11 Novembre 2022 – Babboleo

Giorno: 11 Novembre 2022

“The Matchmaker” film intervista di Benedetta Argentieri a Tooba Gondal, la più famosa jihadista inglese

“The Matchmaker” il nuovo film documentario di Benedetta Argentieri, presentato al Festival di Venezia 2022 nella sezione “fuori concorso” sarà proiettato Mercoledì 16 al CineClub Nickelodeon di Genova.

Prodotto da Fandango, diretto e scritto da lei, “The Matchmaker” è l’intervista esclusiva ad una nota jihadista, Tooba Gondal, che a soli 21 anni è scappata da Londra per unirsi allo Stato Islamico, diventa famosa in tutto il mondo come “The ISIS Matchmaker”.

Gondal allude allo stereotipo della donna innocente che vediamo sullo schermo, soggiogata dall’uomo sbaglia o in realtà è un’estremista violenta e pericolosa?

Ai microfoni di Babboleo, Bendetta Argentieri:

Depositi chimici a Sampierdarena, nuovo incontro il 15 novembre. Colnaghi: “Battaglia va avanti”

Ci sono novità per lo spostamento dei depositi chimici di Multedo a Sampierdarena: l’Autorità Portuale ha convocato per il 15 novembre un tavolo con tutti i soggetti interessati. Alla riunione sarà presente anche il presidente del Municipio Centro Ovest, Michele Colnaghi, da sempre contrario allo spostamento e attualmente in una battaglia legale con il Comune e l’Autorità Portuale.

Colnaghi, finalmente un incontro a Palazzo San Giorgio.

Cosa chiederete in merito ai depositi chimici?

La convocazione a parlare, può essere interpretata come un primo passo verso il risolvimento del problema o lo si interpreta come uno scontro forontale?

E se non trovassero un’altra soluzione?

Sicurezza: in arrivo nel Centro storico 736 nuove telecamere a circuito chiuso e 25 portali per lettura targhe

Le nuove camere a circuito chiuso andranno a sommarsi alle 234 già esistenti e connesse ai 60 chilometri di fibra ottica del Comune. Finanziato con fondi PNRR, il progetto avrà un costo complessivo di 4.908.000 euro.

Secondo quanto affermato dall’assessore comunale alla Sicurezza Sergio Gambino, quello installato a Genova sarà il più completo sistema a circuito chiuso sul territorio nazionale. << Connettere le telecamere alla fibra di proprietà permette di trasmettere velocemente le immagini ai terminali delle forze dell’ordine – continua Gambino – attraverso il circuito “Città Sicura, già sfruttato da Polizia di Stato e Carabinieri >>.

Delle 736 camere, 200 avranno tecnologie PTZ e uno zoom fino a 40x, mentre altre 134 saranno multiottica. Il costo del nuovo sistema di videosorveglianza, software di gestione incluso, ammonta a 3.780.000 euro, con un costo medio a videocamera di oltre 5.100 euro. A queste si aggiungono 25 portali di lettura targhe, utili a monitorare il traffico nel perimetro del centro storico-. La spesa prevista per questi ultimi ammonta a 1.128.000 euro.

Teatro Akropolis, una pièce e un film per raccontare il Tempo e la Luce

Questa sera alle 20.30 a Sestri Ponente in via Mario Boeddu, va in scena la replica di Apocatastasia, il nuovo spettacolo di Teatro Akropolis per il ciclo “La parte maledetta: viaggio ai confini del teatro”, i registi presentano il film dedicato a postulati e tecniche di Gianni Staropoli.

Il nuovo spettacolo, coprodotto con Giovine Orchestra Genovese, vede sulla scena Roberta Campi e Giulia Franzone, dirette da Clemente Tafuri e David Beronio, danno corpo al concetto espresso dal titolo. Il termine “apocatastasi” indica la fine dei tempi, quando il tempo lineare si sospende e tutte le categorie quotidiane, comprese la volontà e l’identità, entrano in crisi e perdono di senso. Due figure abitano questo spazio sospeso. In una danza dell’Ade, che è espressione di un’azione impossibile, in cui ogni corpo perde la forma appena conquistata, in una metamorfosi che diventa caduta, ma anche racconto di come tutto sopravviva nel suo disfarsi. Con le note, Borgonovo mette a confronto la circolarità e l’orizzontalità del tempo, due dimensioni che nonostante sembrino inconciliabili, convivono.

Clemente Tafuri, direttore artistico di Teatro Akropolis:

“La parte maledetta. Viaggio ai confini del teatro” è invece un ciclo di film-documentari dedicati a protagonisti dell’arte e della cultura che nel loro lavoro hanno messo in crisi il sistema delle distinzioni specialistiche delle varie discipline. Le arti per la scena, la filosofia, l’idea stessa di performatività si rivelano così per quello che sono, una serie di rappresentazioni che interrogano senza compromessi il presente. Tra i più innovativi light designer del panorama teatrale italiano, Gianni Staropoli è, con la luce, protagonista del film. Quella luce che, tra realtà e artificio teatrale, rende visibili le cose più nascoste e inevitabilmente le distrugge, le getta nel gioco dell’esperienza e alla fine le dissolve. È questo paradosso che ispira il lavoro e la ricerca di Staropoli.

Riapre la Città dei Bambini, Costa: “Raccontiamo ai ragazzi i cinque sensi in modo innovativo”

Il 2 novembre, data che celebra i 30 anni dalla nascita dell’Area Porto Antico, riapre ufficialmente la Città dei Bambini e dei Ragazzi dedicata interamente al divertimento ed alla scoperta di se stessi e del mondo attraverso i cinque sensi. Beppe Costa, presidente di Costa Edutainment Spa, ci racconta le novità:

L’experience museum avrà aree dedicate ai cinque sensi che proporranno installazioni adatte a tutti i ragazzi, con vari gradi di complessità e percorsi che vedranno l’utilizzo dei sensi come strumento per trasmettere conoscenze.

Inoltre ci saranno molte altre aree, dove i bambini ed i ragazzi potranno muoversi liberamente imparando divertendosi, come l’area splash, la casa in costruzione, l’area didattica e l’area dedicata a feste e compleanni a disposizione di eventi privati.

La città dei bambini e dei ragazzi che si trova sotto all’Aquario di Genova e che mette a disposizione dei bambini e dei ragazzi oltre 2.000 mq, sarà a numero chiuso con cinque fasce orarie (10:00-11:30; 11:30-13:00; 13:00-14:30; 14:30-16:00; 16:00-18:00) della durata massima di 90 minuti.