Conte: “Situazione critica”. Pronto il nuovo Dpcm

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha annunciato nuove e stringenti norme anti-Covid per contrastare l’aumento dei casi che in questi giorni ha visto un’accelerazione. 

Ecco che cosa prevede il nuovo Dpcm in vigore da lunedì 19 Ottobre:

  • I sindaci potranno decidere di chiudere al pubblico vie e piazze a rischio di assembramento dalle 21
  • Tutti i locali pubblici (bar, ristoranti, pub, pasticcerie, gelaterie) potranno essere aperti dalle 5 alle 24 se prevedono consumo al tavolo, con un massimo di sei persone allo stesso tavolo e ogni locale dovrà obbligatoriamente esporre un cartello indicante  il numero massimo di persone consentite all’interno. Il consumo non al tavolo dopo le 18 non sara’ permesso. Le consegne a domicilio non avranno vincolo d’orario e l’asporto sarà consentito sino alle 24
  • Si incentiva lo smart working quando è possibile e si incentivano ferie e congedi retribuiti allo scopo di non affollare gli uffici.
  • Scuole aperte con lezioni in presenza per elementari e medie. Didattica flessibile alle superiori con lo spostamento dell’ingresso dopo le 9 facendo anche ricorso a turni pomeridiani. Flessibilità anche per le università che decideranno anche in base all’andamento regionale dei contagi
  • Vietati gli sport di contatto amatoriale e non sono consentite gare e competizioni ad eccezione di quelle di interesse nazionale o regionale ma rimane consentita l’attività sportiva professionistica.
  • Aperte piscine palestre che avranno una settimana di tempo per adeguarsi ai protocolli di sicurezza ma rimane comunque l’ipotesi di un’eventuale chiusura
  • Le manifestazione pubbliche potranno avvenire solo in forma statica e rispettando il distanziamento
  • Sono vietate le sagre e le fiere di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale ed i congressi, previa adozione di protocolli validati dal Comitato tecnico-scientifico, e secondo misure organizzative adeguate alle dimensioni ed alle caratteristiche dei luoghi e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro.
  • Nell’ambito delle pubbliche amministrazioni le riunioni si svolgono in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni di interesse pubblico; è fortemente raccomandato svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza 
  • Cinema e teatri restano aperti con il numero massimo di 1000 spettatori per spettacoli all’aperto e di 200 spettatori per spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala. Le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo sono consentite dalle ore 8.00 alle ore 21.00.
  • Parrucchieri e centri estetici rimangono aperti nel rispetto dei protocolli di sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Interviste

Con il nuovo Dpcm palestre e piscine in crisi

“In Liguria ci sono quasi 500 palestre, con il nuovo Dpcm rischiano di non riaprire mai più: parliamo complessivamente di quasi 4mila lavoratori in varie forme che temono

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, eventi, spettacoli: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive solo per gli iscritti alla Newsletter Babboleo!

Iscriviti Ora, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo