Novembre 2022 – Pagina 6 – Babboleo

Novembre 2022

BANDO PER I BENI CONFISCATI ALLE MAFIE: 493 MILA EURO DI CONTRIBUTI RICHIESTI DAI COMUNI

493 mila euro di contributi richiesti per 8 progetti da parte di 6 diversi Comuni, sono il frutto del lavoro portato avanti anche dalla Commissione Regionale Antimafia. Ai microfoni di Babboleo News di Roberto Centi, presidente della Commissione Regionale Antimafia, ha commentato i risultati pubblicati dall’assessore regionale Andrea Benveduti sul bando da 500 mila euro aperto a tutti gli enti locali per i beni confiscati alle mafie.

Il bando della Regione, chiuso lo scorso 25 ottobre, prevedeva una dotazione totale di 500 mila euro, a valere sul fondo strategico regionale, per singoli contributi finanziabili fino all’80% delle spese ammissibili. Gl interventi di recupero dei beni confiscati ammessi dal bando dovranno concludersi entro 12 mesi dalla concessione del contributo (prorogabili una volta sola per ulteriori 6 mesi). I progetti presentati in questo bando sono stati 8, suddivisi in 6 Comuni: Genova (due progetti), La Spezia (due progetti), Arcola, Spotorno, Pietra Ligure e Serra Riccò.Oltre all’importanza dell’aspetto economico del contributo totale da 493 mila euro (che potrà arrivare ad un totale di 713 mila euro di investimenti sul territorio tra contributi regionali e contributi dei singoli Comuni), il bando per Roberto Centi si caratterizza per il messaggio che dà alla comunità.

La chiaccherata con Roberto Centi è stata anche l’occasione per parlare di mafia e fare una riflessione antropologica e culturale del fenomeno che interessa anche la Liguria.

Omicidio Miranda Romero, Gambino: “Continueremo l’attività di presidio del centro storico”

Per l’assessore comunale alla Sicurezza, l’attività di prevenzione nei vicoli proseguirà in sinergia con la Prefettura. Il presidente del Municipio I Centro-Est Carratù: motivazione ritardo dei soccorsi non chiara.

Provoca ancora polemica il decesso di Javier Alfredo Miranda Romero, il 41enne peruviano colpito da una freccia scagliata intenzionalmente da un residente del Centro storico dopo un litigio verbale nella notte del 2 Novembre. L’assassino Evaristo Scalco, carpentiere lavagnino di 63 anni, è stato arrestato dalle forze dell’Ordine; interrogato, ha spiegato di aver agito spinto dalla rabbia per il chiasso provocato dall’uomo.

<< Ammesso che non esiste giustificazione per un fatto così scellerato come l’omicidio – afferma l’assessore comunale alla Sicurezza Sergio Gambino – continueremo come Polizia Locale a presidiare il territorio nel modo più capillare possibile, ricordando che abbiamo 100 uomini dedicati al solo Centro storico >>. Per Carratù, << l’esasperazione non può giustificare la giustizia fai-da-te. Spetta al Comune impegnarsi nel fare tutti i controlli necessari per prevenire reazioni rabbiose >>.

Sergio Gambino

Andrea Carratù

Secondo quanto dichiarato da un giovane testimone dei fatti, i soccorsi avrebbero impiegato tra i 25 e i 30 minuti a raggiungere il luogo del ferimento, aggravando l’emorragia di Romero, che ha provato ad estrarre la freccia dal proprio torace. Carratù ha affermato che << le difficoltà del Centro sono anche queste >>, e di non conoscere le cause del ritardo.

Andrea Carratù

Energia, nuovo bando per le imprese. Benveduti: “Priorità è consumare meno e meglio”

Dalla Regione arrivano 2,5 milioni di euro per le imprese che investono in progetti di innovazione finalizzati all’efficientamento energetico. L’assessore allo Sviluppo Economico, Andrea Benveduti, ospite di Babboleo News, ha spiegato come Regione Liguria finanzierà questi progetti contribuendo al 50% della spesa: il costo degli interventi va da un minimo di 50 mila euro a un massimo di 200 mila euro. Le domande dovranno essere presentate tra il 15 e il 22 novembre, con una retroattività ammessa fino al 1 gennaio 2022. I lavori dovranno essere conclusi entro marzo 2023.

“Abbiamo già utilizzato 70 milioni di euro per l’energia” spiega Benveduti. “Abbiamo voluto utilizzare i residui dei fondi europei della programmazione 2014-2020 per interventi di innovazione che abbiano la finalità di risparmiare energia. Può essere un nuovo sistema di lavorazione o di illuminazione, una nuova macchina, che porti un miglioramento in termini di efficientamento energetico rispetto alla situazione precedente. Consumare meno e consumare meglio è un bel passo in avanti per la nostra Regione”.

Questo bando, di fatto, chiude la programmazione POR-FESR 2014-2020. Nel frattempo, la Liguria ha ricevuto l’ok dalla Commissione Europea (una delle prime regioni in Italia) per la programmazione 2021-2027. “Hanno detto che la nostra programmazione è elegante: non so cosa voglia dire, ma l’ho preso come un complimento” sorride Benveduti. “Stiamo già pensando a due bandi: uno sull’energia e l’installazione di nuove fonti rinnovabili, come il micro fotovoltaico, che ritengo sia la fonte migliore per la nostra regione. Il secondo riguarda la finanza, con la Regione che entra nel capitale sociale delle aziende. Un socio discreto, per un periodo di 7-8 anni, che dà la possibilità all’azienda di rafforzare il capitale sociale e migliorare la considerazione da parte delle banche”.

I tetti di Genova nei dipinti di Giorgio Spano per il Centro per non subire violenza

Anche quest’anno il pittore Giorgio Spano per sostenere il Centro Per Non Subire Violenza con sede in Via Cairoli 14/7 offre il suo stupendo calendario.
Il Centro Per Non Subire Violenza per sostenere la Casa Rifugio a indirizzo segreto propone come dono natalizio il calendario 2023 di Giorgio Spano pittore genovese, che da anni, con le sue opere sostiene il Centro Antiviolenza.
Con una donazione minima di 10€ potrete contribuire alle “card regalo” utilizzate per acquisto di abbigliamento, giocattoli e decorazioni natalizie per la Casa. I minori ospiti nella Casa Rifugio a indirizzo segreto hanno spesso sperimentato le festività come momenti nei quali hanno assistito a episodi di violenza del papà nei confronti della mamma, quindi nel loro percorso in Casa Rifugio è molto importante poter vivere le festività come il Natale in un’atmosfera calda per un Natale magico e speciale.
Il pittore Giorgio Spano anche quest’anno ci ha regalato il suo calendario. La sua saggezza e sensibilità scaturisce dai suoi quadri, dallo sguardo sempre positivo e colorato che propone: i tetti di Genova in tutte le loro varietà. Ogni mese una immagine diversa e una sua visione, sempre costruttiva, del mondo.


Per informazioni sulle modalità del ritiro del calendario e su come effettuare la donazione potete contattare il numero del Centro Antiviolenza 010/2461716 o inviare una email a eventipernonsubire@libero.it

Il ricavato delle vendita del calendario sosterrà a Genova, oltre alle attività del Centro Per non subire violenza- via Cairoli, anche l’Associazione Gigi Ghirotti Onlus, il Fondo Tumori e Leucemie del Bambino e una esperienza di solidarietà gestita dal Prof. UMBERTO Valente in Madagascar, ONG NEXT Onlus, Polo
Sanitario.

A novembre si rinnova l’appuntamento con il 28° Festival Internazionale di Poesia “Parole Spalancate”

Il 28° Festival Internazionale di Poesia, Parole Spalancate, torna questo mese a Genova, dal 4 al 19 novembre, con un’appendice con tanti ospiti ed eventi speciali.

Il Palazzo Reale, la Galleria Nazionale di Piazza Spinola, la Biblioteca Universitaria ed il Palazzo Ducale saranno i luoghi prescelti per le letture, le performance e le conferenze con autori italiani e stranieri. Il tema di questa edizione, come anche quella della prossima, sarà l’Utopia. Si darà infatti spazio a un’utopia diventata realtà, come quella di Versopolis, creato nel 2015 con altri festival di poesia europei e diventato il più grande network mondiale di rassegne poetiche, con oltre 30 nazioni partecipanti. Inoltre ci saranno tributi poetici-musicali a Leonard Cohen e una giornata dedicata alla Maison des Esclaves di Gorée, in Senegal, con testimonianze e spettacoli.

“Alcuni poeti stranieri non erano potuti arrivare a Genova a giugno” spiega a Babboleo News Claudio Pozzani, direttore artistico dell’evento. “Per questo abbiamo dedicato loro una serie di eventi”.

L’intervista integrale a Claudio Pozzani

Gli appuntamenti del Festival sono:

VENERDI 4 NOVEMBRE.
Ore 17.30 Palazzo Ducale – Società Ligure di Storia Patria
VERSOPOLIS
Reading della poetessa Ariel Spiegler che ha pubblicato nel 2019, Jardinier la sua seconda raccolta di dalle edizioni e che ha recentemente ottenuto il premio Apollinaire Decouverte.

SABATO 5 NOVEMBRE.
Ore 17.30 Palazzo Reale (Via Balbi 10)
MERCY & LONGING
CONCERTO PER LEONARD COHEN
Dopo la lettura di Ariel Spiegler per Versopolis, nel salone di Palazzo Reale viene ricordato Leonard Cohen, uno degli autori più amati, attraverso le sue poesie e le sue canzoni più belle, proposte da Federico Sirianni (voce, chitarre e tastiere), Michela Loprevite (voce) e Claudio Pozzani (voce recitante).

SABATO 12 NOVEMBRE.
Ore 17.30 Gallerie Nazionali di Palazzo Spinola (Piazza Pellicceria 1)
VERSOPOLIS: RECITAL POETICO MUSICALE
Sasha Dugdale, presenta la seconda parte del suo reading nell’ambito di Versopolis e anche Shannon Sullivan ripropone un frammento della performance presentata a giugno al Festival. Intorno alle letture poetiche, gli interventi musicali sono di Tina Omerzo, compositrice, pianista e cantante.

SABATO 12 NOVEMBRE.
Ore 21.00 Palazzo Ducale – Società Ligure di Storia Patria
LEZIONE-RESPIRAZIONE
Performance a cura della Campagna delle Poete, con la partecipazione di Mia Lecomte, Bremnda Porster, Barbara Pumhosel, Francisca Paz Rojas, Candelaria Romeo e Eva Taylor.
Video-proiezione e lettura dallo spettacolo omonimo della Compagnia: 13 poete e 10 lingue per alcuni esercizi di manutenzione del respiro, nelle molteplici declinazioni. Il progetto – vincitore del concorso del Forum austriaco Internationale Literaturdialoge – è una riflessione corale, plurilingue, su un tema che ha mosso filosofia e religioni per millenni. Composto della stessa materia del vento, dell’aria – il respiro si muove, vibra, suona – avvolge il nostro pianeta, è
letteralmente legato alla terra e allo stesso tempo fugace.
In collaborazione con Forum Austriaco di Cultura e Centro Culturale Italo Austriaco.

VENERDI 18 NOVEMBRE.
Ore 18.00 Stanza della Poesia – Palazzo Ducale
LEONARD COHEN PRIMA DI LEONARD COHEN
Presentazione sul libro di Andrea Ghizza, edito da Editrice ZONA.

SABATO 19 NOVEMBRE.
Ore 16.30 Biblioteca Universitaria (Via Balbi 40)
DA GOREE A GENOVA
Conferenza-spettacolo sulla Maison des Esclaves
Nell’ambito degli scambi culturali tra Genova e il Senegal, Parole spalancate, la Biblioteca Universitaria di Genova, il Museo Nazionale dell’Emigrazione Italiana e il Mu.Ma, organizzano una giornata per contribuire a far conoscere la Maison des esclaves di Gorée, importante realtà
culturale e di memoria. Interviene il Direttore del Musée historique de Gorée Mamarame Seck. Il pianista e compositore Fabio Vernizzi eseguirà alcune musiche composte durante il suo viaggio in Senegal.

Calciobalilla, trionfo ligure in Sardegna: Recco vince la Serie A, Uscio la Serie B

Hanno vinto la Serie A, bissando il successo del 2019, e si sono laureati campioni anche in Serie B. La favola di Recco e Uscio, società gemellate ormai da anni, è tutta da raccontare: nel levante ligure, da qualche tempo, si coltiva infatti la passione per uno sport tanto amato quanto particolare: il calciobalilla. Claudio Casella e Giuseppe “Pino” Brustia, presidente rispettivamente delle società Recco e Uscio, hanno raccontato a Babboleo News l’impresa sportiva dei loro ragazzi: vincere i campionati italiani di calciobalilla, in casa dei campioni in carica.

Il 15 e 16 ottobre, ad Arzachena, il Recco ha battuto in finale proprio i sardi, padroni di casa, all’ultima pallina, e si è laureato Campione d’Italia. Nella serie cadetta ha fatto lo stesso l’Uscio, completando così un “doblete” che dà lustro alla Liguria. “Non era facile salire sul gradino più alto del podio” racconta Casella. “Rispetto ad altre regioni abbiamo un numero di giocatori molto più basso. Eppure ce l’abbiamo fatta”.

Le società partecipanti, in totale, erano 22. Le squadre erano divise in 4 gironi: le prime due di ogni girone hanno disputato la Serie A, mentre le terze e le quarte classificate la Serie B. Recco e Uscio hanno trionfato in entrambe le categorie. “Negli ultimi anni abbiamo ottenuto grandi risultati” spiega Brustia. “Nel 2018 siamo arrivati secondi in Serie B, con il Recco, e nel 2019 primi in Serie A. L’anno scorso siamo arrivati ancora secondi in Serie B, e quest’anno abbiamo vinto tutto”.

Ogni squadra era composta da 7 giocatori (5 titolari e 2 riserve). I giocatori che hanno portato in alto il nome di Recco sono: Simone Russo (miglior giocatore del torneo, convocato anche in Nazionale ai prossimi mondiali), Claudia Ortu, Pasquale Siano, Sirio e Fabrizio Mello, Claudio Casella e Giuseppe Brustia. Per Uscio hanno giocato: Maurizio e Alessio Camilleri, Francesca e Fabrizio Selci, Francesco Moscuzia, Gaetano De Leo e Paolo Latella.

“Ci teniamo a ringraziare” concludono Casella e Brustia “il presidente della Federazione Italiana Calciobalilla, Massimo Ragona, il Comune di Recco e i nostri sponsor, la pelletteria Renato e la gelateria Vitto”.

L’intervista integrale a Casella e Brustia:

Oggi a Genova la marcia per ricordare la deportazione degli ebrei genovesi

79 anni fa, il 3 novembre 1943, oltre 250 ebrei genovesi- uomini, donne e bambini – sono stati imprigionati e condotti ai campi di sterminio di Auschwitz-Birkenau. Di queste persone ne sono tornate solo 20. Per non dimenticare una delle date più buie della storia della città è prevista per oggi, mercoledì 2 novembre, la tradizionale marcia a Genova che ricorda la shoah e dice no ad antisemitismo e razzismo. Appuntamento alle 17,30 di fronte al Teatro Carlo Felice per ripercorrere il percorso che queste persone hanno fatto verso la Sinagoga, dove sono state catturate con l’inganno.

La Comunità di Sant’Egidio e la Comunità Ebraica di Genova, insieme al Centro culturale Primo Levi hanno custodito in questi anni la memoria di questi fatti, coinvolgendo non solo le istituzioni, ma tanti genovesi e in particolare le giovani generazioni, i “nuovi europei” che si sono integrati nel tessuto cittadino.
Nel momento in cui la generazione dei sopravvissuti va scomparendo, occorre chiedersi come continuare a trasmettere alle generazioni più giovani la consapevolezza del male rappresentato dalla Shoah e farci testimoni della memoria che ci lasciano in eredità.

“Una memoria, ma anche un impegno perchè fare memoria ci aiuta a ricostruire il futuro” – racconta ai microfoni di Radio Babboleo Manuela Dogliotti, della Comunità di Sant’Egidio – “la memoria è un vaccino contro l’indifferenza, ricorda sempre Liliana Segre, perchè il primo modo di essere complici di violenza è l’indifferenza“.

Il ricordo dell’abisso di Auschwitz non appartiene solo al passato. Occorre guardarlo negli occhi ancora di più oggi, mentre la guerra si è riaffacciata drammaticamente sul suolo europeo, per costruire la pace e un domani senza violenza“.