Radio Taxi compie 50 anni, una storia genovese che parte dalla “conoscenza del territorio” – Babboleo

Radio Taxi compie 50 anni, una storia genovese che parte dalla “conoscenza del territorio”

Condividi questo Post

Lunedì 8 luglio l’evento aperto al pubblico a Palazzo Tursi per ripercorrere la storia e le tappe della sua evoluzione tecnologica

GENOVA – Sullo schermo compare la localizzazione e due tasti, uno verde e uno rosso. Il tassista può accettare o rifiutare. È ciò che succede quando uno dei venti centralisti trasmette agli autisti la chiamata di qualche utente. Il numero dei passeggeri, se hanno bagagli, dove sono diretti. Il tutto avviene in pochi minuti e, chi ha chiamato, deve solo attendere il tempo necessario, dettaglio che viene comunicato una volta prenotata la corsa. Quello che oggi pare un automatismo, è un servizio che si è rinnovato per cinque decadi e nasce dalla voglia di fornire un “sistema capace di rendere più facile la fruizione, prima le persone lo prendevano su strada o chiamavano il posteggio di riferimento più vicino“. Radio Taxi 5966 compie così 50 anni. A dispetto di chi ci vuole legati al passato, questo compleanno racconta il nostro percorso” dice Valter Centenaro, presidente della Cooperativa Radio Taxi.

Le prime radioline, l’attivazione del servizio dalle 7 alle 22, poi per 24 ore, 7 su 7, oggi addirittura un‘applicazione. Dal 1974 di strada se n’è fatta. “La tecnologia la fa da padrona anche nel mondo taxi” – racconta Centenaro – “L’app funziona, è un modo snello, è capace di localizzare la chiamata anche se l’utente non conosce con esattezza l’indirizzo di prelevamento“. Your Taxi, la piattaforma online sviluppata dalla Cooperativa, ha di recente raggiunto anche la Città dei Fiori. Sul territorio regionale infatti, sono 1300 i tassisti, di cui 720 solo a Genova.

Un’occasione, questo compleanno, anche per riflettere sulla propria storia e individualità d’impresa, guardando alle sfide del futuro. “Il tassista non ce l’ha con le multinazionali, il discorso è diverso” – delucida il presidente – “Qui parliamo di un servizio nato in forma organizzata, da un gruppo di piccoli imprenditori locali. Invece, si vuole sostituire una natura di servizio pubblico con un algoritmo che non dà nessuna certezza sull’esecuzione del servizio e neanche sul prezzo. Non abbiamo bisogno di questo, e neanche i cittadini ne hanno bisogno“. Una cosa è certa: cinquant’anni fa come oggi, la tecnologia impone un cambio di rotta, soprattutto se accompagnata da una ampliamento del bacino d’utenza. “Stiamo affrontando flussi turistici che anni fa erano sconosciuti a livello genovese. Credo che la sfida sia questa, calibrare l’offerta. Il nostro contingente genovese è ampliamente sufficiente rispetto alle richieste medie. Tecnologicamente saremo comunque attenti alle novità che dovessero venire a facilitarci il lavoro. Sicuramente, la risposta da dare è questa: taxi è territorio, è conoscenza. Ha uno sviluppo di attività che nel territorio deve rimanere“.

Lunedì 8 luglio, alle ore 17 presso il Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, si terrà un evento aperto al pubblico e alla stampa per ripercorrere la storia e le tappe dell’evoluzione tecnologica della Cooperativa. Interverranno Marco Bucci, Sindaco di Genova, Carmelo Cassibba, presidente del Consiglio Comunale di Genova, e Valter Centanaro. In questa occasione si svolgerà inoltre una tavola rotonda con la partecipazione di rappresentanti delle istituzioni nazionali e locali. Seguirà la consegna di una targa ricordo a Giorgio Riva (classe 1934), tra gli ideatori e fondatori del sistema Radiotaxi.

Ascolta l’intervista integrale a Valter Centenaro, presidente della Cooperativa Radio Taxi, su Radio Babboleo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo