Scuola, partiti! Via alle lezioni in presenza al 50% in licei e istituti superiori della Liguria – Babboleo

Scuola, partiti! Via alle lezioni in presenza al 50% in licei e istituti superiori della Liguria

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Oggi la campanella è tornata a suonare per 67.000 studenti delle scuole superiori della Liguria. O meglio, per 33.000: il dpcm autorizza infatti la didattica in presenza al 50%, cercando di tutelare allo stesso tempo il diritto all’istruzione e la salute di ragazzi e professori. Per garantire un adeguato servizio di trasporto pubblico e alleggerire gli autobus del trasporto cittadino, il comune di Genova e Amt hanno messo a disposizione 32 bus turistici di aziende private. Gli orari di ingresso e uscita sono stati divisi in due fasce, il primo intorno alle 8 e il secondo alle 9.30, con un margine di discrezionalità per ciascun istituto.

Sono molti gli studenti a benedire il rientro tra i banchi, tra cui Mattia, 18 anni, del Liceo classico D’Oria di Genova: “La didattica a distanza iniziava a essere ingestibile, per noi ma soprattutto per i prof”. Gli fa eco Chiara, 15 anni, del Liceo scientifico Marconi di Chiavari. “L’aspetto sociale che si sviluppa a scuola, tra alunni e tra alunno e professore, ci era molto mancato”.

Le misure anticovid nelle classi sembrano rispettate: “La situazione è tranquilla” dice Gabriele, 17 anni, del Liceo D’Oria. “Riusciamo a rispettare il distanziamento e ci hanno dato un pacco di mascherine nuove”. Anche Fulvio Rapetti, professore, ribadisce che il giorno del “battesimo” della didattica in presenza è filato liscio, secondo programmi. “I ragazzi hanno grande attenzione agli aspetti legatti all’igiene e alla prevenzione”.

La principale perplessità riguarda invece la corretta applicazione della didattica integrata tra chi sta seguendo tra i banchi e chi, invece, dal proprio pc a casa. “La connessione non va bene, nonostante la scuola l’abbia cambiata” prosegue Mattia. “Chi sta a casa deve connettersi con i prof, ma ci sono troppi dispositivi attaccati.”

Resta poi da rodare il sistema di trasporto pubblico, che oggi a Genova ha avuto ripercussioni sul traffico cittadino, con i bus supplementari perlopiù vuoti. Ma il” giorno zero” della didattica in presenza al 50% in Liguria strappa comunque la sufficienza alla prima interrograzione dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo