Covid e lavoro: crollo dei licenziamenti ma assunzioni bloccate

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Mercato del lavoro bloccato a causa della pandemia e la Liguria non fa eccezione a livello nazionale e fa segnare nel terzo trimestre del 2020, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, un calo del 7,7% dei nuovi rapporti attivati e un crollo verticale delle cessazioni (-19,6%) attribuibile senza dubbio al blocco dei licenziamenti deciso dal governo e attualmente prorogato fino al 31 marzo 2021. Sono i dati che arrivano dal nuovo rapporto del ministero del Lavoro.

Tra giugno e settembre 2020 in Liguria sono stati attivati 57.090 rapporti di lavoro da 50.642 lavoratori con una media di 1,13 attivazioni per lavoratore. Tuttavia ci sono regioni dove il dato è positivo, soprattutto Sardegna (+12,5%) e provincia autonoma di Trento (+11,8%). In generale tutto il Nord Italia ha subito una contrazione (-9,5%), più marcata per i maschi (-9,9%) che si ripercuote anche a livello nazionale con numeri molto vicini a quelli liguri (-7,1%). Il calcolo comprende anche le trasformazioni a tempo indeterminato.
Notevole anche il brusco calo delle cessazioni: rispetto al 2019 nel terzo trimestre di quest’anno sono state 55.906 (-19,6%) per un totale di 49.863 lavoratori interessati, in media 1,12 per lavoratore. Dato molto simile a quello della Lombardia (-20,1%) e un po’ più alto del Nord Italia in generale (-15,4% con sostanziale equilibrio tra maschi e femmine) e della media nazionale (-15,1%, per le femmine -15,7%).

A livello nazionale, il 71,2% del totale delle attivazioni (comprensive delle trasformazioni a tempo indeterminato), pari a 2 milioni e 987 mila, risulta concentrato nel settore dei servizi, che mostra un calo pari a -6,8% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. L’industria, invece, che con 377 mila attivazioni rappresenta il 12,6%, presenta una diminuzione più intensa, pari al -13,7%. Nell’ambito del settore industriale il calo interessa maggiormente le donne (-17,7%, mentre per gli uomini risulta -12,6%) e riguarda in misura superiore l’industria in senso stretto (-19,3%) rispetto alle costruzioni (-4,7%). Di contro, il settore dell’agricoltura, che con 485 mila attivazioni assorbe il 16,2% del totale, fa registrare una diminuzione di 13 mila attivazioni, pari a -2,7%, soprattutto per il calo osservato nella componente maschile (-3,2%).

Il 72,9% delle cessazioni è concentrato nel settore dei servizi, che registra una riduzione pari a -16,6% (-365 mila cessazioni). La variazione tendenziale negativa interessa sia il settore dell’industria in senso stretto, dove la diminuzione risulta pari a -18%, che, in misura minore, le costruzioni (-13,7%), dove coinvolge le donne in misura maggiore rispetto agli uomini (-17,2% a fronte del -13,6%). Anche nell’agricoltura, dove la variazione negativa è minore rispetto agli altri settori di attività (-5,4%), la riduzione delle cessazioni è superiore nelle donne (-6,2%) rispetto agli uomini (-5,1%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo