Scuola in Liguria sempre più precaria, l’analisi di Uil Scuola RUA – Babboleo

Scuola in Liguria sempre più precaria, l’analisi di Uil Scuola RUA

Condividi questo Post

Aumenta in modo consistente la precarietà scolastica in Liguria secondo i dati riportati dall’ultimo dossier di Uil Scuola RUA in merito al numero di docenti, personale ATA e supplenti della scuola italiana dal 2015 al 2023. Da quanto emerso dal report nell’ultimo decennio si è verificato un lieve incremento del personale scolastico, ma attuando una scomposizione tra contratti a tempo determinato e indeterminato si nota un grosso ricorso al precariato.

In Liguria, i contratti a tempo determinato per il personale docente sono raddoppiati nel corso degli ultimi sette anni, passando da 2946 nel 2015 a 4820 nel 2023. Aumenta però il ricorso a contratti precari anche tra il personale ATA (da 709 a 1360) e i docenti di sostegno (da 1104 a 2581). In contrasto a questi dati, il numero di contratti a tempo indeterminato è in lieve diminuzione, con un preoccupante -23% tra gli insegnanti di sostegno.

“L’aumento del personale docente precario ha delle ricadute negative sia sulla didattica che sul sistema di formazione delle scuole – dichiara Davide D’Ambrosio, segretario generale di Uil Scuola RUA LiguriaBasterebbe la volontà politica di tradurre 180 milioni di euro all’anno per tutta Italia per mettere a tempo indeterminato il personale che già opera nelle scuole, una cifra che equivale alla differenza tra lo stipendio percepito dal docente precario licenziato a giugno e assunto di nuovo a settembre, il quale nei mesi estivi percepisce la disoccupazione, e l’ipotetico costo della stessa persona se assunta a tempo indeterminato”.

“Le politiche scolastiche sul reclutamento si sono dimostrate fallimentari. I numeri lo certificano“, continua il segretario generale di Uil Scuola RUA Liguria, dichiarandosi contrario al numero chiuso dei corsi universitari per la formazione del personale di sostegno, in quanto docenti già abilitati che vogliono ottenere una specializzazione.

“Eliminazione del numero chiuso sui percorsi del TFA e assunzione diretta per tutti coloro che si trovano attualmente nelle prime fasce delle GPS (Graduatorie Provinciali), ossia docenti già abilitati”, queste le soluzioni che D’Ambrosio suggerisce per colmare il vuoto di personale nelle scuole italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo