19 Aprile 2024 – Babboleo

19 Aprile 2024

honey bees, insects, hive-337695.jpg

Alarme alveari in città, boom di richieste d’intervento agli esperti

Complici la primavera e i primi caldi a Genova in queste settimane si è verificato un aumento dei ritrovamenti di grossi nidi di api anche in zone insolite della città. Alveari e sciami tra balconi, tettoie e perfino auto o scooter parcheggiati con relativo boom di chiamate alle associazioni di apicoltori sul territorio per chiedere una rimozione in sicurezza. Ci ha spiegato il fenomeno, il tipo di interventi e raccontato di più sugli apiari urbani Marco Corzetto, esperto dell’Associazione Apistica genovese. Ascolta l’intervista completa sul nostro sito.

“Planet VS Plastic”, la lotta alla plastica il cuore della 54esima giornata mondiale della terra

Nata come movimento universitario e ufficialmente istituita il 22 aprile 1970, quest’anno la 54esima edizione dell’Earth Day – giornata mondiale della terra.
Tema di questo 2024 “Planet vs Plastic”, per accendere i riflettori su un grande problema ambientale con il solo 9% del totale della plastica prodotta nel mondo che viene riciclata. C’è quindi ancora molto da fare per raggiungere l’obiettivo della riduzione del 60% della produzione di tutte le plastiche entro il 2040.

Importante agire attivamente e sensibilizzare per vincere la battaglia contro i danni ambientali” – racconta ai microfoni di Radio Babboleo Miriam Loverso, referente regionale Plastic Free , l’organizzazione di volontariato attiva sul territorio con giornate di pulizia e di sensibilizzazione – “una media di rifiuti plastici raccolti di 300kg ma anche una costante informazione e sensibilizzazione nelle scuole: abbiamo installato erogatori d’acqua per il riempimento delle borracce ed è incredibile vedere l’entusiasmo dei più giovani e l’amore che già hanno per il pianeta”.

Ridurre i materiali plastici monouso, preferire materiali riutilizzabili non dannosi per l’ambiente, fare la differenziata e ridurre il riciclo, tra i consigli per ridurre l’utilizzo quotidiano della plastica. Ma anche una campagna proposta da Plastic Free riguardante i palloncini dispersi nell’ambiente: “tematica abbracciata da diversi comuni liguri, come Ceriale e Millesimo, che hanno attivato ordinanze per vietare il rilascio in volo di palloncini che poi vengono scambiati dagli animali per cibo con effetti letali”.

Nel weekend diversi appuntamenti dal ponente al levante ligure per la raccolta dei rifiuti plastici.

Fuori il DocuFilm per festeggiare i 25 anni di Stelle nello Sport

Un DocuFilm per celebrare 1/4 di secolo di Stelle nello Sport, progetto che promuove i valori e la cultura dello sport a Genova e in Liguria. DocuFilm che racconta lo straordinario percorso attraverso le testimonianze di campioni e dirigenti sportivi.

Il video, realizzato da Alwidow Productions per la regia di Alberto Maria Vedova, è stato curato da Michele Corti, Marco Callai e Cristina Cambi con interventi di Marco Barbagelata, Francesco Bocciardo, Laila Boldini, Paola Fraschini, Cinzia Garibaldi, Franco Henriquet, Antonio Micillo, Andrea Possa, Marco Rinaldi, Silvia Salis, Edoardo Stochino e Luisella Tealdi.

Aneddoti, immagini d’epoca e imprese fanno da sfondo al percorso di stelle nello Sport raccontato in diverse location che hanno segnato questi 25 anni: dall’ex Dixieland al Porto Antico, passando per lo stadio Luigi Ferraris e il Teatro Carlo Felice, ma anche l’Hospice della Gigi Ghirotti, i Giardini Govi, MySport Village Sciorba e l’Istituto Comprensivo Oregina.

Le parole di Michele Corti, ideatore del progetto Stelle nello Sport, ai microfoni di Radio Babboleo:

Il DocuFilm per i 25 anni di Stelle nello Sport:

Pescatori dilettanti contro il Ministero dell’Agricoltura: “Uso del palamito ridotto, così non è più conveniente”

Tornano a farsi sentire i pescatori sportivi della Liguria per esprimere il loro dissenso alle normative che di recente hanno colpito il settore. Questo sabato, 20 aprile, alle 15:30 a Sestri Levante presso il Grande Albergo si terrà un incontro tra pescatori dilettanti, rappresentanti della FIPSAS e politici locali e nazionali incentrato sul decreto ministeriale 30 gennaio 2024, firmato Ministero dell’Agricoltura, che prevede la riduzione del numero di ami consentiti per la pesca ricreativa tramite palamito, da 200 a 50 ami per imbarcazione e il divieto di utilizzo dei salpa-reti elettrici o collegati a motori termini per questo attrezzo, oltre che l’aumento degli importi minimi dei canoni demaniali.

Una nuova disciplina che muta la figura del “pescatore ludico-sportivo“, abituato ad una “percentuale di pesca del 2%”: “Se prima con 200 ami portavi a casa quattro pesci, oggi con 50 ami ne porti a casa due” – spiega Diego Goatelli, presidente del Comitato Pescatori Dilettanti Sestresi. Numeri ancor meno confortanti per chi pratica la pesca a fondale: “Chi deve pescare a palamito a 300 o 400 metri di profondità non va più, con solo più 50 ami non è conveniente“.

50 anni di carriera per Sandro Giacobbe: “ho sempre portato la mia Genova con me”

Cinquant’anni di carriera per il cantautore genovese Sandro Giacobbe e cinquant’anni di vita per il celebre brano “Signora mia”.
Scritta a quattro mani con Daniele Pace, da il nome al primo album di Giacobbe e il via alla sua lunga carriera: la partecipazione al Festivalbar, poi l’anno dopo “Il giardino proibito” e “Io prigioniero” con cui partecipa e vince la Gondola d’Oro di Venezia, nel 1976 il podio con “Gli occhi di tua madre” al Festival di Sanremo, che lo vedrà protagonista ancora nel 1983 con “Primavera”. Successivamente dirada l’attività discografica dedicandosi principalmente ai concerti e alle iniziative di solidarietà e sport legate alla Nazionale cantanti.

Con Signora mia iniziava il grande sogno, una storia d’amore oggi più attuale che mai” – racconta Sandro Giacobbe ai microfoni di Radio Babboleo – “In tutti i miei viaggi mi sono sempre portato dietro la mia città, Genova: anche quando andavo a Milano per registrare, anche mesi, ogni mercoledì sera tornavo per poter riassaporare l’aria dal Turchino quando scendevo verso Genova. Un legame forte fin da quando frequentavo la scuola musica di Gaggero con sale prove e tanti musicisti che come me cercavano il successo: dai New Trolls, ai Ricchi e Poveri era un ritrovarsi in una città che già aveva regalato tanto con la musica cantautorale, ma c’era una nuova generazione che veniva fuori“.