Dicembre 2023 – Pagina 2 – Babboleo

Dicembre 2023

Sviluppo Genova entra a far parte dell’Agenzia Regionale I.R.E.

E’ in via di conclusione, entro il prossimo 20 dicembre, il processo di fusione per incorporazione della società Sviluppo Genova all’interno dell’Agenzia Regionale I.R.E., società pubblico-privata genovese nata nel 1997 con il nome di “Ponente Sviluppo” che cesserà di esistere con l’attuale ragione sociale e trasferirà le sue competenze e professionalità all’interno dell’Agenzia in house di Regione Liguria, che da 2014 si occupa di infrastrutture, energia ed edilizia residenziale pubblica.

Sviluppo Genova è una società pubblico-privata il cui azionista di maggioranza è il Comune di Genova, che detiene il 51% delle quote azionarie. Gli altri azionisti sono: BPER Banca (15%), C.C.I.A.A. Genova (10%), Filse (6%), Banco BPM (5%), Aeroporto di Genova (4%), So. Fin. (3%), Confindustria Genova (3%), Banca Nazionale del Lavoro (3%).

Sviluppo Genova opera come Stazione Appaltante di opere infrastrutturali nel settore pubblico e nel privato. In particolare, la società si occupa di appalti di lavori, servizi e forniture, progettazione di opere e infrastrutture, project & construction management, direzione lavori, coordinamento della sicurezza, property & facility management, coordinamento generale di progetti strategici nel campo della riorganizzazione territoriale e urbanistica.

A traghettare negli ultimi anni Sviluppo Genova verso il nuovo assetto societario all’interno di I.R.E. è stato Franco Floris, Amministratore Unico della Società dal 2017 e già Presidente – Amministratore Delegato dal 2014.

“Oggi – spiega Floris – siamo di fronte ad un passaggio storico per Sviluppo Genova. Una Società che pochi anni fa era in forte difficoltà , grazie all’impegno e alla passione dei suoi dipendenti ha saputo migliorarsi, raggiungendo negli ultimi anni quasi 500 milioni di Euro di fatturato per lavori e diventando, di fatto, una delle realtà pubblico- private più virtuose a livello regionale nelle opere di bonifica, infrastrutturazione e urbanizzazione per la valorizzazione del territorio”.

Rivolgendo uno sguardo al futuro, sono diversi cantieri aperti e i progetti in via di definizione che Sviluppo Genova ha in corso sul territorio cittadino. In centro città spiccano i lavori di riqualificazione di Valletta Carbonara per conto di Asp Emanuele Brignole (iniziati lo scorso luglio) e il restauro dell’Oratorio degli Uomini all’interno dell’Albergo dei Poveri (gara per affidamento appalto integrato in corso). Sviluppo Genova, inoltre, sta fornendo all’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale il proprio supporto nelle funzioni di direzione lavori e coordinamento della sicurezza di diversi interventi rientranti nel “Programma Straordinario”, quali la nuova Torre Piloti, le nuove infrastrutture di viabilità all’interno del Porto di Genova e il riassetto del sistema di accesso alle aree operative del bacino portuale di Voltri. Nel Ponente cittadino sono da sottolineare i lavori per la nuova calata ad uso cantieristico navale e contestuale sistemazione idraulica del rio Molinassi, a Sestri, e l’adeguamento idraulico del tratto urbanizzato del rio Cantarena (per conto del Comune di Genova), la riqualificazione dell’ex Mercato di Cornigliano (per conto di Società per Cornigliano); le opere di viabilità sulle sponde destra e sinistra del Polcevera (per conto di ANAS e Società per Cornigliano) e la progettazione dell’ampliamento del viadotto di accesso al casello autostradale di Genova Aeroporto (per conto di Autostrade per l’Italia).

Il canto lirico italiano nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO

La” pratica del canto lirico italiano” è stata inserita nella lista rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO.

Si tratta di un traguardo importantissimo conseguito dopo un lungo percorso che ha preso piede nel 2011 quando i cantanti lirici solisti si costituirono in un’associazione denominata Cantori Professionisti d’Italia col fine di riunire la categoria e permettere un confronto professionale che portò alla prima bozza di dossier per candidare l’Opera lirica italiana alla commissione UNESCO.

Solo a partire dal 2019, grazie all’associazione Assolirica, che estese la Comunità dei proponenti anche ai soggetti istituzionali che producono lo spettacolo operistico ed in generale la musica in Italia, l’ impulso si trasformò in un procedimento organizzato in quanto stabilì la collaborazione tra un gruppo di lavoro, il soprano Rosanna Savoia, allora presidentessa, ed il Servizio II – Ufficio UNESCO del Segretariato Generale del Ministero della Cultura.

L’azione condotta risulta memorabile e senza precedenti nel settore dello spettacolo dal vivo, poiché ha veicolato un avvicinamento di categorie professionali talvolta definibili, dal punto di vista contrattuale, addirittura come controparti e che, in questo frangente, si sono invece trovate coese nel siglare una importante alleanza.

“Riconoscimento che porta grande lustro anche a Genova che ha sempre sentito molto importante il ruolo della musica lirica”.

“Assolirica è certa che questo è solo l’inizio di un nuovo e più consapevole percorso verso il consolidamento del riconoscimento del lavoro e della tradizione dell’artista lirico che noi rappresentiamo”.

Approda a La Spezia l’Unión, il veliero più grande dell’America Latina

Un veliero brigantino a 4 alberi, costruito tra il 2012 e il 2016 dai Servizi industriali della Marina Peruviana, che con le sue 34 vele, 115,7 metri di lunghezza, 3500 tonnellate è considerato il veliero più grande e veloce dell’America Latina, raggiungendo una velocità di 5,5 nodi a vela e 12 a motore. Ora il suo primo viaggio intorno al mondo e- dopo aver visitato diversi porti nel Pacifico e in Asia – arriverà nei porti italiani di Taranto, Civitavecchia e La Spezia con un messaggio di amicizia e promozione della cultura peruviana.

Con l’attracco della Nave della Marina Militare Peruviana, l’Ambasciata del Perù da infatti il via alle attività commemorative per i 150 anni dalla firma del Trattato di Amicizia, Commercio e Navigazione tra Perù e Italia, oltre a portare una corona al busto dell’eroe navale peruviano Miguel Grau a Genova Boccadasse.

Arriverà a La Spezia il 19 dicembre, dove rimarrà fino al 22, la nave scuola destinata alla formazione dei cadetti della Scuola Navale del Perù, che sarà visitabile dal pubblico durante la sua permanenza in porto. I visitatori potranno vedere i suoi allestimenti e la “Casa Perù”, uno spazio appositamente allestito con una mostra sul Made in Perù, oltre ad una mostra fotografiche che ritrae pezzi di artigianato realizzati da artisti delle Ande peruviane.

Durante la sua circumnavigazione di dieci mesi il veliero raggiungerà 20 porti in 14 Paesi. L’equipaggio è guidato dal capitano José Luis Arce ed è composto da 23 ufficiali, 100 cadetti e 124 membri dell’equipaggio, oltre a 2 ufficiali ospiti provenienti da Australia e Canada. L’imbarcazione si distingue anche per essere una nave ecologica, in quanto trascorrerà il 58% del tempo di circumnavigazione spinta dalle vele, riducendo l’impronta di carbonio e diffondendo un messaggio di sostenibilità ambientale e protezione degli ecosistemi marini.

Ai microfoni di Radio Babboleo il Console generale del Perù, il dottor Carlos Tavera

Winter Park Genova, Gutris: “Abbiamo grandi aspettative, puntiamo a superare le 300.000 presenze”

Uno dei simboli del Natale genovese torna a colorare le festività della Superba con un’edizione colma di novità, a partire dalla nuova location a due passi dal Porto Antico di Genova. Da oggi, venerdì 15 dicembre 2023 a domenica 14 gennaio 2024 Ponte Parodi ospita il Winter Park Genova, luna park con più di 100 attrazioni e fresco vincitore del Lunapark Award 2023. L’inaugurazione è in programma quest’oggi dalle ore 15 con il taglio del nastro alla presenza delle istituzioni cittadine, animazione con truccabimbi e trampolieri e una grande sorpresa per i visitatori: ai primi mille che accedono all’area verrà consegnato un blocchetto di buoni sconto dal valore complessivo di 100€. All’area si accede unicamente dalla Darsena, in calata Ansaldo De Mari.

«Abbiamo lavorato per mesi insieme al Comune per poter trovare una location che fosse di livello come piazzale Kennedy – racconta Mattia Gutris, portavoce dello staff organizzativo del Winter Park – e Ponte Parodi rappresenta sicuramente la scelta migliore. Si tratta di uno spazio centrale e molto ampio: ringraziamo il sindaco di Genova e tutta l’amministrazione per l’impegno dimostrato, non vediamo l’ora di cominciare questa edizione colma di novità e sorprese». Il Winter Park torna così a colorare le festività natalizie di Genova. «Le giostre sono adatte sia per famiglie e bambini – continua Gutris – sia per chi cerca l’adrenalina. Questi ultimi apprezzeranno sicuramente la nuova pista di Go Kart, una delle new entry di quest’anno insieme a un simulatore di realtà aumentata e all’Explorer. Torna anche una delle iniziative più amate dal nostro pubblico: nei prossimi giorni sui nostri canali Instagram e Facebook regaleremo 40 Golden Ticket, che garantiscono l’accesso illimitato alle attrazioni. Inoltre, allestiremo una mostra fotografica a cura di Bruno Oliveri, Francesco Marando e Lorenzo Gammarota sulla storia del luna park a Genova e delle più di 100 famiglie che, ogni anno, lavorano per donare sorrisi a grandi e piccini».

«Il Winter Park – aggiunge il Sindaco di Genova Marco Bucci – per la prima volta si svolgerà in una location del tutto nuova. Uno dei simboli del Natale genovese colorerà ponte Parodi, un’area a due passi dal mare che torna a disposizione della città. I genovesi e i turisti sono pronti a svagarsi con le decine di attrazioni del Winter Park e a prendere parte alle tante iniziative previste in questa edizione. Andare ai “baracconi” fa parte della nostra cultura, è una tradizione delle nostre feste, un modo per trascorrere una giornata diversa tra spensieratezza e divertimento. Bentornato a Genova al nostro Winter Park!». Il Winter Park Genova è aperto a Ponte Parodi da venerdì 15 dicembre 2023 a domenica 14 gennaio 2024, dalle ore 15 alle 00.00 nei giorni feriali e dalle 10.30 alle 00.00 nei giorni festivi. «L’arrivo di quelli che familiarmente chiamiamo i “baracconi” in città – dice l’assessore al Commercio, alle Tradizioni e alle Pro Loco Paola Bordilli – è sempre un momento di gioia e segno inequivocabile che è veramente arrivato il Natale. Da generazioni, infatti, i genovesi si danno appuntamento tra le luci delle giostre e dei chioschi del Winter Park per passare pomeriggi spensierati nei giorni di dicembre e gennaio. Quest’anno ritroveremo il Winter Park a Ponte Parodi, ancor più sul mare, creando un colpo d’occhio suggestivo e unico e che renderà l’esperienza ancora più speciale. Siamo certi che anche quest’anno la risposta dei genovesi e dei visitatori sarà entusiasta. Voglio ringraziare fortemente il vice sindaco Pietro Piciocchi, gli uffici Comunali, Aster e tutti gli enti coinvolti per aver reso possibile tutto questo: aspettiamo famiglie, grandi, piccini, genovesi e turisti in un appuntamento da non perdere e reso possibile anche dalla passione dei lavoratori del Winter Park, che da decenni portano il loro amore e la loro dedizione nella nostra città e ai quali va il sentito grazie dell’Amministrazione per la proficua e continua collaborazione avuta».

L’intervista integrale a Mattia Gutris, portavoce dello staff del Winter Park, su Radio Babboleo.

Dai bambini ai bambini, a Genova “Giocattoli senza frontiere”

A Genova, per il quarto anno consecutivo, “Giocattoli senza frontiere”, raccolta promossa da GenovaSolidale, rete di volontariato nata per diffondere i valori dell’accoglienza, della tolleranza e dell’integrazione, tesa alla donazione di giocattoli e libri ad altrettanti bambini.

Dopo il successo dello scorso anno, che ha visto coinvolti 500 volontari ed una forte risposta dei genovesi con oltre 2mila giocattoli donati , la macchina della solidarietà si è messa nuovamente in moto in vista del Natale con la collaborazione di diverse associazioni (Anpi, Società Operaie di Mutuo Soccorso, Arci, e Circoli Operai), Rsu e una decine di scuole dando il via alle prime raccolte. Ancora qualche giorno quindi per donare giochi e libri, che dovranno essere integri e in buone condizioni.

“Nessun bambino vogliamo che rimanga senza un giocattolo; è il più bel regalo che possiamo farci“- dichiara Nicoletta del Vecchio del direttivo di Genova Solidale.

Fino a venerdì 15 dicembre presso APS Zenzero in via Giovanni Torti 35 dalle 17 alle 19
Fino al 17 dicembre dalle 10 alle 18 alla Soms Universale di via Carzino (Sampierdarena)
Venerdì 15, lunedì 18 e martedì 19 dicembre dalle 9 alle 15 presso S.O.M.S San Martino – Padiglione Maragliano

Per tutte le informazioni relative alla raccolta dei giochi, che saranno poi sanificati e donati gratuitamente in diversi punti della città, è possibile scrivere via mail a Genovasolidale@gmail.com.

Dieci sfide per affrontare le emergenze della nostra Regione secondo il PD

Approvato da poco il bilancio regionale 2024 della Giunta Toti, che prevede lo stanziamento di 5 milioni in comunicazione, marketing territoriale, eventi e spese di rappresentanza, ad opporsi il PD.

Enrico Ioculano, presidente regionale del Partito Democratico, dice: ”I 5 milioni per la comunicazione non sono altro che soldi per campagne di propaganda che mostrano solo una faccia della Liguria, fatta di sole, mare, clima, della costa da Portofino alle Cinque terre, ma manca tutto il resto e cioè porti, industrie e fabbriche per rilanciare l’economia ligure. Da non dimenticare temi come salute, sicurezza sul lavoro, diritti e giovani, che costituiscono delle reali emergenze.”

Le proposte del gruppo pd sono:

  1. Sicurezza sul lavoro
    Un piano straordinario per la sicurezza sul lavoro e la qualità degli appalti, utilizzando il fondo strategico regionale e i fondi comunitari per la formazione e gli investimenti, assieme alla richiesta di rafforzamento delle strutture regionale (PSAL) e di finanziamento delle misure sulla sicurezza nei cantieri autostradali
  2. Psicologo di base
    Introduzione dello psicologo di base in tutti i distretti socio sanitari della Liguria. Una proposta che siamo riusciti ad inserire nel Piano Socio Sanitario regionale e che ci attendiamo abbia piena attuazione al più presto
  3. Liste d’attesa
    Un piano straordinario di assunzioni del personale per rafforzare il sistema sanitario pubblico, accompagnato da un vero piano di abbattimento dei tempi, ad oggi assente, che definisca le priorità, gli investimenti, i controlli di qualità delle prestazioni a partire dagli screening e dalle misure per la neuropsichiatria infantile
  4. Medici di base
    Incentivi (defiscalizzazioni per il personale amministrativo e contributi per l’attività) per l’insediamento di medici di base e/o pediatri nelle aree interne
  5. Formazione nuovi medici
    Aumento delle borse di studio per gli specializzandi, finanziandone almeno 30 per il 2024
  6. Giovani
    Nuove misure per l’attrattività dei giovani nella nostra regione, con un progetto che parte in maniera sperimentale dagli operatori nella sanità e nella ricerca: un piano regionale per la permanenza, l’attrazione e la valorizzazione dei giovani, fatto di misure welfare, incentivi, contributi per contrastare l’emigrazione dei talenti e favorirne il rientro.
  7. Emergenza casa
    Un fondo di 2 milioni di euro per sostenere le micro/medie manutenzioni del patrimonio di edilizia abitativa non utilizzabile, per sbloccare almeno 100 nuovi appartamenti
  8. Violenza contro le donne
    Raddoppio dei contributi per i centri antiviolenza, contributi per nuovi progetti di educazione all’affettività nelle scuole e nei luoghi di socializzazione e potenziamento della mediazione familiare
  9. Trasporti
    Avvio dell’abbonamento unico regionale e del biglietto unico integrato, anche per favorire la reale gratuità del trasporto pubblico per gli studenti e per gli studenti universitari di tutta la Liguria
  10. Povertà
    Rafforzamento delle misure per la povertà alimentare ed energetica, tra le iniziative: aumento delle risorse destinate al banco alimentare, fondo antiusura e sostegno alle associazioni dei consumatori contro il caro bollette e la fine del mercato tutelato

A Radio Babboleo le parole di Enrico Ioculano, presidente regionale del PD e vice presidente della Commissione bilancio 2024 

Nuovo morto sul lavoro a Borghetto, Tafaria (Filca Cisl):”Fermiamo questa carneficina”.

Diciannove le morti sul lavoro dall’inizio dell’anno in Liguria. “Fermiamo questa carneficina quotidiana”, le parole di Andrea Tafaria, segretario generale Filca Cisl Liguria a seguito dell’ennesimo incidente mortale.

E’ successo a Borghetto Santo Spirito, nel savonese, dove un operaio che stava lavorando in un cantiere all’interno di un condominio in via De Amicis è precipitato da un ponteggio. L’uomo, un 61enne di origini straniere, è caduto dal quarto piano dell’edificio per un’altezza di circa 10 metri.

Per l’uomo, nonostante i tentativi di soccorso, non c’è stato nulla da fare.

Si tratta del 19° caso in Liguria da inizio anno che porta la regione ad essere l’unica regione del nord Italia dove gli infortuni mortali sul lavoro aumentano con una media di due vittime del lavoro al mese

Questa le parole del segretario generale Filca Cisl Liguria Tafaria a Radio Babboleo.

Terza età in Liguria, la Uil Pensionati:”Anziani tra i cittadini più penalizzati”

La Liguria è la regione più anziana di Italia con una presenza di 434.834 persone anziane residenti che hanno superato i 65 anni, 80 mila delle quali hanno più di 80 anni, ma che si trova a rischio spegnimento se si pensa alla demografia, all’inflazione e all’aspettativa di vita che, dal 2019, è diminuita di 11 mesi.

“Le pensionate e i pensionati sono ancora tra i cittadini più penalizzati. Non ci sono le risorse per la non autosufficienza, gli investimenti sulla sanità sono insufficienti e a migliaia di pensionati viene tagliata la rivalutazione delle pensioni, circostanza assai grave se pensiamo al costo della vita. Di questo passo in dieci anni verranno sottratti ai pensionati ben 36 miliardi di pensione“. Queste le parole del segretario generale Uil Pensionati Carmelo Barbagallo.

Tante le criticità, poste in evidenza dal Consiglio regionale Uil Pensionati Liguria, che ogni giorno le pensionate e i pensionati della Liguria devono affrontare.

Tra queste, il dato per cui circa il 40 per cento delle persone, di cui tanti pensionati, a causa della scarsa efficienza dei servizi socio sanitari pubblici, si rivolge alla sanità privata, ma tante anche le persone che, per questo, rinunciano alla prevenzione e alle cure perché non possono permetterselo; l’inflazione non democratica che colloca al primo posto nella classifica nazionale Genova con una spesa annuale di 1590 euro in più per nucleo familiare e, ad incrementare, la sorta di violenza economica subita dalle donne pensionate che vedono un gap pensionistico che sfiora gli 8 mila euro all’anno rispetto agli uomini.

Queste le parole del segretario generale Uil Pensionati Carmelo Barbagallo ai microfoni di Radio Babboleo.

Fine del mercato tutelato, l’esperto: “c’è preoccupazione per i costi dell’energia”

Prevista per gennaio 2024 la fine del mercato tutelato per quanto riguarda il gas e per aprile 2024 quella per la luce che vedrà terminare la tipologia di mercato in cui i prezzi sono stabiliti dall’autorità garante in base ai costi delle materie prime, a favore del mercato libero in cui i prezzi variano da società a società e sono quindi parzialmente liberi.

Previsto un servizio di tutela per i cosiddetti clienti vulnerabili, tra cui gli over 75 o chi in condizioni economicamente svantaggiose, che vedranno prezzi calmierati. Diverse invece le possibilità per i consumatori non vulnerabili che potranno scegliere un gestore nel mercato libero, di cambiare la modalità, ma col proprio gestore, o di optare per un’offerta placet che prevede un prezzo variabile, ma condizioni contrattuali stabiliti dall’autorità garante.

C’è preoccupazione perchè stiamo affrontando la crisi energetica e, quindi, il problema dell’aumento dei costi delle materie prime che si riflette direttamente sulle bollette di tutti gli utenti. Questo nuovo cambiamento avviene dunque in una fase molto delicata per i consumatori” – spiega ai microfoni di Radio Babboleo il Presidente Lega Consumatori Liguria Alberto Martorelli – “Noi invitiamo i consumatori a rivolgersi ai nostri sportelli di Lega consumatori Liguria per richiedere informazioni prima di fare una scelta. Monitoreremo il mercato del gas e delle luce affinché non ci siano comportamenti e pratiche commerciali sleali da parte dei gestori“.

Queste le dichiarazioni di Alberto Martorelli, Presidente Lega consumatori Liguria

Rischi geologici, il Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi Violo: “La Liguria è una delle regioni maggiormente esposte”

Oggi dalle 8:30 alle 13:30 si terrà presso l’NH Hotel di Genova Centro- Via Martin Piaggio, 11, Genova – un convegno dedicato alla professione di geologo. Dalla legge istitutiva al codice dei contratti pubblici, l’evento vuole informare i professionisti sulle recenti normative partendo dal nuovo codice dei contratti al principio sancito dall’equo compenso.

L’Italia è un paese fortemente esposto ai rischi geologici – afferma il Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi Arcangelo Francesco Violo– purtroppo questa vulnerabilità del territorio viene ancora più amplificata da una maggiore frequenza di eventi meteorici estremi che impattano sul terreno intrinsecamente fragile che negli ultimi decenni è stato disordinato con tassi elevati di cementificazione che amplificano gli impatti e i danni al suolo”.

In particolare, “La Liguria è una delle regioni maggiormente esposte a questi rischi sia per la sua conformazione morfologica orografica sia perchè ha subito, negli ultimi decenni un’urbanizzazione intensa ed una cementificazione che ha spesso tombato i corsi d’ acqua o ristretto gli alvei in maniera non opportuna”, spiega Violo. A rendere complesso il quadro, la mancanza politiche di prevenzione dai rischi strutturali, piani di protezione civile e di assetto idrogeologico, spesso non aggiornato.

L’intervista integrale ad Arcangelo Francesco Violo, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, su Radio Babboleo.