Un’altra morte sul lavoro in Liguria, Cisl: “questa strage va fermata” – Babboleo

Un’altra morte sul lavoro in Liguria, Cisl: “questa strage va fermata”

Condividi questo Post

Ancora una morte per incidente sul lavoro in Liguria, questa volta in autostrada, in A12, dove un guardiano notturno di un cantiere di messa in sicurezza di viadotti e gallerie è stato travolto da un’auto nella serata di ieri tra Deiva Marina e Sestri Levante.

“Ancora una volta siamo qui a piangere una persona, l’ennesima, morta per un incidente sul lavoro. A nulla valgono gli appelli a un giro di vite che lanciamo da tanto tempo. Eppure ogni incidente – e sono tanti, tantissimi – è il chiaro sintomo di una sicurezza che non c’è e che, mi duole dirlo, nemmeno viene cercata mettendo in campo più controlli, più ispezioni, più formazione. Quell’uomo, alla sua età, doveva essere da tempo a godersi la pensione, la sua famiglia e, se li aveva, i nipotini. Occorre anche fare un ragionamento su questo. Non è possibile che si debba lavorare fino alla morte, magari in cantiere come è successo ieri” – dichiara Luca Maestripieri, segretario generale Cisl Liguria“Lasciamo lavorare le forze di Polizia e l’Ispettorato del lavoro per ricostruire cause e dinamica del tragico incidente avvenuto ieri sera in A12, tra Deiva Marina e Sestri Levante, ma al di là del caso specifico e anche in vista dell’apertura dei grandi cantieri del PNRR, il Governo deve prendere coscienza del fatto che la sicurezza sui luoghi di lavoro, dati alla mano, non funziona e prendere immediati e decisi provvedimenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più...

Condividi questo Post

Babboleo ti Premia!

Buon cibo, escursioni, abbigliamento, cura della casa e della persona, servizi di tutti i generi: ogni settimana Babboleo mette a tua disposizione decine di offerte esclusive.

Accedi alle offerte, è GRATIS!

Hai una storia da raccontare?

Segnalaci le storie della Liguria che rendono unica la nostra terra

giornalisti radio babboleo