18 Settembre 2022 – Babboleo

Giorno: 18 Settembre 2022

L’Antico mulino di Belpiano Ra Pria: un’eredità per il futuro

L’Antico mulino di Belpiano Ra Pria, a Borzonasca, nell’entroterra di Genova, continua il percorso intrapreso nel 2019 e negli anni precedenti. Sarà infatti possibile visitarlo in tutto il suo insieme e nella sua specifica tipologia funzionale e costruttiva, nelle giornate del 24 e 25 settembre 2022, dalle 15 alle 18.

“La parte originaria della struttura è databile almeno al XVIII secolo” si legge su Museo Italia “mentre, nella consistenza attuale, l’edificio risale al 1832. È costituito da due blocchi edilizi aderenti di cui uno, la torre, con altezza pari a circa 7 metri, al cui interno è stata ricavata una condotta di sezione decrescente verso il basso; l’altro adibito, nella parte inferiore a locale turbina, nel livello sovrastante a locale macina e nel sottotetto ad alloggio del mugnaio. Diversamente da quanto avviene normalmente l’edificio non è stato realizzato sull’argine del corso d’acqua, ma in prossimità delle abitazioni, pertanto si è reso necessario convogliare l’acqua dal rio alla parte sommitale della torre mediante appositi canali, ancora in parte visibili. Altra peculiarità di questo mulino è l’adozione del sistema a ruota idraulica orizzontale anziché verticale, più adatto ad un minor quantitativo d’acqua disponibile. Al piano superiore possiamo sentire il suono magico dell’antica mola e capire come veniva versato ed infine macinato, il grano”.

Il 24 e 25 settembre, durante le visite guidate, sarà possibile degustare prodotti locali e anche derivati dalla farina di castagna.

Omicidio Scagni, la famiglia propone una borsa di studio di psicologia ai poliziotti. SIAP: “Provocazione evitabile”

La famiglia di Alice Scagni, la 34enne uccisa dal fratello a Genova lo scorso 1 maggio, vuole patrocinare una borsa di studio per insegnare la psicologia ai poliziotti. I parenti della vittima, infatti, sostengono che le loro richieste di aiuto alla Polizia nei giorni precedenti l’omicidio siano rimaste inascoltate, forse proprio per una inadeguata preparazione da parte degli agenti che avevano risposto alle loro telefonate.

Il SIAP, sindacato di categoria, insorge: “Vogliono concentrare l’attenzione contro l’immagine della Polizia” scrive il segretario nazionale Roberto Traverso. “Giusto chiedere che venga fatta chiarezza sugli eventi e sulle motivazioni anche pregresse che hanno determinato l’omicidio” prosegue la nota “ma questa ulteriore mossa provocatoria poteva essere evitata”.

L’intervento di Roberto Traverso a Babboleo News: