11 Aprile 2024 – Babboleo

11 Aprile 2024

houses, cliff, sea-4093227.jpg

RESTRIZIONI AL COMMERCIO ALLE CINQUE TERRE, STOP A KEBAB MA ANCHE DISCOTECHE FRIGGITORIE E SEXY SHOP

Possibili nuove restrizioni in arrivo al commercio nei borghi delle Cinque Terre, verso l’intesa con Regione Liguria e Soprintendenza per aumentare la qualità dell’offerta da parte degli esercizi sul territorio: una novità in linea con quanto previsto per i borghi e i territori Patrimonio Unesco, verranno banditi kebab ma anche friggitorie, discoteche e sexy shop. E se l’ultima tipologia di articoli non era ancora approdata nei borghi delle Cinque Terre, tra i più famosi al mondo, al centro restano nuove regolamentazioni per rendere il commercio più in linea con l’offerta del territorio, puntando su qualità dei prodotti e controllo della filiera anche con il riconoscimento di certificazioni specifiche ai negozianti. Ascolta l’intervista con la sindaca di Riomaggiore Fabrizia Pecunia.

I liguri sono generosi. Mele, Framura e Rialto prime in donazioni di organi

Fornaciari Chittoni, Aido: “A La Spezia più di 8 mila iscritti. Il miglior donatore è colui che ha una morte accidentale, ma non c’è limite d’età all’organo. Si utilizzano organi salva-vita anche di persone in età avanzata

La Liguria è sempre stata sensibile alle donazioni e alla solidarietà“. Lo ha confermato Luigi Fornaciari Chittoni, presidente provinciale di Aido La Spezia, commentando i dati liguri dell‘Indice del Dono, il rapporto realizzato dal Centro nazionale trapianti che analizza i numeri delle dichiarazioni di volontà alla donazione di organi e tessuti registrate lo scorso anno al rinnovo delle carte d’identità nelle anagrafi di oltre 7mila Comuni italiani. A primeggiare nella categoria “Comuni più virtuosi” Mele, in provincia di Genova, Framura, in provincia di La Spezia, e Rialto, in provincia Savona, come cittadine più generose per la donazione degli organi. “Questo risultato raggiunto nei piccoli Comuni dimostra la funzione delle associazioni di volontariato, che sensibilizzano le persone a dire ‘sì’ alla donazione degli organi post-mortem” – spiega il presidente Aido. A gonfiare i numeri dei benefattori, anche “la riforma fatta sul Decreto Milleproroghe e il rinnovo della carta d’identità“, sulla quale infatti si può esprimere la propria volontà a proposito della donazione di organi e tessuti.

Ascolta qui l’intervento integrale.

Segreteria della Cisl incontra il Prefetto di Genova Torraco su vertenze industriali. Il segretario Maestripieri: “Prossimi mesi decisivi, lo Stato non può sbagliare”.

La segreteria regionale della Cisl, guidata dal segretario generale Luca Maestripieri, ha incontrato il Prefetto di Genova Cinzia Torraco insieme al Capo di Gabinetto della Prefettura di Genova Veronica Frassinetti. Un modo per mettere al centro dell’attenzione le principali emergenze territoriali dal punto di vista industriale.

“I prossimi mesi saranno decisivi per quanto riguarda le grandi vertenze industriali – spiega il segretario generale della Cisl Liguria Maestripieri -. Bisogna dare una svolta positiva: servono politiche industriali, investimenti e interventi da parte del governo.“

“Tra lavoratori diretti e indotto parliamo di almeno 10mila persone coinvolte. Le principali sono l’ex Ilva, Piaggio Aero e Ansaldo Energia. Sull’ex Ilva, ora commissariata, c’è una gara da fare entro un anno per rimetterla sul mercato . Su Piaggio Aero non dobbiamo far passare troppi mesi. L’obiettivo è non perdere tempo e mantenere le professionalità in capo all’azienda. Su Ansaldo Energia attendiamo ancora che il governo batta un colpo per quanto riguarda le commesse pubbliche che devono essere acquisite” precisa il segretario generale della Cisl Liguria.

Ma l’incontro con il Prefetto è stato anche l’occasione per riportare al centro la questione della sicurezza sul lavoro. Tanti gli incidenti che continuano a verificarsi anche in Liguria.

“Abbiamo presentato il nostro decalogo di proposte su salute e sicurezza sul lavoro, come già fatto in Regione il mese scorso, è un tema che deve restare vivo ogni giorno e non solo quando si verificano incidenti gravi. Un argomento che sarà al centro dell’assemblea nazionale dei nostri delegati il prossimo 13 aprile a Roma”, conclude Maestripieri.