La giornata degli abbracci ai tempi del Covid – Babboleo

La giornata degli abbracci ai tempi del Covid

Condividi questo Post

Oggi, 21 gennaio, è il NATIONAL HUGGING DAY: la giornata mondiale degli abbracci. Un gesto semplice ma che, purtroppo, ci manca da tantissimo tempo. Questa ricorrenza nasce trentacinque anni fa, a Clio, paesino nel Michigan, quando.Kevin Zaborney, il pastore della chiesa locale, lanciò la «Giornata dell’abbraccio», scegliendo come data il 21 gennaio. Il reverendo voleva incoraggiare i fedeli ad abbracciare spesso i propri famigliari e amici e a non aver paura di mostrare le proprie emozioni. Del resto, gli abbracci sprigionano proprio emozioni positive, ma sono anche un toccasana per la salute: inducono il rilascio di ossitocina (il cosiddetto «ormone dell’amore»), riducono i livelli di stress, fanno bene alla salute cardiovascolare. Ma in quest’anno di pandemia, questo semplice e benefico gesto è bandito.La Giornata Mondiale dell’Abbraccio in un mondo che non può più stringersi. Ci sono poi contesti in cui un abbraccio sarebbe – in questo momento – ancora piu’ essenziale ma non si può: è il caso soprattutto di chi non abbraccia i propri genitori e nonni per proteggere le fasce più deboli e più a rischio. Per rispondere a questa necessità e su esempio di alcune nazioni Europee, anche in alcune rsa della Liguria in autunno sono state predisposte le cosiddette “stanze degli abbracci”, per permettere agli ospiti di abbracciare i propri parenti pur con un telo di plastica trasparente in mezzo: un momento di ritrovata dolcezza  dopo mesi di solitudine e isolamento forzato dai propri cari. In Liguria ha iniziato la Sacro Cuore di Brugnato, in provincia della Spezia, seguita da Villa Costalta a Mele: in entrambe le strutture, è stato predisposto un telo di plastica trasparente con due “maniche”. Inserendo le braccia all’interno si può abbracciare i propri cari e accorciare le distanze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Interviste

Music for Peace: arriva “Che Stella”

Aprirà il 7 dicembre il mercatino di Music for Peace in via Balleydier. Ci saranno spettacoli, attività per bambini, artigianato, dibattito, cibo del mondo e

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo