Ristoranti chiusi? La cena benefica si fa in versione delivery o asporto

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Il difficile momento che anche Genova e la Liguria stanno attraversando a causa della pandemia non stoppa la forza e la volontà di dar vita a progetti benefici, volti a dare una mano a chi ha più bisogno. Ecco, così, che le due realtà della fondazione “Il domani dell’autismo” sezione Golfo Paradiso e il ristorante “il Genovese” di via Galata, ormai nota icona della ristorazione cittadina e simbolo della cucina ligure, hanno deciso di intraprendere insieme un’importante iniziativa solidale: una “cena benefica…in versione delivery”, viste le restrizioni per il contenimento del Covid-19.

La Fondazione “Il domani dell’autismo” è nata e si è sviluppata inizialmente alla Spezia, grazie all’unione di famiglie coraggiose che hanno deciso di dare un futuro ai loro figli portando avanti un progetto di vita indipendente, attraverso percorsi che possano prevedere anche l’apprendimento di attività lavorative. Una realtà che, dall’ottobre 2019, ha saputo affondare le proprie radici anche nel Golfo Paradiso grazie all’impegno di alcuni genitori, tra cui Federico Rebora, e alla disponibilità di alcuni amici di Recco, accogliendo in un centro (una bella casetta con giardino) ragazzi autistici seguiti da educatori e psicologi.

E proprio dall’amicizia tra Federico Rebora e Roberto Panizza, titolare del Genovese col fratello Sergio e il socio Dario Fichera, è nata l’idea: un doppio menù, ordinabile in modalità delivery o asporto, per la cena nelle serate di mercoledì 25 e giovedì 26 novembre, il cui ricavato verrà in parte devoluto alla Fondazione. Doppio come il segnale che si intende mandare, in un momento difficile sia per chi opera nel sociale sia per tutto il mondo della ristorazione: è sempre possibile reagire alle sfide con entusiasmo e non smettere di lottare, senza dimenticarsi di chi ha più bisogno.

Menù “rosso” (euro 30,00 a persona): Superfritto (frisceu, panissa, gattafin, latte dolce, trippa fritta); Ravioli di cabannina al tuccu; Coniglio alla ligure; Cheesecake di prescinseua con chinotto candito di Finalborgo.

Menù “verde” (euro 30,00 a persona): Superfritto (frisceu, panissa, gattafin, latte dolce, trippa fritta); Trofie di castagne al pesto; Polpette di cabannina al tuccu; “Caffelatte” del Genovese (dolce a base di latte, caffè e focaccia).

A disposizione anche il vino Barbera “Il Professore” (l. 0,75) a euro 10,00.

Come ordinare? Le ordinazioni dovranno essere effettuate entro le 17 del giorno precedente la cena (ore 17 del 24 novembre per la cena del 25; ore 17 del 25 novembre per la cena del 26). Si può richiedere la consegna in modalità delivery o asporto. Tramite webapp al seguente link (sezione “Cena di Beneficenza delivery” e seguendo le indicazioni del sistema): https://disv.it/jPRhY. Tramite WhatsApp al numero 3938872662, indicando nome, e-mail, indirizzo e giorno di consegna. Telefonando al numero 0108692937, dalle 18.30 alle 21.30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, eventi, spettacoli: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive solo per gli iscritti alla Newsletter Babboleo!

Iscriviti Ora, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo