del milione e mezzo dichiarato ad oggi non c’è alcuna traccia”. In questo momento si sta attendendo che arrivi la seconda cifra, necessaria per assistere il resto dei bambini.

In merito alle 104, per quello che riguarda i minori, continuiamo ad avere problemi” continua così Marco Macrì e sottolinea che chi avrebbe diritto all’erogazione di emolumenti e servizi deve aspettare oltre i 248 giorni, quando invece per legge l’attesa non dovrebbe superare i 120 giorni.

Macrì ha poi parlato della nuova iniziativa “Green Day”, a mezzo di Amiu e delle altre associazioni citate nelle locandine. La Fondazione Chiossone a Boccadasse e l’Associazione Maruzza Liguria a Voltri, hanno patrocinato due eventi, il primo il 26 Marzo 2022 e il secondo il 2 aprile 2022, entrambi aventi come tema l’educazione ambientale “per fare in modo che questi bimbi speciali abbiano la possibilità di comprendere come essere cittadini migliori, facendo la raccolta differenziata”. Marco Macrì ci spiega che “Amiu spiegherà ai bimbi come i vari residui che ci possono essere a casa”. Le associazioni prima citate organizzeranno anche dei giochi sensoriali, utili per capire la differenza tra cartone, plastica e umido. In conclusione degli eventi gli Zena Heroes saranno presenti per intrattenere i bambini.

Genova capitale del Barocco. Mostre al Ducale, in tutta la città e a Roma. Serena Bertolucci racconta l’evento a Babboleo.it

Con Progetto Superbarocco Genova si trasformerà per oltre tre mesi nella capitale italiana del barocco con mostre diffuse in tutta la città, in sinergia con un grande evento allestito alle Scuderie del Quirinale a Roma, per celebrare uno dei momenti di maggiore splendore della storia della Superba, quando tra Sei e Settecento la Repubblica raggiunse l’apice della sua potenza e divenne punto di riferimento culturale e artistico. 

A Genova Progetto Superbarocco proporrà dal 27 marzo al 10 luglio 2022 due grandi appuntamenti: la mostra “La forma della Meraviglia” a Palazzo Ducale e la rassegna di esposizioni diffuse in tutta la città “I Protagonisti. Capolavori a Genova 1600 – 1750”. Il tutto, in sintonia con la mostra delle Scuderie del Quirinale a Roma La forma della meraviglia – Capolavori a Genova tra 1600 e 1750 dedicata al momento in cui Genova visse una straordinaria stagione artistica attraverso opere pittoriche , sculture, affreschi, tessuti ed altre forme realizzate da celebri artisti stranieri come Rubens, Van Dyck e Puget, e da brillanti talenti locali come Bernardo Strozzi, Valerio Castello, Gregorio De Ferrari. 

Serena Bertolucci, direttrice di Palazzo Ducale, racconta il Progetto Superbarocco a Babboleo.it

Queste le altre sedi espositive in città

  • Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti, dove verranno presentate tele inedite e nuovi restauri di Orazio De Ferrari
  • Musei di Strada Nuova con le esposizioni dedicate ai pittori Gioacchino Assereto e Gregorio De Ferrari, quest’ultima ricca anche di bellissimi progetti su carta dell’artista, di grande raffinatezza; e con la mostra Superbe Maioliche, ricostruzione di imbandite tavole barocche
  • Gallerie Nazionali di Palazzo Spinola con le bellissime tele di Giovan Battista Castiglione il Grechetto
  • Museo Diocesano, dove Adorna d’oro, d’argento e di seta racconta il lusso e la sontuosità dei tessuti del Seicento genovese
  • Museo di Palazzo Reale, dove è protagonista la scultura di Filippo Parodi nello spazio della dimora barocca
  • Palazzo Nicolosio Lomellino, dove la statuaria diventa arredo da giardino, con le sculture marmoree di Domenico Parodi
  • Palazzo Tobia Pallavicino, con Lorenzo De Ferrari e la splendida Galleria Dorata, di cui vengono presentati anche i disegni
  • Palazzo Andrea Pitto (già Cambiaso Centurione ), dove l’attenzione è concentrata su Bartolomeo Guidobono
  • l’Albergo dei Poveri, nella cui chiesa, sull’altare maggiore, s’innanza a gloria eterna la splendida Vergine in marmo scolpita da Pierre Puget