Scatti osé agli Uffizi, l’influencer spezzina archivia le foto. “Ma non pensiate di aver ragione” – Babboleo

Scatti osé agli Uffizi, l’influencer spezzina archivia le foto. “Ma non pensiate di aver ragione”

Condividi questo Post

Da giorni l’arte è al centro dell’attenzione dei media, per gli attacchi che diversi quadri (tra cui Il Pagliaio e I Covoni di Claude Monet) hanno subito da parte di ambientalisti. Nell’occhio del ciclone, adesso, finisce un episodio che riguarda da vicino anche un’opera d’arte esposta in Italia.

Si tratta de La Nascita di Venere di Sandro Botticelli,o più comunemente chiamata La Venere di Botticelli, esposta e conservata alla Galleria degli Uffizi a Firenze. L’opera iconica del Rinascimento italiano è infatti finita al centro dei riflettori, perché scelta come sfondo per lo shooting fotografico a luci rosse di tre influencer, vestite di abiti succinti e trasparenti che non lasciavano spazio alla fantasia. Le foto sono opera di Alex Mucci, Vicky Ohw e Eva Menta (giovane di origini liguri che sul suo profilo di Instagram conta 3,8 milioni di follower), che non sarebbero state fermate all’ingresso e sarebbero passate inosservate ai controlli degli addetti alla sicurezza perché indossavano entrambe un giubbotto e rispettavano le norme riguardanti il vestiario della Galleria.

Le foto “incriminate” di Alex Mucci e Eva Menta

Non era la prima volta che queste ragazze postavano foto sexy in pose provocanti, ma questa volta qualcosa non è andato giù agli utenti del web che si sono scatenati con insulti e commenti negativi subito dopo la pubblicazione della foto, che vedeva in particolare ritratte Alex Mucci e Eva Menta davanti al quadro che mostravano liberamente i loro seni.

La polemica si è infiammata dopo che Alessandro Draghi, capogruppo di Fratelli d’Italia, ha denunciato la violazioni delle regole sull’abbigliamento consono all’interno degli ambienti museali. Inoltre, ha sottolineato Draghi, le foto scattate all’interno del museo dovrebbero essere esclusivamente a fini d’uso personale o di studio, mentre per tutti gli altri utilizzi si esige un’apposita richiesta di autorizzazione ed il pagamento di un canone.

Dopo le parole spese da Alessandoro Draghi le foto che erano state postate sui profili di entrambe le “influencer” sono state archiviate, come ci ha tenuto a sottolineare Eva stessa ai sui follower di Instagram ed a tutti coloro che si sono interessati alla storia. “Il post non è stato rimosso ma è stato archiviato” precisa “perché nessuno ci ha rimosso proprio un bel nulla! La storia si è evoluta male ma io e Alex la porteremo ancora avanti e non pensate di aver ragione, non pensate di aver vinto!“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo