Guerra in Ucraina, le ripercussioni in Liguria: manca l’olio di semi, energia alle stelle, cibo razionato negli allevamenti – Babboleo

Guerra in Ucraina, le ripercussioni in Liguria: manca l’olio di semi, energia alle stelle, cibo razionato negli allevamenti

Condividi questo Post

Continuano le ripercussioni economiche, anche in Liguria, del conflitto in Ucraina. A causa dello stop all’export dell’olio di girasole, di cui l’Ucraina è principale esportatore, alcuni supermercati del ponente ligure hanno razionato la vendita del prodotto a un massimo di due bottiglie a persona. Il caro energia, unito all’aumento dei prezzi di mangime e fertilizzanti e ai problemi logistici legati ai cantieri in autostrade, ha costretto alcuni agricoltori liguri a fermare o riconvertire le produzioni, mentre gli allevatori hanno ridotto le razioni per gli animali. In alcuni distributori di Genova, oggi, benzina e gasolio toccano il picco di 2 euro e 40 al litro.

Intanto non si ferma la macchina dell’accoglienza, quasi 500 ucraini hanno ricevuto assistenza medica e effettuato tamponi nelle strutture della Liguria. “Sono prevalentemente persone che avevano contatti sul territorio, e sono arrivate qui perché qualcuno è andato a prenderli” spiega il consigliere delegato della Protezione Civile del Comune di Genova, Sergio Gambino. “Dobbiamo prepararci a una massa di persone ben diverse. Secondo il Viminale, a Genova potremmo avere tra i 6mila e gli 8mila arrivi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo