Terza dose, Locatelli (ISS) a Genova: “Non è scontata per i giovani”. Sul vaccino antinfluenzale: “E’ raccomandato” – Babboleo

Terza dose, Locatelli (ISS) a Genova: “Non è scontata per i giovani”. Sul vaccino antinfluenzale: “E’ raccomandato”

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Oggi ai Magazzini del Cotone di Genova è partito il Meet in Italy for Life Sciences, l’evento italiano dedicato alle scienze della vita che durerà fino all’1 ottobre con incontri, conferenze e dibattiti, che vedranno la presenza di massimi esperti nazionali ed internazionali del settore.

Tra questi, nella giornata odierna, il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Franco Locatelli, che si è espresso sulla questione del momento: terze dosi, a chi e quando. Il criterio è quello del “profilo di rischio dell’individuo”. Per ora, oltre agli immunodepressi, “è stata indicata per i soggetti ultraottantenni e coloro che risiedono nelle strutture residenziali assistite. Poi si farà una riflessione sul personale sanitario. Poi magari si potrà fare una riflessione ulteriore sui soggetti connotati da fragilità, ad esempio i cirrotici o i soggetti con grande obesità o fibrosi polmonare ma non darei assolutamente per scontato che si arrivi ad una terza dose per un soggetto giovane e sano” spiega il presidente.

Si è poi parlato del fatto che la vaccinazione anti-Covid potrebbe diventare un tutt’uno con quella antinfluenzale.

Queste vaccinazioni vanno almeno proposte insieme, poi da un punto di vista logistico-organizzativo è una questione che va maggiormente gestita a livello di dipartimenti di prevenzione delle Asl. Sono due vaccinazioni largamente raccomandate nelle popolazioni esposte a maggior rischio di sviluppare patologia grave, quindi mi riferisco agli anziani e a coloro che si connotano per condizioni di fragilità. continua Locatelli.

E’ chiaro che i dispositivi di protezione individuale ci hanno protetto rispetto al rischio di contagio del virus influenzale. Tuttavia l’anno scorso abbiamo avuto un 50% di dosi di antinfluenzale in più rispetto a quelle dell’anno precedente ed è più che ragionevole ipotizzare che abbiano influito a prevenire uno sviluppo di quadri di patologie influenzali. Quindi la raccomandazione assolutamente sì; per alcuni soggetti oltre una certa età, diciamo oltre i sessant’anni, è anche raccomandata la vaccinazione antipneumococcica, perché le polmoniti da pneumococco possono avere dei tassi di fatalità tutt’alto che trascurabili”.

Infine sull’importanza di vaccinarsi, Locatelli conclude: Chi rifiuta la vaccinazione non si vuole bene e non vuole bene a chi è vicino, nel senso che non si protegge ed espone i conviventi e i contatti a un rischio, oltre a esporre i familiari alla possibilità di entrare in una situazione difficile perché chi non è vaccinato è esposto al rischio di patologia grave anche fatale. Il messaggio forte è: se vi volete bene, vaccinatevi“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo