29 Aprile 2024 – Babboleo

29 Aprile 2024

vernazza, cinque terre, italy-5069291.jpg

Cinque terre verso la riapertura a luglio della Via dell’Amore


Dopo 12 anni viaggia verso la sua riaprirà il sentiero della Via dell’Amore, alle Cinque Terre, nello spezzino, tra i percorsi più conosciuti e più amati al mondo che riaprirà a luglio. Conto alla rovescia, tra le novità l’arrivo di un ticket per gli accessi contingentati in modo da controllare i numeri dei turisti ed evitare fenomeni di massa lungo sentieri patrimonio Unesco. Le aspettative con Francesco Villa, sindaco di Vernazza. Ascolta l’intervista.

Voci Dall’Arca al Teatro Ivo Chiesa con “Sette Minuti”

Prosegue la sesta edizione della rassegna di Teatro Necessario “Voci dall’arca” e, questa volta, il tema ” Dato il posto in cui ci troviamo”, scelto per questa stagione 2023/24, porterà la compagnia “Scatenati”, composta da attori detenuti della Casa Circondariale di Genova Marassi, al Teatro Ivo Chiesa di Genova con uno spettacolo, diretto da Matteo Alfonso e liberamente ispirato a Sette minuti di Stefano Massini.

Una squadra di operai riunita in una grande stanza, davanti a loro una scelta. La loro fabbrica, il centro siderurgico di Taranto, è stata venduta ad una multinazionale. Quale sarà il loro destino?

La risposta non tarda ad arrivare ed è all’apparenza tranquillizzante. Non ci saranno licenziamenti ma una piccola clausola nell’accordo, dovrà essere accettata dai lavoratori. Chiusi nella stanza a discutere, gli undici operai dovranno decidere se questa clausola è veramente piccola come sembra o se, al contrario, non nasconda una trappola in grado di provocare pesanti conseguenze. A poco a poco il dibattito si accende e ognuno sarà costretto a ripercorrere pubblicamente la propria vita prima di arrivare al voto, portando in scena una coinvolgente riflessione sul lavoro e i diritti nella nostra società.

Dopo i quattro spettacoli dedicati alle opere di William Shakespeare si passa così al teatro politico contemporaneo con un testo del drammaturgo fiorentino, unico italiano a vincere il prestigioso Tony Award, è costruito attorno a un fatto realmente accaduto in Francia.

Sette Minuti sarà in scena al Teatro Ivo Chiesa di Genova martedì 7 maggio e dal 14 al 18 maggio 2024 sul palco del Teatro dell’Arca.

Info e Biglietti su teatronazionalegenova.it e su teatronecessariogenova.org

“Siamo differenze che sono ricchezza”, via del Campo prende vita con le gigantografie dei residenti per dire ‘no alla guerra’

Proseguono i preparativi in vista della ‘Cena Condivisa’ di quartiere, l’appuntamento sabato 25 maggio tra la Commenda e San Giorgio

GENOVA – Oggi via del Campo è più affollata del solito: quarantuno gigantografie accolgono i passanti da Porta dei Vacca a piazza Fossatello, a precederle un manifesto che recita “Noi siamo pace“. Sono i visi dei residenti e dei commercianti uniti “in un grido di dissenso rispetto alle decisioni dei governatori che hanno perso di vista l’importanza della vita, il senso della dignità dell’essere umano. Con i nostri volti diciamo ‘no alle guerre‘”. Lo racconta Christian Spadarotto, presidente dell’associazione Via del Campo e Caruggi e anima socialmente impegnata nel migliorare la vivibilità del centro storico genovese.

Le fotografie rimarranno esposte per almeno un mese, condizioni meteorologiche permettendo. “I visitatori hanno preso l’iniziativa con molta gioia, è un messaggio che arriva attraverso un volto noto. La cosa incredibile è che ci riconosciamo, guardandoci“, spiega Spadarotto.

Da subito, è chiaro il sotto-testo. L’iniziativa non è solo una denuncia, ma vuole essere prova concreta che “le tante differenze sono ricchezza“, chiamando in causa anche il resto della cittadinanza. “Coinvolgiamo il popolo del mondo: abbiamo pensato di invitare tutte le persone ad usare i loro profili social e posta una loro foto con scritto ‘Io sono pace’, ci aspettiamo una partecipazione diffusa“.

Nel frattempo, l’associazione Via del Campo e altre realtà locali lavorano alla prossima ‘Cena condivisa’, prevista sabato 25 maggio: “Chi parteciperà troverà tavole e panche lungo tutto l’asse che dalla Commenda arriva fino a San Giorgio. Ci stiamo confrontando con la Prefettura per delineare un piano definitivo. Avremo l’opportunità di ritrovarci, riconoscerci e dimostrare cosa si possa fare tutti insieme“.

“Obiettivo Terra” 2024: 2 premi alle Aree protette della Liguria

“Obiettivo Terra” 2024, anche 2 aree della Liguria menzionate al concorso fotografico nazionale dedicato alla difesa e alla valorizzazione del patrimonio ambientale, del paesaggio, dei borghi, delle peculiarità e delle tradizioni enogastronomiche e sociali delle Aree protette d’Italia, promosso dalla Fondazione UniVerde e dalla Società Geografica Italiana.

La cerimonia di premiazione si è svolta a Roma il 22 aprile in diretta streaming da Palazzo Valentini con due menzioni attribuite alle aree protette della Liguria:

Menzione “Area costiera” alla foto che ritrae il caldo tramonto sulla Chiesa di San Pietro, nel Parco naturale regionale di Porto Venere.

Seconda menzione; “Stories” alla foto dell’incantevole veduta del borgo di Vernazza, “sospesa sul mare”, Parco nazionale e Area marina protetta delle Cinque Terre. Il riconoscimento è stato conferito alla presenza della Presidente del Parco, Donatella Bianchi.

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde: “In 15 anni il concorso Obiettivo Terra ha unito a raccolta migliaia di amanti della natura che con le loro foto hanno collaborato a diffondere conoscenza e rispetto di quello scrigno di biodiversità che sono le Aree protette. La difesa di tali aree è più che mai fondamentale: fattori critici come deforestazione, inquinamento e urbanizzazione hanno portato non solo alla frammentazione degli habitat ma anche alla perdita di importanti livelli di biodiversità.

Fine del mercato tutelato, dopo il gas ora tocca all’elettricità

Bollette triplicate e comunicazione poco chiara: queste le segnalazioni degli utenti liguri a quattro mesi dal termine del mercato tutelato per quanto riguarda il gas. Ora il progressivo passaggio al mercato libero anche per quanto riguarda l’elettricità con scadenza ultima luglio 2024.

Il consumatore si trova a dover affrontare una scelta per continuare con le forniture di luce.
Nessun cambiamento per i clienti vulnerabili, ossia utenti di età superiore a 75anni o che usufruiscono del bonus luce-gas, che vedono il protrarsi delle stesse condizioni contrattuali del mercato tutelato con prezzi stabiliti da autorità garante.
Per gli altri consumatori la scelta di passare al mercato libero o ad una tutela graduale: servizio di prezzo variabile, unico in tutta Italia, considerato una via di mezzo tra mercato libero e tutelato.

“Bisogna prestare attenzione, soprattutto in queste settimane abbiamo ricevuto segnalazioni da clienti per bollette con importi sproporzionati, dovuti dalle variazioni tariffarie per quanto riguarda il gas che i gestori nei mesi scorsi hanno applicato”- racconta Alberto Martorelli, Presidente Lega Consumatori Liguria – “abbiamo evidenziato il problema di comunicazione, per tanto chiediamo un intervento normativo per cambiare la legge vigente in materia”.