“Il tumulto del cielo ha sbagliato momento”: l’inesauribile resilienza ligure a 50 anni dall’alluvione di Genova

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

50 anni fa l’alluvione che metteva in ginocchio Genova: il 7 e l’8 ottobre 1970 il fango portò via con sé 43 vite. Lo stesso, tragico bilancio umano che ci riporta – ironia della sorte – alle vittime di Ponte Morandi.

A distanza di mezzo secolo da quel drammatico evento che segnò il nostro capoluogo, la Liguria rimane una delle regioni italiane con il più alto rischio idrogeologico. A testimoniarlo sono i dati: secondo il Ministero dell’Ambiente, la Liguria è la terza regione, in percentuale, per numero di comuni con il livello di attenzione per il rischio idrogeologico “molto elevato” (30,6%), dietro solo a Valle D’Aosta (44,6%) e Molise (51,5%).

Le esondazioni e le frane che nel fine settimana hanno colpito il Ponente (e il Levante) della regione non fanno che confermare tristemente questi dati e la conformazione del nostro territorio.

Ma i liguri, che con la loro pelle dura non hanno mai smesso di rimboccarsi le maniche e reagire alle avversità, sono già al lavoro per tornare padroni del loro destino. Ricordando sempre che, come raccontava Fabrizio De Andre’ in Dolcenera, l’amore per il prossimo trionfa su fango e devastazione.

Anche oggi, 50 anni dopo, il tumulto del cielo ha sbagliato momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo