A Genova arriva “Il Giornale della mobilità” per parlare di strade e sicurezza – Babboleo

A Genova arriva “Il Giornale della mobilità” per parlare di strade e sicurezza

Condividi questo Post

Lo storico periodico dell’AC Genova “Automobilismo Ligure” si apre alla cittadinanza trasformandosi ne “Il giornale della mobilità”, disponibile gratuitamente nelle biglietterie Amt.

Proprio nel 120esimo anniversario della fondazione della sezione genovese dell’ACI e in coincidenza con l’avvio di numerose grandi opere che cambieranno il modo di circolare in città, informazione attiva per parlare di traffico e circolazione di auto, mezzi pubblici, ciclisti e pedoni, trasformando la pubblicazione tradizionalmente riservata ai soci in un vero e proprio periodico diffuso al grande pubblico.

Nel mese di maggio il primo numero per parlare di limite 30 km/h, nuove misure antismog in vista, ma anche delle regole per circolare in biciclette e di modifiche del Codice della Strada, educazione stradale nelle scuole svolta da AC Genova e Comune.

Il nostro magazine, attivo dal 1948, sta cambiando veste trasformandosi in un contenuto informativo nei confronti della cittadinanza su dubbi e novità introdotte dalle ordinanze su viabilità, ma anche aspetti fiscali sul pagamento della tassa automobilistica” – racconta ai microfoni di Radio Babboleo il dirigente AC Genova Raffaele Feriello – “tanti aspetti che riguardano la vita quotidiana e la mobilità di tutti i cittadini della provincia di Genova anche come ciclisti e pedoni, con aspetti comportamentali molto importanti per muoversi in città“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo