Liguria in zona gialla, Coldiretti: “Riaprono 13mila attività”

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

È terminato il Decreto Natale e, ieri domenica 10 gennaio, si è chiusa la settimana che ufficialmente spazzato via il periodo delle festività natalizie. Da oggi lunedì 11 gennaio, fino al prossimo Dpcm che uscirà il 15 gennaio la Liguria sarà in zona gialla “rafforzata”.

Pertanto a ripartire oggi sono circa 13mila i bar, ristoranti, trattorie, pizzerie e agriturismi che riaprono con il servizio al tavolo, consentito dalle ore 5,00 alle 18,00, mentre nella fascia serale, fino alle ore 22, è consentito solo l’asporto o consegna a domicilio. 

“In questo periodo le ordinanze per le aperture/chiusure a singhiozzo e le limitazioni necessarie ad arginare il contagio, – affermano il presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa – hanno creato, in molti casi, ostacoli alla programmazione delle attività, che spesso non sono state considerate neanche sufficienti a dare sostenibilità economica ed a giustificarne le aperture, facendo ridurre, di conseguenza, drasticamente gli ordinativi necessari.

Infatti gli effetti della chiusura delle attività di ristorazione si fanno sentire a cascata sull’intera filiera agroalimentare Made in Liguria con disdette per le forniture di prodotti che vanno dal vino all’olio, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche su salumi e formaggi di alta qualità, eccellenze che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco.

Per poter ripartire in tutti i settori è importante continuare a seguire le indicazioni per arginare i contagi, ed evitare ulteriori chiusure che continuerebbero a minare la nostra economia. Auspichiamo che l’andamento generale possa permettere, anche nei weekend, la riapertura di questo genere di attività, compresi gli agriturismi, strutture che hanno un ridotto numero di posti a tavola e aperti principalmente nei fine settimana.

Le limitazioni alle attività di impresa devono comunque prevedere un adeguato e immediato sostegno economico lungo tutta la filiera ed è importante che i cittadini continuino a scegliere di rivolgersi, per i propri acquisti, direttamente alle imprese del territorio o ai mercati di Campagna Amica Liguria dove è sempre possibile trovare prodotti stagionali, a km zero e di qualità, supportando allo stesso tempo l’economia del territorio e l’occupazione.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, eventi, spettacoli: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive solo per gli iscritti alla Newsletter Babboleo!

Iscriviti Ora, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo