7 Dicembre 2023 – Babboleo

7 Dicembre 2023

Concorso di idee, nuova identità per il centro di Masone

Restituire una nuova identità al centro di Masone attraverso la riqualificazione dell’area ex Cerusa e delle zone adiacenti, questo l’obiettivo del concorso di idee, nato su iniziativa dell’amministrazione comunale di Masone e sviluppato assieme all’Ordine degli Architetti PPC di Genova con la collaborazione dell’Ordine degli Architetti PPC di Milano, e che da mercoledì 6 dicembre 2023 sarà pubblicato sulla piattaforma telematica CONCORRIMI.

Il concorso nasce per delineare le finalità di recupero funzionale, di ricucitura del tessuto urbano, di riqualificazione architettonica e di riuso dello spazio aperto oggi denominato “Area ex Cerusa” e di tutte le aree adiacenti, attraverso la ricerca di un nuovo rapporto tra il “paese vecchio”, sulla collina, e la zona urbana della fine dell’800, nata a seguito della apertura della strada Provinciale del Turchino. Una riflessione a scala territoriale, estesa a una ampia porzione del nucleo urbano, al fine di ridisegnare significativamente il carattere del paese, offrendo nuovi spazi di socializzazione alla comunità con l’obiettivo di creare un nuovo “baricentro” nel quale la comunità masonese possa ritrovarsi.

“Per un piccolo paese come il nostro – sottolinea Omar Missarelli, sindaco di Masone – il concorso di idee rappresenta un’ottima opportunità in quanto consente di poter godere dell’attenzione e della competenza di molteplici professionisti, che si concentreranno su un unico e importante progetto urbanistico e sociale fondamentale per il futuro di Masone. Fiducioso in una grande partecipazione, credo che potremmo avere una visione più ampia e interessante del nostro centro paese che dovrà essere alla base del nostro intento di valorizzare l’aspetto estetico e funzionale del borgo e di invertire la tendenza del calo demografico”.

Obiettivo del concorso è infatti quello di delineare e rafforzare il senso di appartenenza e identità anche attraverso la valorizzazione delle aree lungo il torrente Stura, creando una zona verde diffusa comprendente una passeggiata con punti di affaccio panoramici verso il paese vecchio, un parco giochi per bambini e una zona fitness con percorso vita; è previsto anche l’inserimento di una struttura polifunzionale coperta, che possa essere utilizzata per manifestazioni pubbliche e fieristiche, nonché per servizi di tipo sociale e culturale, quali biblioteca e coworking, e il ripensamento complessivo della dotazione di arredo urbano.

“Data l’importanza strategica dell’opera e la sua intrinseca complessità – sottolinea Aldo Daniele, consigliere dell’Ordine Architetti PPC di Genova con delega ai concorsi e gare – il concorso di idee è sicuramente lo strumento opportuno a cui ricorrere in questa fase preliminare, con l’obiettivo di allargare la visione e raccogliere quante più idee e proposte differenti, rimandando a una seconda fase la sintesi delle stesse e i successivi approfondimenti tecnici per la predisposizione dei progetti. Il congruo tempo di tre mesi circa lasciato ai concorrenti per le loro valutazioni, conferma sia la corretta impostazione dell’intero processo, sia la sincera volontà dell’Amministrazione di perseguire un risultato convincente e percorribile per il futuro di Masone” – conclude Daniele.

La scelta di questa procedura riporta al tema dei concorsi di progettazione soprattutto ora che le indicazioni del Nuovo Codice potrebbero generare una flessione nell’uso di questo importante strumento. La qualità di un progetto è infatti garantita dalla combinazione di capacità tecniche e professionali, con una visione del futuro e con la ricerca di soluzioni innovative, che solo il concorso sa assicurare. Una procedura vincente perché permette di ottenere il risultato voluto, senza appesantire i soggetti promotori e i concorrenti stessi, assicurando, nel tempo, una notevole ottimizzazione del processo.

La scadenza per la consegna degli elaborati è stata fissata il 27 febbraio 2024.

Il vincitore del concorso riceverà un premio di € 12.000,00 (al netto di IVA e ogni altro onere di legge). Al concorrente risultato secondo classificato è riconosciuto un rimborso spese di € 4.000,00 (al netto di IVA e ogni altro onere di legge). Infine, al concorrente risultato terzo classificato è riconosciuto un rimborso spese di € 2.000,00 (al netto di IVA e ogni altro onere di legge).

“Niente” al Teatro Govi di Genova

Il Teatro Rina e Gilberto Govi presenta” Niente” sabato 9 dicembre 2023 alle ore 21.

Da un’idea di Marco Marini e Andrea Anzaldi nasce un musical che racconta di vite dimenticate, di storie che non fanno clamore, di voci che non fanno rumore, se non nell’anima di chi le ascolta.

Protagoniste sette storie vere di nullatenenti che non hanno Niente.
Deriva da qui il titolo dell’opera che permette di riflettere sul fatto che, laddove crediamo di non vedere nulla, spesso ritroviamo noi stessi e che ciò che ci fa paura, ciò che non vogliamo guardare, è ciò che dovremmo avere.

Si tratta di uno spettacolo interamente cantato dove i protagonisti trascinano lo spettatore in un mondo fatto di contrasti, ingiustizia, amicizia, speranza e vita attraverso le loro storie, affidandosi alla potenza della verità ed ad un linguaggio diretto, disarmante, in grado di abbattere quella parete di indifferenza che purtroppo spesso ci caratterizza.

I biglietti saranno disponibili sul sito internet del Teatro Govi o presso le biglietterie fisiche ad un costo di 18 euro.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al 010 7404707 o tramite e-mail.

Autostrade, meno cantieri nelle festività ma 8 settimane di chiusura per la rampa di Nervi in direzione Livorno

In vista delle prossime festività prende il via il piano di alleggerimento dei cantieri autostradali con una calendarizzazione volta a ridurre chiusure e cambi di carreggiata nel periodo compreso tra oggi – 7 dicembre 2023 – e l’8 gennaio 2024, favorendo gli spostamenti degli utenti.

Fino al 7 gennaio la maggior parte dei cantieri sarà rimossa nei weekend, o verranno garantite corsie aggiuntive per rendere più fluido il traffico. Faranno eccezione lo scambio di carreggiata tra Lavagna e Sestri Levante in A12 in prossimità della galleria del Fico in direzione Livorno e il cantiere in prossimità della galleria Manfreida in A26 che rimarranno operativi. In A6 resterà attivo il cantiere tra Altare e Savona, che non dovrebbe però generare significative turbative al traffico.

Poche ma strutturali le lavorazioni che rimarranno attive, fondamentali per arrivare a Pasqua e ai ponti primaverili – periodo in cui gli spostamenti tendono ad intensificarsi – con meno cantieri e un traffico più fluido.

In quest’ottica si colloca il via ai lavori sulla rampa d’accesso all’autostrada di Nervi in direzione Livorno, in A12, che chiuderà per otto settimane in modalità continuativa H24 a partire dalle ore 22 di lunedì 11 dicembre 2023 e fino al 5 febbraio 2024. Chiusura che si rende necessaria per la riqualifica delle barriere di sicurezza sull’intero svincolo di Nervi, e fatta coincidere con i lavori di manutenzione alla pensilina della stazione di Nervi.

Un intervento che riguarda circa 2400m di barriere – tutte quelle comprese tra la tratta autostradale e la SS1 Via Aurelia – e che prevede la chiusura per otto settimane della rampa in direzione Livorno per la riqualifica dei primi 200 metri, mentre per le restanti lavorazioni il termine a dicembre 2024, ma non implicheranno chiusure o limitazioni.

Periodo individuato in quanto quello con minor traffico in ingresso verso Livorno, circa il 15% in meno rispetto al valore medio annuo.
In caso di emergenza, verrà garantito il transito alle ambulanze che dagli ospedali presenti devono dirigersi in A12 verso Livorno.
Agli utenti diretti a levante consigliato l’ingresso autostradale a Recco o Genova Est, inoltre sulla viabilità ordinaria verrà inoltre predisposta segnaletica integrativa dedicata, al fine di facilitare l’utenza nel percorso alternativo. Invariato il transito in uscita dal casello di Nervi o l’ingresso in direzione svincolo A12/A7.

L’intervista integrale ai microfoni di Radio Babboleo di Gianmarco Angeletti, responsabile esercizio della direzione 1° tronco (Genova) – Autostrade per l’Italia

Tutte le informazioni sulla viabilità ligure sono disponibili sul sito internet www.autostrade.it.

Setti Fireworks, lo spettacolo piromusicale all’Arena Albaro Village

Tornano i fuochi d’artificio di Natale all’Arena di Albaro grazie alla collaborazione con Setti Fireworks. L’appuntamento per lo spettacolo di Natale è domenica 10 dicembre 2023 alle ore 21.30 per uno show a ritmo di musica e brani a tema natalizio.

I fuochi d’artificio natalizi partono in totale sicurezza dal tetto dell’edificio principale del Village e sono visibili all’interno di tutta l’Arena, accessibile dall’ingresso principale lato mare e dai due ingressi laterali di levante e ponente. 

Setti Fireworks è l’azienda genovese, leader a livello nazionale, nella progettazione e realizzazione di spettacoli pirotecnici e piromusicali.

I consigli, ai microfoni di Radio Babboleo, di Francesco Setti, socio-fondatore dell’azienda: “Gli artifici vanno acquistati nei negozi specializzati con apposita licenza di pubblica sicurezza rilasciata dalla questura. Diffidate da coloro che all’ultimo riempono i loro negozi o magazzini con articoli pirotecnici a basso costo”.

“L’utilizzo in aree ampie, private e soprattutto non abitate. L’ideale sarebbe utilizzare gli articoli pirotecnici sulla neve” ha concluso Setti.

L’intervista integrale a Francesco Setti, socio-fondatore della Setti Fireworks, su Radio Babboleo.