Gaslini, al via le demolizioni dei padiglioni 7 e 8. Si riparte dal Padiglione Zero – Babboleo

Gaslini, al via le demolizioni dei padiglioni 7 e 8. Si riparte dal Padiglione Zero

Condividi questo Post

Questa mattina è ufficialmente entrato nel vivo il cantiere per il Nuovo Gaslini, con le prime demolizioni iniziate alla presenza dei vertici dell’Istituto e delle istituzioni. Una pinza demolitrice “travestita” da dinosauro ha dato il via agli abbattimenti, “mangiando” le prime porzioni dell’edificio “Scuola Professionale” facente parte del padiglione 7, in un’operazione di cantiere resa unica e a misura di bambino grazie all’intrattenimento a tema dinosauri, organizzato da attori e acrobati nell’area adiacente alle demolizioni.

Dopo le prime operazioni propedeutiche alla creazione dell’area di cantiere iniziate nei mesi scorsi, oggi sono ufficialmente partiti i lavori di abbattimento dei padiglioni 7 e 8. L’intervento consentirà di liberare l’area per la successiva costruzione del nuovo Padiglione Zero, al termine della quale si concluderà la fase 1 del Cantiere Nuovo Gaslini. Il termine previsto per le opere strutturali relative alla prima fase di lavori, gli unici che hanno un impatto anche fuori dall’ospedale, sarà giugno 2026.

I lavori saranno suddivisi in 4 differenti fasi, per una durata totale degli interventi di circa 6 anni. Con la fase 1 si concluderà la costruzione del Padiglione Zero e del nuovo Polo Tecnologico, mentre entro il 2030 verranno completati tutti gli interventi ai vari padiglioni oggetto di restauro: padiglioni 6, 17 e 18 (fase 2), 16 (fase 3) e 15 (fase 4). Un team multidisciplinare di RINA-Proger affianca il Gaslini con il ruolo di Project Management Consultant, Direzione Lavori e Coordinamento della Sicurezza in fase di esecuzione.

Oggi è una giornata storica per l’Istituto Giannina Gaslini – commenta il presidente dell’IRCCS Gaslini Edoardo Garrone – Con l’avvio delle demolizioni del primo padiglione abbiamo dato inizio a quel processo di rinnovamento strutturale che il nostro ospedale attendeva da anni. La suddivisione in 20 padiglioni ideata negli anni Trenta non rispondeva più alle esigenze di una sanità moderna e funzionale, che prevede strutture organizzate per intensità di cura. La costruzione ex novo del Padiglione Zero e i progressivi lavori di ammodernamento negli altri edifici permetteranno al Gaslini di proiettarsi verso il futuro, arrivando al centesimo anniversario dalla fondazione dell’Istituto, nel 2031, con una nuova struttura edilizia”.

Con il Nuovo Gaslini abbiamo progettato, e realizzeremo, una nuova ‘Città della Salute’ che ci permetterà di continuare ad essere un punto di riferimento a livello nazionale e internazionale per la cura e la ricerca in campo pediatrico – sottolinea il direttore generale dell’Istituto Giannina Gaslini Renato Botti – Un progetto che porterà benefici a tutti: dai piccoli pazienti con le loro famiglie, che potranno trovare un ospedale sempre più accogliente e capace di rispondere ai loro bisogni, al nostro personale, che potrà lavorare in strutture all’avanguardia da un punto di vista tecnico, funzionale e organizzativo. Il Nuovo Gaslini porterà nuovo valore anche al territorio circostante, non solo con servizi ospedalieri d’eccellenza, ma anche riqualificando il quartiere con edifici nuovi o ristrutturati e nuove aree verdi pubbliche fruibili da tutti”.

Il progetto del Nuovo Gaslini, il cui concessionario è Zena Project (società di progetto creata dal raggruppamento temporaneo di imprese Cmb – Mieci – Arcoservizi) e che in parte sarà finanziato da fondi PNRR, prevede la riorganizzazione dell’intero Istituto. Dal punto di vista sanitario la peculiarità più rilevante dell’intero progetto è l’aver disegnato un nuovo ospedale ascoltando le indicazioni e i desiderata dei professionisti del Gaslini, in modo da aumentare l’efficienza e le funzionalità dei servizi erogati.

Siamo orgogliosi di essere risultati concessionari di questa grande operazione di Partenariato Pubblico Privato, che ha visto ospedale Gaslini e Zena Project fin dall’inizio accomunati dall’obbiettivo di mettere a servizio dei piccoli pazienti le competenze espresse da ambo le parti, e che ha consentito di avviare i lavori in tempi stretti, grazie anche al contributo di tutti gli Enti competenti per le autorizzazioni necessarie – commenta l’Ing. Siriana Bertacchini, presidente di Zena Project SpA, concessionario del progetto per il Nuovo Gaslini – Tenendo al centro i bambini, il personale del Gaslini ed il territorio che ci circonda, abbiamo basato tutto il progetto su principi di sostenibilità energetica ed ambientale che caratterizzeranno il nuovo Padiglione Zero. E anche in questa prima fase di demolizione, abbiamo tenuto conto della sensibilità dei nostri piccoli amici, trasformandola in gioco e fantasia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo