Cristina Capacci – Babboleo

Cristina Capacci

Cristina Capacci è una giornalista Pubblicista da quasi vent’anni e ama ascoltare e raccontare tutto ciò che accade in liguria. Dopo una vita davanti alle telecamere ora indossa le cuffie per fare quello che lei definisce il lavoro più bello del mondo e... lo fa sempre con il sorriso!

Posto di Polizia presso l’ospedale San Martino di Genova: il SIAP chiede la sospensione dell’attività

“Nel posto fisso di polizia integrato dell’Ospedale San Martino l’attività lavorativa è troppo rischiosa per la sicurezza degli operatori. Si tratta di un locale che oltre ad essere logisticamente inadeguato si trova collocato dentro la zona “triage” del San Martino, pericolosamente vicino al cosiddetto “corridoio sporco covid19”.Lo dichiara in una nota il Siap, il Sindacato appartenente alla Polizia di Stato.

Roberto Traverso Segretario nazionale Sap ai microfoni di Babbolao News ha spiegato le motivazioni

In Liguria il 25% di agricoltura sarà biologia

«L’agricoltura della Liguria dovrà essere almeno al 25% biologica. È un obiettivo ambizioso che diventerà realtà», annuncia Selena Candia, consigliera regionale della Lista Sansa. La sua proposta è stata infatti approvata durante la IV commissione dedicata al nuovo Piano Territoriale Regionale, in discussione ieri.

L’emendamento presentato da Candia ha previsto infatti di «adibire almeno il 25% dei terreni agricoli all’agricoltura biologica e migliorare in modo significativo la diffusione delle pratiche agro ecologiche secondo quanto stabilito dalla Nuova Strategia europea per la biodiversità per il 2030». Un passo avanti per la Liguria, che attualmente ha circa l’11% di coltivazioni biologiche  in questo modo potrà favorire la salvaguardia la diversità genetica delle piante coltivate e incrementare la presenza di piante e animali nell’ecosistema.

Ai microfoni di Babboleo News Selena Candia (Lista Sansa)

Ma non è l’unico risultato portato a casa oggi dalla Lista Sansa. Tra gli altri emendamenti firmati della Lista, è stata approvata la proposta di favorire la creazione delle comunità energetiche, ovvero associazioni tra cittadini, attività commerciali, autorità locali o imprese che decidono di unire le proprie forze per dotarsi di impianti per la produzione e l’autoconsumo di energia da fonti rinnovabili.
Inoltre il nuovo Piano Territoriale Regionale dovrà coordinarsi con le norme previste dal PTCP (Piano territoriale di coordinamento paesistico) in attesa dell’approvazione del nuovo piano paesaggistico. «Questo evita buchi normativi che non tutelerebbero il nostro paesaggio e aprirebbero la strada a speculazioni».

Infine grazie agli emendamenti della Lista Sansa viene riconosciuto che i problemi dei cambiamenti climatici non riguardano solo la costa e le città ma anche in modo pesante l’entroterra. Per questa zona è stato inserito nel Ptr l’obiettivo di

«proteggere il territorio e i suoi abitanti, riducendo il rischio idrogeologico e migliorando la capacità di adattamento ai cambiamenti climatici con un particolare attenzione ai corsi d’acqua, i versanti e i boschi».

«Un’idea diversa della Liguria è possibile», dice Selena Candia. «Ed è possibile un’idea diversa di economia compatibile con il rispetto del territorio in cui viviamo».

Sestri Levante, torna “Cucina Liguria”

Torna il tradizionale appuntamento con “Cucina Liguria”, la quarta edizione dell’evento incentrato sulla filiera della cucina ligure organizzato da Cna Genova, in collaborazione con il Comune di Sestri Levante e con la Camera di Commercio di Genova. Dopo tre edizioni nel cuore del capoluogo ligure, quest’anno è stata scelta l’inedita e scenografica location dell’ex Convento dell’Annunziata, nella Baia del Silenzio di Sestri Levante. L’appuntamento sarà da venerdì 22 fino a domenica 24 ottobre.


Cucina Liguria nasce per promuovere l’intera filiera della cucina ligure. Una cucina legata al territorio e alla sua conformazione, al clima, al terreno impervio. Una cucina “povera”, fatta di ingredienti e strumenti frutto della creatività e della capacità di agricoltori e artigiani abituati a strappare alla terra produzioni eccellenti. Cucina Liguria percorre il filo che lega tutto l’universo culinario ligure attraverso gli ingredienti, gli utensili, le macchine di trasformazione, i metodi di conservazione, i piatti della tradizione. Un viaggio ideale, che parte dalla terra, passa per i laboratori artigianali e termina nella fiera mercato dove tutti potranno conoscere ad apprezzare i prodotti e gli strumenti della nostra splendida regione.

Ai microfoni di Babboleo News Barbara Banchero Cna Genova

Per ulteriori informazioni sulla manifestazione: http://www.cucinaliguria.com

Vinitaly: il carattere dei vini liguri a Verona

Anche i vini della Liguria ospiti di Vinitaly a Verona che quest’anno è tornato in presenza da domenica 17 a martedì 19 ottobre tramite la Special Edition 2021 su invito.

La nostra Regione è  tra i protagonisti con uno stand interamente realizzato tramite fondi regionali di 48 metri quadrati al Padiglione 6. L’area istituzionale, che valorizza le eccellenze del territorio al claim “Emozioni di Liguria”, è organizzata e gestita da Enoteca Regionale della Liguria in collaborazione con Regione Liguria, Camera di Commercio di Genova e Camera di Commercio Riviere di Liguria.

Una vetrina importante per la Liguria dove l’eroica viticoltura negli ultimi anni ha portato la produzione di vini locali a salire in numero elevato e che quest’anno, complice anche la presenza di turisti stranieri nella Regione, ha pochissimo invenduto.

Ai microfoni di Babboleo il vice presidente di Regione Liguria con delega all’Agricoltura Alessandro Piana 

Genova e il Piano Urbano di mobilità sostenibile

Parliamo di mobilità sostenibile e lo facciamo con il direttore del CIELI (Centro Italiano di Eccellenza sulla Logistica, i Trasporti e le Infrastrutture), Enrico Musso.

Musso ha elaborato il Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile del Comune di Genova che è stata per altro la prima città italiana a dotarsene

Il direttore del Cieli ha  raccontato ai microfoni di Babboleo News che uno dei  cardini del Pums è la riqualificazione e rivalorizzazione del trasporto pubblico con una vera e propria trasformazione.

“Il trasporto pubblico di alta qualità, cioè velocità, capacità e comfort – ha detto Enrico Musso –, è un tassello fondamentale del nuovo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, che serve a riqualificare l’ambiente urbano e a migliorare la vita dei cittadini”

Si punta quindi a rigenerare l’ambiente urbano e a migliorare la qualità della vita dei cittadini articolandosi su diversi piani e . In primo luogo, il sistema degli assi di forza sulle principali direttrici di traffico della città, le due costiere, le due valli e il centro. Il sistema previsto mette in gioco un sistema di quattro assi filoviari di moderna concezione (Levante, Centro, Ponente, Valbisagno), due sistemi di monorotaia “SkyTram”, uno per il collegamento con Erzelli e l’altro per dotare la Valbisagno di un trasporto veloce su ferro, e infine il completamento della metropolitana: già finanziato il prolungamento verso Brin (a Ponente) e Martinez (a Levante), seguiranno i prolungamenti rispettivamente verso Canepari e Terralba e la stazione di Corvetto (con uscita anche a San Vincenzo), e in prospettiva il fondamentale completamento verso Sampierdarena. Il sistema così concepito porrà la mobilità genovese all’avanguardia per tecnologie impiegate e capacità di soddisfare la domanda di trasporto di genovesi e turisti.

Alla base di tutta questa “rivoluzione” del trasporto pubblico c’è anche e soprattutto il comportamento individuale dei genovesi

Nel Pums c’è ampio spazio per la mobilità dolce

C’è chi le ama e chi le odia, le piste ciclabili in città continuano ad essere tacciate ma tra mugugni e consensi la città ha visto nell’ultimo anno un alto numero di genovesi convertirsi alla bici

A Genova poi il movimento merci spesso avviene  in luoghi stretti e a traffico limitato come il centro storico

“L’aumento del traffico merci anche a causa dell’impennata dell’e-commerce (150 milioni di consegne nel 2017 in Italia), deve essere riorganizzata, visto che il sistema soffre di diverse inefficienze” ha spiegato Musso

E poi parlando di nuova mobilità in città impossibile non rispolverare il progetto di qualche anno fa del tunnel sotto il mare e di un uso alternativo della sopraelevata.

Funghi, parla l’esperto:”Terreno pronto, attenti a certe specie. I detti popolari? Non tutti corrispondono alla realtà”

L’autunno è alle porte e con la nuova stagione ecco che arrivano sulle nostre tavole i funghi.

I gustosi e pregiati miceti già da qualche tempo cominciano a popolare i boschi anche in Liguria ma grazie alle piogge degli ultimi giorni il terreno è pronto per vedere spuntare funghi a volontà, come ha confermato ai microfoni di Babboleo News Fabio Silvano Coordinatore micologico Asl3

Ma scopriamo quali sono i funghi tipici del territorio ligure

Ma soprattutto quali sono i funghi più pericolosi?

Asl 3, per evitare che le persone consumino funghi velenosi e pericolosi per la salute, da parecchi anni ha attivo due centri a Genova dove esperti micologi gratuitamente controllano i funghi raccolti dai cittadini

E poi ci sono molti detti popolari sui funghi, modi di dire che però raccontano spesso la verità

Il “gusto” del Salone Nautico di Genova

Al Salone Nautico internazionale di Genova non solo mare e barche ma anche tanto gusto.

Nello spazio organizzato dalla Regione Liguria anche per promuovere la ormai prossima presenza all’Expo di Dubai trovano posto con la Cciaa anche i bartender di Genova Gourmet. con quattro cocktail a base di gin e vodka, ma anche di prodotti del territorio: rosmarino e pesca, salvia, camomilla e prelibatezze del territorio.

Ai microfoni di Babboleo News Marina Porotto presidente giovani Confcommercio Liguria.

Gin e vodka locale ma anche erbe botaniche, profumi e aromi del territorio mixati sapientemente

Detenuto spara in cella: annullata la visita del capo del Dap al Salone Nautico di Genova.

“Mentre attendiamo invano da mesi che la Ministra Cartabia batta un colpo, nella casa circondariale di Frosinone i colpi arrivano, ma dalla pistola in possesso di un detenuto verosimilmente introdotta con un drone! Ora qualcos’altro è  accaduto, facendo precipitare – è proprio il caso di dire – in un colpo i nostri  penitenziari ai livelli di quasi mezzo secolo fa. Lo afferma Fabio Pagani, Segretario Regionale  della UILPA Polizia Penitenziaria,  commentando la notizia della sparatoria di ieri pomeriggio, nel carcere di Frosinone, dove  un detenuto ha esploso dei colpi di pistola all’indirizzo di alcune celle. Il Segretario della UILPA PP poi prosegue: “Il gravissimo episodio conferma,  palesemente, quel che diciamo da tempo e, cioè, che le carceri sono fuori  controllo a dispetto del diuturno sacrificio delle donne e degli uomini del Corpo di polizia penitenziaria, i quali pagano sulla loro pelle gli anni di abbandono della politica e il pressapochismo dei governi, ivi compreso quello attualmente in carica. L’escalation del degrado e della violenza è sotto gli occhi di tutti, ma dal ministero continuano a mostrarsi inermi e inerti, salvo. Il poliziotto in servizio a Frosinone , che da eroe ha fronteggiato il “camorrista con la pistola” ha iniziato la sua carriera in quel di Genova Marassi , il CAPO DEL DAP Petralia , su ordine della Ministra Cartabia , ha annullato la sua visita al Salone Nautico di Genova prevista per oggi . A questo punto – conclude Pagani – ci aspettiamo una convocazione immediata da parte della Ministra Cartabia per l’individuazione di soluzioni reali; in mancanza il senso di responsabilità ci indurrà, nostro malgrado, a inasprire i toni del confronto anche con vigorose proteste”

Le parole ai microfoni di Babboleo News di Fabio Pagani Segretario Regionale  della UILPA Polizia Penitenziaria

Comunali Savona, Giusy Rizzotto: “Attacchi personali gratuiti sul mio aspetto fisico”

Giusy Rizzotto, la candidata di Forza Italia-Udc alle comunali di Savona a sostegno del sindaco Angelo Schirru, in questi giorni è diventata un caso politico e oggetto di attacchi social, attraverso la diffusione di video hard poi risultati dei fake. “Un attacco politico ma soprattutto personale ha commentato la candidata ai microfoni di Babboleo News”

Genova Pontedecimo, detenuto aggredisce un agente di polizia

Un agente della polizia penitenziaria del carcere di Pontedecimo a Genova è stato aggredito a pugni e schiaffi da un detenuto. L’intervento del personale di polizia penitenziaria ha permesso di mettere in salvo l’agente che, colpito ripetuto, aveva perso i sensi ed è stato poi ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Villa Scassi di Sampierdarena. Il fatto è accaduto ieri pomeriggio.

A darne notizia è Fabio Pagani, segretario regionale della Uilpa, sindacato di polizia penitenziaria ai microfoni di Babboleo News