Italo Vallebella – Babboleo

Italo Vallebella

Italo Vallebella è il direttore della testata giornalistica di Radio Babboleo. Laureato in Giurisprudenza lavora a Babboleo dal 2010 di cui è anche conduttore. Nella sua carriera si è occupato prevalentemente di sport, ma anche di attualità della Liguria.

Daniele Grillo racconta “Il Grande Hans”:”Un’ispirazione per ritrovare passione in ciò che facciamo e cambiare quello che non ci piace”

Si chiama “Il Grande Hans” (AltreVoci Edizioni) ed è il nuovo libro di Daniele Grillo, giornalista genovese, ma anche scrittore prolifico.

Si tratta di un romanzo profondo ed emozionate, che può essere letto come una fiaba, ma che fa emergere anche riflessioni importanti. Si possono recuperare i rapporti perduti? Cosa spinge ad allontanarsi dagli affetti? E anche da se stessi? Domande a cui si riuscirà a rispondere grazie a ciò che insegnerà il protagonista, Hans Gueber, nel corso della sua avventura. Pensionato austriaco e inventore confusionario di cose inutili, affronterà un lungo viaggio armato di uno zaino, un misterioso bottone e un’incrollabile fiducia nell’umanità.

Daniele Grillo si è raccontato a Babboleo News.

Chi è Hans? Come è stato costruito il suo personaggio?

Oggi vanno di moda i libri sull’impatto della pandemia nella vita di tutti noi. Il Grande Hans, invece, nasce prima. Eppure c’è un messaggio di speranza. Perchè?

Questa è una storia che rivela riflessioni importanti, eppure la possono leggere anche i bambini. Come si costruisce un racconto che possono leggere tutti, dall’età scolare alla pensione?

Hans fa un lungo viaggio e incontra luoghi stupendi? Sono tutti reali? Fare un viaggio simile un giorno sarebbe una buona idea?

Poste, a Imperia il primo centro ‘full green’ d’Italia

Parte da Imperia un progetto pilota di Poste Italiane per la creazione della prima area urbana “full green” in Italia per il recapito della corrispondenza e dei pacchi.

Tra le principali iniziative di responsabilità ambientale, l’impatto più evidente è l’adozione di una flotta di mezzi aziendali a zero emissioni per le consegne destinate alla città di Imperia e alla realizzazione di une serie di interventi per il miglioramento dello sviluppo sostenibile delle attività.

“Siamo onorati che una grande azienda abbia scelto Imperia per un progetto green e full electric” commenta il sindaco Claudio Scajola. “Imperia è sempre più una città che rispetta l’ambiente, oltre a essere la città con il miglior clima d’Italia”.

“Abbiamo allestito una flotta interamente elettrica di 31 mezzi plug-in” spiega l’Ignegner Francesco Porcaro, responsabile immobiliare di Poste Italiane. “I portalettere di Imperia consegneranno corrispondenza e pacchi con zero emissioni. A livello nazionale ridurremo del 40% le emissioni dell’intera flotte di Poste Italiane entro il 2024”.

L’obiettivo non è solamente quello di ridurre l’emissione di Co2, ma anche di assorbirla. “Per questo abbiamo riordinato le aree esterne, con 2500 mq di prato e piantato nuovi ulivi taggiaschi, tipici del Ponente della Liguria”.

Il centro “full green” di Imperia, tra l’altro, sarà uno dei 600 impianti che Poste Italiane realizzerà tra il 2021 e il 2022. “Vogliamo contribuire alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili”. conclude Porcaro.

La svolta green del sistema postale italiano parte dalla Liguria.

Il commento del sindaco Scajola
Le dichiarazioni di Porcaro

‘Portofino Cleanup Day’: raccogli rifiuti… e navighi gratis

Domenica a Portofino è il ‘Cleanup Day’, una giornata “a tutto ambiente” organizzata da Outdoor Portofino, in collaborazione con The Black Bag e Ogyre, due realtà genovesi impegnate per la tutela della natura e del territorio.

Si tratta di una gara di raccolta di rifiuti per ripulire i fondali e le scogliere di Portofino. Per farlo sarà possibile noleggiare sup e kayak a basso costo: chi al termine dell’uscita dimostrerà di aver raccolto rifiuti, riceverà uno sconto fino alla totale gratuità sul noleggio.

In parole semplici: noleggiate il kayak, pulite il mare di Portofino e ricevete sconti fino al 100% della spesa.

Contemporaneamente, si svolgerà anche la pulizia dei fondali della baia di Paraggi con maschera, boccaglio, pinne e muta. I partecipanti dovranno portare la propria attrezzatura o potranno noleggiarla.

L’organizzazione premierà tre categorie di vincitori: chi raccoglie più rifiuti di plastica, chi raccoglie la quantità di rifiuti più pesanti, chi raccoglie l’oggetto più strano. Per partecipare sarà necessario fotografare “la rumenta marina”, scrivere il numero di pezzi raccolti, descrizione e peso e condividere la foto sui canali social.

L’invito è aperto a tutti: per partecipare è necessario iscriversi qui, fino ad esaurimento posti: https://bit.ly/3n8awFr

“Genova, vent’anni dopo”, Giovanni Mari racconta il G8 del 2001:”Il fallimento di tutti”

Il G8 vent’anni dopo. A raccontarlo è il giornalista e scritto Giovanni Mari nel suo “Genova, vent’anni dopo”, edito da People. A due decenni dal G8 di Genova, dai gravi fatti che hanno offuscato il summit e che lo hanno reso – questi sì – una svolta definitiva nella Storia d’Italia, Giovanni Mari, giornalista genovese e testimone, ripercorre i vari fallimenti che hanno connotato quell’esperienza, rendendola unica e irreversibile: il fallimento degli otto Grandi, del governo italiano, dell’intelligence, delle forze dell’ordine, della politica italiana tutta, e poi ancora della magistratura, dei mass media e, infine, anche del movimento noglobal. Una sconfitta che pesa su tutti. Questo libro è un sincero e amaro giudizio di valore che, a distanza, parla del bisogno di una dolorosa rielaborazione che conduca passo passo a una verità difficile. Il contributo di Mari getta una luce diversa sulla lettura di quel terribile snodo che ha verosimilmente segnato la rappresentanza politica e le dinamiche di piazza di questo Paese nel nuovo Millennio, e lo fa restituendo voce alla sua città, a quella Genova che per troppi ha fatto solo da sfondo ai fatti di quei giorni.

Mari ha raccontato il libro a Babboleo News.

I fatti del G8, rivissuti e rielaborati in una nuova luce, diversa dai vari giudizi di questo ventennio. È la cronaca di una sconfitta di tutti?

Perchè aspettare vent’anni? É un tempo sufficiente per rielaborare quello che è successo?

Giovanni Mari, giornalista e scrittore. Qual è lo scopo del libro? Informare o fare riflettere?

Oggi, dopo 20 anni, Genova, l’Italia, e tutte le parti coinvolte, farebbero meglio?

NOTE BIOGRAFICHE

Giovanni Mari, giornalista genovese, ha seguito dal primo momento la preparazione politica, militare e militante del G8 del 2001. In quei giorni e in quelle notti è stato cronista in piazza per Il Secolo XIX, il giornale della sua città: poi non ha mai smesso di occuparsene. Per lavoro si è successivamente dedicato con attenzione particolare allo scontro tra i partiti, appassionandosi allo studio della propaganda politica. Per vent’anni ha trattenuto dentro di sé un forte dolore per ciò che era accaduto intorno al vertice.

Una felicità semplice, il nuovo libro di Sara Rattaro:”Dedicato alle piccole cose che possono renderci felici”

Esce oggi, 20 aprile 2021, il nuovo libro di Sara Rattaro, genovese, amata da lettori e critica, premio Bancarella 2015. Si chiama Una felicità semplice. Intensa e autentica, Sara Rattaro ha raccontato a Radio Babboleo, intervistata da Paola Servente, la sua nuova fatica letteraria:”Ogni nuova uscita per me è sempre un’emozione”.

La trama
Un giorno come tanti, Cristina entra in un negozio sotto casa per fare la spesa. Un saluto veloce all’ingresso, i gesti automatici di sempre, qualche pensiero per la testa. Poi, all’improvviso, un uomo la afferra alle spalle e le punta qualcosa alla schiena. E così quella commissione insignificante diventa un momento cruciale, uno spartiacque tra un prima e un dopo, o addirittura tra la vita e la morte. Proprio in quell’attimo, ostaggio di una rapina, Cristina percepisce l’essenza di tutto, come se le si squarciasse un velo davanti agli occhi. E si vede per quella che è davvero: una madre che non ha ancora sanato la frattura profonda che la divide da sua figlia, e una figlia che non sa comprendere il desiderio di sua madre di rifarsi una vita; una vedova chiusa in un dolore indicibile, e una donna che crede di avere già amato abbastanza – forse, di non avere nemmeno più diritto alla felicità. È un istante sospeso, tra mille variabili e mille possibilità: una fatale follia o un soccorso insperato; un futuro da cancellare o un nuovo inizio per rinascere. È l’incipit geniale di un romanzo che sa sorprendere e mettere in discussione a ogni pagina.

Ascolta le parole di Sara Rattaro e alcuni passi del libro letti da Lucia Caponetto.

Il G20 delle Pari Opportunità sbarca a Santa Margherita, Donadoni:”Evento articolato, ci faremo trovare pronti: orogliosi di ospitarlo”

Santa Margherita Ligure nel prossimo mese di agosto ospiterà il G20 dei Ministeri che si occupano di Pari Opportunità e Politiche Sociali. Nel Tigullio sono attese 400 persone di 35 delegazioni differenti per un incontro che avrà al centro dei propri lavori tematiche molto attuali. Il sindaco di Santa Margherita Paolo Donadoni a Babboleo News ricorda la tradizione storica della città e sottolinea l’orgoglio di ospitare un evento di carattere internazionale su temi su cui l’amministrazione sammargheritese ha investito.

Petralia (Asl4): “Il massimo delle vaccinazioni nel minor tempo possibile”

E’ scoppiata oggi la polemica relativa ai rallentamenti delle vaccinazioni in Asl 4. Partiamo dal principio, attraverso un comunicato stampa di questa mattina il capogruppo in consiglio regionale di Linea Condivisa Gianni Pastorino ha lanciato l’offensiva all’Asl 4. “A Linea condivisa risulta che le vaccinazioni con AstraZeneca siano state cancellate completamente in tutti gli spoke del Tigullio e diminuite negli hub di Rapallo, Chiavari e Sestri Levante. Questa spiacevole novità fa sorgere un’inquietante domanda al vice presidente Commissione II e consigliere regionale Gianni Pastorino:  “Dove sono finite queste dosi? Cosa è successo di così urgente da intervenire sull’annullamento delle prenotazioni e sulla diminuzione delle dosi?”.

La redazione di Babboleo News ha contattato il direttore generale dell’Asl 4 Paolo Petralia che smentisce quanto circolato in queste ore circa la cancellazione degli appuntamenti per il vaccino.

Non è fermo nulla, è soltanto limitato alla quantità massima di vaccino AstraZeneca che abbiamo a disposizione. Noi abbiamo dato fino all’ultima dose disponibile” dichiara Petralia.

L’azienda sanitaria conferma altresì un rallentamento sulla consegna delle dosi AstraZeneca Non appena ci sarà il vaccino le persone verranno raggiunte. Questo dipende dal vaccino, Pfizer ne è arrivato in quantità sufficiente a poter mantenere questo trend di 1200/ 1400 al giorno mentre AstraZeneca ne abbiamo soltanto una disponibilità di 800 a settimana a disposizione dei medici di medicina generale e alle farmacie. Oggi sono quasi 20 le squadre che lavorano nel territorio di Asl 4“.

Su Babboleo News – Cosa Succede in Liguria ascolta l’intervista di Paolo Petralia, direttore generale dell’Asl 4

Collina e Vezzoso: concerto da Ortovero per il pubblico (in sala) di Tokyo

In Giappone non possono ancora tornare nonostante il successo riscosso negli ultimi anni. Ma in qualche modo saranno ugualmente presenti martedì al teatro auditorium Agnelli di Tokyo. Lì, di certo, ci sarà il pubblico in sala (ormai la pandemia è stata debellata), mentre loro suoneranno dal teatro di Ortovero, nell’entroterra savonese. Loro sono il duo jazz formato da Marco Vezzoso (tromba e flicorno) e Alessandro Collina (piano) che solo pochi mesi fa sono diventati famosi perché Vasco Rossi ha pubblicato la loro rivisitazione jazz di Sally sul suo sito definendola «da brividi».

Sally, però, non è l’unico brano della storia della musica italiana che è stato rivisitato in chiave jazz. Collina e Vezzoso ci hanno costruito un vero e proprio album con questa filosofia. Si chiama “Italian Spirit”, in Giappone è uscito a novembre e sta andando molto bene. Martedì sera saranno proprio presentate le canzoni che fanno parte di questo lavoro. Con Vezzoso e Collina ci sarà anche il percussionista Andrea Marchesini.

Lo spettacolo sarà trasmesso solo per il pubblico di Tokyo, in seguito sarà pubblicato, a disposizione di tutti, su alcuni siti giapponesi.

Ci siamo fatti raccontare questo concerto curioso da Alessandro Collina che è ligure di Alassio.

Ascolta l’intervista.

Motociclisti e Spiderman arrivano dal cielo: una visita a sorpresa per i bambini del Gaslini

Neanche il covid19 è riuscito a tenere Vanni Oddera lontano dai bambini ricoverati in Oncologia all’Ospedale Gaslini. Dall’inizio della pandemia l’ospedale è stato costretto a sospendere le visite di intrattenimento che allietavano i piccoli ricoverati all’interno dei reparti.

È nata così l’idea di arrivare ai piccoli direttamente dalle finestre: una enorme gru ha issato il motociclista Vanni Oddera, accompagnato dal suo collega motociclista Maurizio Gerini e Mattia Villardita nei panni del supereroe Spiderman davanti alle finestre dei reparti di Clinica pediatrica, Nefrologia, Ematologia e Oncologia.

Uno spettacolo inaspettato e coinvolgente per i bambini che hanno passato una giornata diversa, con i loro beniamini davanti alle finestre, ricevendo anche regali e gadget (maglie, cappellini, album da disegno) consegnati dal personale del reparto, il tutto nel pieno rispetto delle norme anti covid19. Grande entusiasmo anche da parte del personale ospedaliero che ha apprezzato la visita inaspettata dei tre sportivi benefattori, salutati e ringraziati per questo dono inusuale anche dai vertici dell’Istituto.

Vanni Oddera motociclista di Pontinvrea (SV), è il campione di motocross freestyle, che ha inventato la Mototerapia nel 2009 lungo i corridoi dei reparti di Ematologia e Oncologia dell’ospedale pediatrico genovese, e da allora ogni anno ha escogitato visite, esibizioni di salti acrobatici con la sua moto, feste, donazioni e molte altre iniziative per sostenere il cammino dei piccoli malati oncologici. Un modo per donare le proprie passioni ai ragazzi più fragili, con l’unico scopo di quello di migliorare il mondo intorno a lui. Dal 2012 è nata una vera e propria collaborazione con l’ospedale Gaslini, con un progetto dal nome “Freestyle Hospital”, che ha portato le moto all’interno dei reparti pediatrici-oncologici. La disponibilità dell’ospedale gli ha permesso di realizzare questa passione che poi verrà esportata in 80 ospedali in Italia e 2 ospedali a Londra, con incredibili risultati che certificheranno nel 2019 il reale beneficio sui pazienti e le loro famiglie.

Nell’aprile del 2020 in pieno lockdown Oddera ha pensato a tutte le famiglie con ragazzi disabili e insieme ad un team di esperti ha inventato una nuova formula della sua attività, “Mototerapia Take-away” che permette di portare le moto direttamente a casa dei ragazzi speciali, in un anno oltre 50.000 disabili, riceveranno la visita del campione del mondo con attività sempre più coinvolgenti.

“Questo non è amore”, la Questura di Genova racconta le donne in polizia (VIDEO)

Oggi, la Questura di Genova, nell’ambito della campagna nazionale “Questo non è amore”,
ha organizzato un evento in streaming dal titolo “La forza delle donne per le donne” durante il
quale è stato sviluppato il tema delle esperienze delle donne in Polizia rispetto all’evoluzione della
normativa contro la violenza di genere.

Al convegno, che si è svolto in Questura, hanno partecipato gli studenti del Liceo Statale
Pertini e l’I.I.S. Vittorio Emanuele II – Ruffini con 4 classi dell’ultimo anno di corso.

Dopo un indirizzo di saluto del Questore Ciarambino è stato presentato un contributo della
signora Anna Maria Musso, ex poliziotta in quiescenza nonché vedova del Commissario Capo
della P.S. Antonio Esposito, nel quale ha raccontato la sua esperienza nel disciolto corpo di
Polizia Femminile.
A seguire la dott.ssa Olga Crocco Egineta, ex Dirigente della Divisione Anticrimine di
Genova, ha parlato dell’evoluzione della figura della donna in Polizia e dei progressi della
normativa sulla violenza di genere.
La dott.ssa Ilaria D’Ambrosio, vice dirigente della Divisione Anticrimine, ha aggiornato i ragazzi sui
nuovi strumenti normativi e sui rischi della condivisione sul web di immagini sessualmente
esplicite, sensibilizzandoli i sull’’importanza di riconoscere i primi campanelli d’allarme di relazioni
potenzialmente pericolose.
A conclusione della conferenza, la dott.ssa Valeria Fazio, ex Procuratore Generale presso la
Corte di Appello di Genova, ha raccontato la sua decennale esperienza maturata nelle aule dei
tribunali, sempre in difesa dei diritti delle donne vittime di violenza.
Quasi 100 gli allievi collegati da casa che hanno seguito il convegno e posto alcune interessanti
domande.
Per l’occasione è stato realizzato un video, a cura dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico disponibile qui http://www.poliziadistato.it/pressarea/Share/link/f55ca2e6-8011-11eb-b8e0-736d736f6674