Pescatori dilettanti contro il Ministero dell’Agricoltura: “Uso del palamito ridotto, così non è più conveniente” – Babboleo

Pescatori dilettanti contro il Ministero dell’Agricoltura: “Uso del palamito ridotto, così non è più conveniente”

Condividi questo Post

Tornano a farsi sentire i pescatori sportivi della Liguria per esprimere il loro dissenso alle normative che di recente hanno colpito il settore. Questo sabato, 20 aprile, alle 15:30 a Sestri Levante presso il Grande Albergo si terrà un incontro tra pescatori dilettanti, rappresentanti della FIPSAS e politici locali e nazionali incentrato sul decreto ministeriale 30 gennaio 2024, firmato Ministero dell’Agricoltura, che prevede la riduzione del numero di ami consentiti per la pesca ricreativa tramite palamito, da 200 a 50 ami per imbarcazione e il divieto di utilizzo dei salpa-reti elettrici o collegati a motori termini per questo attrezzo, oltre che l’aumento degli importi minimi dei canoni demaniali.

Una nuova disciplina che muta la figura del “pescatore ludico-sportivo“, abituato ad una “percentuale di pesca del 2%”: “Se prima con 200 ami portavi a casa quattro pesci, oggi con 50 ami ne porti a casa due” – spiega Diego Goatelli, presidente del Comitato Pescatori Dilettanti Sestresi. Numeri ancor meno confortanti per chi pratica la pesca a fondale: “Chi deve pescare a palamito a 300 o 400 metri di profondità non va più, con solo più 50 ami non è conveniente“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo