Giorgia Fabiocchi – Babboleo

Giorgia Fabiocchi

Giorgia Fabiocchi è una giornalista professionista, nel 2014 ha conseguito la laurea specialistica alla Iulm di Milano. Ama tutto quello che è informazione fin da quando era piccola. Politica e sociale sono le sue più grandi passioni e grazie al giornalismo cerca di raccontarle quotidianamente con dedizione e professionalità, senza tralasciare “l’umanità della notizia”.

Liguria terra di matrimoni, oltre 5.300 le imprese legate al business del wedding

La Liguria è una terra di matrimoni e “gli artigiani” che si mettono all’opera per rendere la giornata indimenticabile sono numerosi. Sono infatti più di 5.300 le imprese liguri legate al business del “wedding” con oltre 44mila addetti. Catering, fotografie, bomboniere. Noleggio auto e partecipazioni. E ancora, fiori, abiti e accessori. Sono ben 5.305 le micro e piccole imprese artigiane liguri legate al business dei matrimoni e, più in generale, a quello delle cerimonie, con 44.143 addetti*. Quasi 215 mila le imprese in tutta Italia (dati Unioncamere-Infocamere 2020, elaborazione Ufficio Studi Confartigianato). A livello provinciale sono così distribuite: 2.507 con 21.565 addetti a Genova, 1.158 (9.124 addetti) a Savona, 859 (6.784 addetti) a Imperia e 781 (6.670 addetti) alla Spezia. Imprese che hanno subito pesantemente il drastico calo dei matrimoni del 40,8% nell’ultimo anno, passati dai 4.662 del 2019 ai 2.758 del 2020.

«Intorno all’organizzazione delle cerimonie ruotano un gran numero di imprese: di queste una su tre è artigiana, ciascuna con le proprie specializzazioni e i propri prodotti personalizzati e di qualità, mai come in queste occasioni così apprezzati e richiesti – commenta Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria –. Ci auguriamo che il settore non debba più subire uno stop come quello dell’anno scorso, quando il fatturato della filiera, che generalmente tocca il picco annuale proprio tra la primavera e l’estate, è stato fortemente compromesso dagli effetti del Covid: l’auspicio è di riuscire a lasciarci al più presto alle spalle gli effetti devastanti di questa pandemia, confidando in una graduale ripresa economica, anche per le nostre microimprese di questa vasta filiera».

Tra i settori legati al business del “wedding” troviamo l’area organizzazione, che comprende anche il noleggio di strutture e il trasporto con autovetture con conducente, 91 realtà potenzialmente interessate in Liguria. Per quello che riguarda la location, il catering e l’intrattenimento, troviamo 594 microimprese liguri coinvolte, tra cui 485 gelaterie e pasticcerie, 77 realtà produttive di pasticceria fresca e 28 ristoranti. Per quello che riguarda partecipazioni, foto e video, in Liguria ci si può rivolgere a 216 attività artigiane specializzate nella stampa, 27 legatorie, 225 fotografi e 107 disegnatori e grafici. Ampia scelta artigiana anche nell’area moda, acconciatura e accessori: tra le quasi 4 mila realtà interessate, appartenenti a questo ambito, figurano 3.484 parrucchieri ed estetisti, 290 abitifici, 111 gioiellerie, 32 realtà di produzione accessori, 13 calzaturieri, 10 stilisti. Infine, poco più di 80 le realtà artigiane specializzate nella composizione di bouquet e cesti floreali.

Dalla protesta dei lavoratori ex Ilva alle amministrative Genova 2022: il punto con il consigliere regionale Ferruccio Sansa

Dalla mobilitazione dei lavoratori ex Ilva contro la cassa integrazione voluta da Acciaierie d’Italia, all’acquisto da parte di Cassa Depositi e Prestiti delle quote di Atlantia, passando per le proposte sull’Irap e le prove di coalizione in un centrosinistra allargato in vista delle amministrative dell’anno prossimo, Genova 2022. Una lunga chiacchierata con il capogruppo in consiglio regionale della Lista Sansa Ferruccio Sansa, che potete ascoltare qui sotto.

Ascolta l’intervista completa

Presidio ad oltranza lavoratori ex Ilva a Genova, Palombo (Fiom Cgil) al presidente Toti: “Da qui non ci muoviamo”

Botta e risposta a distanza tra il presidente della Liguria Giovanni Toti e i lavoratori dell’ex Ilva, in presidio da questa mattina (martedì 22 giugno ndr) lungo la Guido Rossa a Genova, attraverso le parole del delegato rsu della Fiom Cgil Armando Palombo che ha rimandato al mittente l’invito del presidente Toti di far cessare le azioni di protesta contro la cassa integrazione indetta da Acciaierie d’Italia per 981 lavoratori. “Da qui non ci muoviamo”, le dure parole di Armando Palombo, proprio ai microfoni di Babboleo News.

Ascolta l’intervista completa ad Armando Palombo

Per non dimenticare: la Comunità di Sant’Egidio ricorda le oltre 43 mila persone morte in mare

In occasione della giornata mondiale del rifugiato la Comunità di Sant’Egidio ha invitato tutti a partecipare  alla veglia “Morire di Speranza”, organizzata insieme alle altre associazioni impegnate nell’accoglienza e nell’integrazione delle persone fuggite da guerre o da situazioni insostenibili nei loro Paesi (Agesci, Masci, Ufficio Diocesano Migrantes, Caritas diocesana, CEIS, SMS, Comunità di vita cristiana, CVX, Rinascita cristiana, Komera Rwanda, Tavolo giustizia e solidarietà).


Sono state ricordate le 43.390 persone morte, senza contare i dispersi, dal 1990 a oggi, nel mare Mediterraneo o nelle altre rotte, via terra, dell’immigrazione verso l’Europa. Un conteggio drammatico, che si è ulteriormente aggravato nell’ultimo anno: sono infatti 4071 le persone che, da giugno 2020 ad oggi, hanno perso la vita nel Mediterraneo e lungo le vie di terra nel tentativo di raggiungere il nostro continente, soprattutto dalla Libia attraverso la rotta del Mediterraneo centrale. 

Ascolta l’intervista completa a Sergio Casali della Comunità di Sant’Egidio

Manifestazione contro accordo Atlantia – Cdp a Genova, Crucioli: “Autostrade deteriorate ma noi le paghiamo a prezzo pieno”

Si terrà domani (venerdì 18 giugno ndr) sotto la prefettura di Genova una manifestazione contro Autostrade: Benetton vorrebbe acquistare a titolo oneroso delle partecipazioni in Atlantia da parte di Cassa Depositi e Prestiti per subentrare in posizione di controllo.

Mattia Crucioli, senatore ex Mov5s – L’Alternativa C’è, spiega ai microfoni di Babboleo News le motivazioni della manifestazione: “La reazione di Genova da parte di cittadini e partiti politici nasce e da un’ingiustizia, non si tratta di impedire un accordo, questa è una vergona. Si paga a prezzo pieno un bene deteriorato per mancanza di manutenzione che è stata omessa negli ultimi anni, e in più non si chiedono i danni per questi inadempimenti.”

Il senatore Crucioli, soddisfatto di una partecipazione trasversale, si augura più presenza possibile per la manifestazione di domani.

Ascolta l’intervista completa a Mattia Crucioli.

Arcigay Genova, dal botta e risposta con il Coordinamento Liguria Rainbow al Ddl Zan: l’intervista al neo presidente Orecchia

Botta e risposta tra Arcigay Genova e Coordinamento Liguria Rainbow, nei giorni che seguono il Liguria Pride 2021, che si è tenuto sabato scorso (12 giugno ndr) in piazza De Ferrari a Genova. Se da una parte Arcigay accusa il Coordinamento di presunta esclusione dal Liguria Pride, per il Coordinamento “l’inclusione li ha sempre contraddistinti e queste accuse non fanno bene alla piazza colorata di sabato scorso”. La controreplica del neo eletto presidente di Arcigay Genova Federico Orecchia ai microfoni di Babboleo News.

Ascolta l’intervista completa a Federico Orecchia, con cui abbiamo affrontato i temi più disparati, dai diritti Lgbt+, al Ddl Zan, passando per il Liguria Pride 2021 e le iniziative di Arcigay come neo presidente, subentrato a Claudio Tosi (in carica per due mandati, sette anni in tutto ndr).

Ristori per Rsa deliberati da Regione Liguria, Palomba (direttore Rsa genovese): “Aspettiamo chiamata ufficiale”

Regione Liguria ha stanziato settimana scorsa (4 giugno ndr), attraverso una delibera, 10 milioni e 440 mila euro, a livello regionale, di ristori per le Rsa, le strutture dedicate agli anziani, ai disabili, ai pazienti psichiatrici e con dipendenze, messe a dura prova in questi mesi di pandemia. Si tratta di una compensazione a fronte della mancata produzione (in particolare la riduzione del numero degli accessi), dell’acquisto di dispositivi di protezione individuale e in generale in relazione ai maggiori costi sostenuti nell’anno 2020 a causa della pandemia. Oltre a questo, sempre relativamente al 2020, è stata soppressa la regressione tariffaria: in pratica, diversamente da quanto accadeva in precedenza, viene riconosciuto pienamente il valore della produzione effettuata dalle strutture. La regressione tariffaria sarà eliminata anche per il 2021 e per il futuro. Regione Liguria sta lavorando anche alla proposta di ristoro per l’anno 2021, che verrà approvata nel più breve tempo possibile. “Adesso si attende la chiamata ufficiale” – dichiara ai microfoni di Babboleo News Vincenzo Palomba, direttore di una Rsa genovese (Madri Pie di Genova ndr).

Ascolta l’intervista completa a Vincenzo Palomba

Richiesta di sequestro contro Autostrade per l’Italia da parte di comitati e associazioni di categoria, l’intervista all’avv. Ganzer

Le associazioni di categoria, tra cui Cna Genova e Liguria, Trasportounito, Assiterminal, che fanno parte del Comitato San Cristoforo, insieme al Comitato zona arancione e al Comitato parenti vittime di ponte Morandi hanno deposito alla procura di Roma un’istanza di richiesta di sequestro nei confronti di società Autostrade per l’Italia. Stiamo parlando delle stesse associazioni che già un anno fa avevano depositato un esposto alla procura di Genova, che era poi passata a Roma, contro la gestione finanziaria della società, “che ha pensato agli utili e non a mettere in sicurezza le infrastrutture italiane, e della Liguria” (crollo di ponte Morandi 14 agosto 2018, 43 morti). Abbiamo intervistato l’avvocato Andrea Ganzer del Comitato San Cristoforo, tra coloro che ha scritto la richiesta di sequestro.

Ascolta l’intervista completa.

Liguria Pride Village 2021, laboratori dibattiti e incontri per difendere i diritti della comunità LGBT+

Pronto a partire da oggi (sabato 5 dicembre ndr) il Liguria Pride Village 2021, che si concluderà sabato prossimo, 12 giugno, con l’evento del Liguria Pride. Numerose le iniziative in programma, padrino di quest’anno l’attivista e sindacalista Abu Bakar Soumaoro. “È stato un anno difficile, segnato dalla pandemia, dalle restrizioni, da quella data in cui avremo potuto incontrarci nuovamente per le strade e le piazze e che sembrava destinata a un posticipo senza fine. Ora invece il tempo di festeggiare tutte e tutti insieme i diritti umani e della comunità LGBT+ è arrivato” – si legge nella nota del Coordinamento Liguria Rainbow.

Un carosello d’incontri e scambi per tutte le età, con laboratori kids per bambine e bambini, dibattiti e interviste dell’attivismo LGBT+; ma anche aperitivi, musica e tanti simpatici gadget per conservare un ricordo di questa settimana favolosa. “Tra un bicchiere e una risata potremo ascoltare le voci di chi storicamente non ha voce e ancora lotta per la piena cittadinanza: TALK (come la puntata “dal vivo” del Liguria Pride Live “Lesbiche del nuovo Millennio” con Rosy Di Carlo o il “QUEER CORNER LIVE” condotto da Cristina Cavalli, con special guest la sociologa Luisa Stagi); dibattiti (come “Transavanguardia” l’11 giugno) e PRESENTAZIONI DI LIBRI (come la toccante biografia “Nessuna mi ha mai detto di no” di Angela Steidele).

Una kermesse di super appuntamenti che accompagneranno le nostre sere di giugno per un’ondata arcobaleno che ci farà incontrare, sorridere, ma anche riflettere e imparare. Si inizia oggi alle 18 con la cerimonia di inaugurazione, preceduta da una lettura per i più piccoli (2-10 anni) e accompagnata da un aperitivo PER DARE INIZIO AL COUNTDOWN VERSO IL LIGURIA PRIDE DI SABATO 12 GIUGNO! OSPITE SPECIALE, PADRINO DEL LIGURIA PRIDE 2021, ABU BAKAR SOUMAORO.

Sabato 12 giugno il gran finale con il Liguria Pride che dalle 16:30 caratterizzerà il cuore della città in piazza De Ferrari: zonarainbow, per guardare al futuro nel segno del cambiamento che non lascia indietro nessuno/a. Un pride stanziale che manterrà la sua forza nel chiedere a gran voce che vengano riconosciuti i diritti di tutte e di tutti, quest’anno ovviamente con l’obiettivo che la Legge Zan passi al Senato senza ulteriori emendamenti.

La kermesse è organizzata da: Coordinamento Liguria Rainbow, la Coop. Il Ce.Sto, Giardini Luzzati, Goodmorning Genova
in collaborazione con: CIV Sarzano Sant’Agostino, Infantia società cooperativa sociale, Electropark, Book Morning | Libreria degli Indipendenti

Marta Danneo, Coordinamento Liguria Rainbow

Gestione centro storico di Genova, la denuncia del Siap: “Occorre una cabina di regia univoca”

Il Siap (sindacato italiano appartenenti alla Polizia di Stato) ha rimarcato le difficoltà presenti nella gestione del centro storico di Genova e ha richiesto una cabina di regia univoca, poiché ad oggi l’area del centro è supervisionata dalla polizia di stato, dai carabinieri e dalla polizia locale.
Roberto Traverso, dirigente nazionale e segretario generale provinciale Siap Genova, spiega ai microfoni di Babboleo News perché sia stata richiesta una regia univoca: “la scelta di suddividere il centro storico è stata una scelta data dalla volontà del sindaco Bucci, una scelta che noi abbiamo criticato. Vogliamo evitare situazioni di difficoltà operativa, noi ci riferiamo all’attività di polizia giudiziaria e non amministrativa”.
Il dirigente nazionale e segretario generale provinciale Siap Genova ha parlato inoltre delle ripercussioni della pandemia sui crimini più comuni, come ad esempio lo spaccio, che si è intensificato insieme ai furti.
“Ci stiamo portando dietro i gravi ritardi sui vaccini alle forze dell’ordine, questo perché siamo partiti tra gli ultimi”, così Traverso commenta la situazione vaccinale.

Ascolta l’intervista completa a Roberto Traverso