L’8 maggio 1946 La Spezia diventava la Porta di Sion

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Nelle mappe di Israele La Spezia non esiste. Eppure La Spezia c’è, è una delle città più belle della Liguria e sede della Marina Militare Italiana. Ma sulla cartografia ebraica compare con tutt’altro nome: “Schàar Zion”, Porta di Sion. Dietro a questo nome c’è una storia da raccontare.

Nel 1946, molti prigionieri ebrei scampati ai lager nazisti espressero il desiderio di andare a vivere in Palestina, la “Terra Promessa” a cui fare ritorno dopo le migrazioni dei secoli precedenti che li avevano portati in Europa. L’orrore della guerra e dei campi di sterminio sarebbe stato un po’ più lontano.

Proprio dal porto della Spezia partirono due navi, Fede e Fenice, cariche di sfollati desiderosi di ricongiungersi con la terra dei loro padri. Non fu una partenza facile, quella della “Missione Exodus”: la Gran Bretagna, che regolava l’ingresso degli ebrei in Palestina, aveva fissato a 75.000 unità il numero massimo di persone autorizzate a trasferirsi, e questo numero era già stato abbondantemente raggiunto.

Ci vollero settimane di trattative tra gli organizzatori del viaggio “semi-clandestino” e le autorità britanniche. Gli sfollati restarono sulle banchine per molti giorni, iniziarono anche un lungo sciopero della fame, supportati dalla comunità locale che, dopo un’iniziale diffidenza, prestò aiuto e conforto a quegli insoliti migranti.

Alla fine, l’8 maggio 1946, le navi furono autorizzate a partire alla volta della Palestina. Da allora, per la comunità ebraica La Spezia è conosciuta come “Porta di Sion”. Per l’aiuto fornito ai profughi ebrei scampati ai lager, la città è stata insignita della Medaglia d’Oro al Merito Civile.

La Spezia nel secondo dopoguerra ha promosso nel Mediterraneo l’idea della pace e del rispetto tra i popoli attraverso il Comitato Euro Mediterraneo Cultura dei Mari, presieduto dal sindaco della città. Dal 2000, La Spezia assegna il “premio Exodus”, riconoscimento a figure che si sono spese nel campo della solidarietà e del dialogo internazionale. Quest’anno il premio è andato a Noemi Di Segni, presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo