Sviluppo Genova entra a far parte dell’Agenzia Regionale I.R.E. – Babboleo

Sviluppo Genova entra a far parte dell’Agenzia Regionale I.R.E.

Condividi questo Post

E’ in via di conclusione, entro il prossimo 20 dicembre, il processo di fusione per incorporazione della società Sviluppo Genova all’interno dell’Agenzia Regionale I.R.E., società pubblico-privata genovese nata nel 1997 con il nome di “Ponente Sviluppo” che cesserà di esistere con l’attuale ragione sociale e trasferirà le sue competenze e professionalità all’interno dell’Agenzia in house di Regione Liguria, che da 2014 si occupa di infrastrutture, energia ed edilizia residenziale pubblica.

Sviluppo Genova è una società pubblico-privata il cui azionista di maggioranza è il Comune di Genova, che detiene il 51% delle quote azionarie. Gli altri azionisti sono: BPER Banca (15%), C.C.I.A.A. Genova (10%), Filse (6%), Banco BPM (5%), Aeroporto di Genova (4%), So. Fin. (3%), Confindustria Genova (3%), Banca Nazionale del Lavoro (3%).

Sviluppo Genova opera come Stazione Appaltante di opere infrastrutturali nel settore pubblico e nel privato. In particolare, la società si occupa di appalti di lavori, servizi e forniture, progettazione di opere e infrastrutture, project & construction management, direzione lavori, coordinamento della sicurezza, property & facility management, coordinamento generale di progetti strategici nel campo della riorganizzazione territoriale e urbanistica.

A traghettare negli ultimi anni Sviluppo Genova verso il nuovo assetto societario all’interno di I.R.E. è stato Franco Floris, Amministratore Unico della Società dal 2017 e già Presidente – Amministratore Delegato dal 2014.

“Oggi – spiega Floris – siamo di fronte ad un passaggio storico per Sviluppo Genova. Una Società che pochi anni fa era in forte difficoltà , grazie all’impegno e alla passione dei suoi dipendenti ha saputo migliorarsi, raggiungendo negli ultimi anni quasi 500 milioni di Euro di fatturato per lavori e diventando, di fatto, una delle realtà pubblico- private più virtuose a livello regionale nelle opere di bonifica, infrastrutturazione e urbanizzazione per la valorizzazione del territorio”.

Rivolgendo uno sguardo al futuro, sono diversi cantieri aperti e i progetti in via di definizione che Sviluppo Genova ha in corso sul territorio cittadino. In centro città spiccano i lavori di riqualificazione di Valletta Carbonara per conto di Asp Emanuele Brignole (iniziati lo scorso luglio) e il restauro dell’Oratorio degli Uomini all’interno dell’Albergo dei Poveri (gara per affidamento appalto integrato in corso). Sviluppo Genova, inoltre, sta fornendo all’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale il proprio supporto nelle funzioni di direzione lavori e coordinamento della sicurezza di diversi interventi rientranti nel “Programma Straordinario”, quali la nuova Torre Piloti, le nuove infrastrutture di viabilità all’interno del Porto di Genova e il riassetto del sistema di accesso alle aree operative del bacino portuale di Voltri. Nel Ponente cittadino sono da sottolineare i lavori per la nuova calata ad uso cantieristico navale e contestuale sistemazione idraulica del rio Molinassi, a Sestri, e l’adeguamento idraulico del tratto urbanizzato del rio Cantarena (per conto del Comune di Genova), la riqualificazione dell’ex Mercato di Cornigliano (per conto di Società per Cornigliano); le opere di viabilità sulle sponde destra e sinistra del Polcevera (per conto di ANAS e Società per Cornigliano) e la progettazione dell’ampliamento del viadotto di accesso al casello autostradale di Genova Aeroporto (per conto di Autostrade per l’Italia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo