Tommaso Imperato

Tommaso Imperato studia Comunicazione, Innovazione e Multimedialità all'Università di Pavia. Nato e cresciuto a Genova, si avvicina al mondo radiofonico nel 2018 grazie a uno stage a Radio Babboleo. Il suo sogno è quello di coniugare, trasformandole in lavoro, due grandi passioni: il giornalismo e lo sport.

Tommaso Imperato

La Spezia celebra il Giorno della Memoria. Il sindaco Peracchini: “Bestialità del passato siano lezione per nuove generazioni”

Anche La Spezia celebra il 27 gennaio, Giorno della Memoria per ricordare tutte le vittime dell’Olocausto. Alle 11 si è svolta una seduta Straordinaria di Consiglio Comunale con gli interventi del Presidente del Consiglio Giulio Guerri e del Sindaco Pierluigi Peracchini. A seguire le parole della Presidente dell’Aned Ferrato. Questa mattina sono state deposte corone di fiori al Monumento ai Caduti nei campi di sterminio, nel complesso scolastico “2 Giugno”, e al cippo dedicato alla memoria dei Deportati Politici, in passeggiata Morin.

“Tutti i giorni bisogna ricordare i valori fondamentali del rispetto della vita” commenta su Babboleo News il sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini. “Nessuno ha diritto di giudicare, né di fare del male al prossimo”. L’auspicio di Peracchini è che “le bestialità del passato siano una lezione per le generazioni future”. L’intervento completo:

Giorno della Memoria, Dello Strologo (Com. Ebraica Genova): “Il ricordo ha senso se è utile: forniamo strumenti alle generazioni future”

Anche Genova e la Liguria ricordano le vittime dellOlocausto. Il 27 gennaio è il Giorno della Memoria, ma è anche l’occasione per rinsaldare una coscienza collettiva che riconosca e stigmatizzi ogni forma di razzismo, odio, intolleranza per evitare che tragedie come la Shoah si ripetano a distanza di anni. Ne abbiamo parlato su Babboleo News con Ariel Dello Strologo, presidente della Comunità Ebraica di Genova…

Venerdì Dello Strologo aveva commentato su Babboleo News l’arresto del 22enne neonazista di Savona, accusato di aver istigato all’odio razziale e antisemita. Per ascoltare clicca qui.

Anche Alberto Funaro, referente della Comunità Ebraica di La Spezia, è intervenuto su Babboleo News per sottolineare l’importanza di far comprendere alle nuove generazioni la dimensione del dramma che la Shoah ha rappresentato per l’intera umanità. Funaro, poi, ha annunciato l’intenzione del comune di Riomaggiore di conferire, sull’esempio di La Spezia, la cittadinanza onoraria a Liliana Segre, senatrice a vita e sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti.

L’intervista completa a Funaro:

Impianti sportivi, l’allarme di Marco Ghiglione (piscine di Pra’): “Vanificati 15 anni di lavoro, dal Governo silenzio e pochi ristori”

Oltre 4 mesi di chiusura, incassi azzerati ma costi che restano altissimi. E’ la situazione di difficoltà in cui versano centinaia di impianti sportivi genovesi e liguri. Nelle ultime settimane due hanno chiuso i battenti, la piscina comunale di San Fruttuoso e il Crocera Stadium di Sampierdarena, e Piscine d’Albaro rimane aperta grazie al contributo di un privato. Dal governo, per ora, è arrivato poco o nulla. “Quattromila euro da ottobre” commenta Marco Ghiglione, gestore delle piscine di Pra’ (Aquacenter I Delfini). “Un mese di chiusura ci costa diecimila euro: i conti sono presto fatti”. Ghiglione è uno di quei gestori che tiene duro, ma al prezzo salatissimo di veder “vanificati 15 anni di lavoro”. Mentre regna un clima di incertezza e attesa per ristori urgentissimi dal governo, sono stati ancora una volta i cittadini a dare una mano con una campagna solidale attraverso la vendità di adesivi (per saperne di più: 16157 Pra’ aiuta Pra’).

Ascolta l’intervista integrale a Marco Ghiglione:

Scuola, partiti! Via alle lezioni in presenza al 50% in licei e istituti superiori della Liguria

Oggi la campanella è tornata a suonare per 67.000 studenti delle scuole superiori della Liguria. O meglio, per 33.000: il dpcm autorizza infatti la didattica in presenza al 50%, cercando di tutelare allo stesso tempo il diritto all’istruzione e la salute di ragazzi e professori. Per garantire un adeguato servizio di trasporto pubblico e alleggerire gli autobus del trasporto cittadino, il comune di Genova e Amt hanno messo a disposizione 32 bus turistici di aziende private. Gli orari di ingresso e uscita sono stati divisi in due fasce, il primo intorno alle 8 e il secondo alle 9.30, con un margine di discrezionalità per ciascun istituto.

Sono molti gli studenti a benedire il rientro tra i banchi, tra cui Mattia, 18 anni, del Liceo classico D’Oria di Genova: “La didattica a distanza iniziava a essere ingestibile, per noi ma soprattutto per i prof”. Gli fa eco Chiara, 15 anni, del Liceo scientifico Marconi di Chiavari. “L’aspetto sociale che si sviluppa a scuola, tra alunni e tra alunno e professore, ci era molto mancato”.

Le misure anticovid nelle classi sembrano rispettate: “La situazione è tranquilla” dice Gabriele, 17 anni, del Liceo D’Oria. “Riusciamo a rispettare il distanziamento e ci hanno dato un pacco di mascherine nuove”. Anche Fulvio Rapetti, professore, ribadisce che il giorno del “battesimo” della didattica in presenza è filato liscio, secondo programmi. “I ragazzi hanno grande attenzione agli aspetti legatti all’igiene e alla prevenzione”.

La principale perplessità riguarda invece la corretta applicazione della didattica integrata tra chi sta seguendo tra i banchi e chi, invece, dal proprio pc a casa. “La connessione non va bene, nonostante la scuola l’abbia cambiata” prosegue Mattia. “Chi sta a casa deve connettersi con i prof, ma ci sono troppi dispositivi attaccati.”

Resta poi da rodare il sistema di trasporto pubblico, che oggi a Genova ha avuto ripercussioni sul traffico cittadino, con i bus supplementari perlopiù vuoti. Ma il” giorno zero” della didattica in presenza al 50% in Liguria strappa comunque la sufficienza alla prima interrograzione dell’anno.

Calcio, il governo apre ai dilettanti. Bianchi: “Spadafora porta in Eccellenza il protocollo della D”

Il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha annunciato la volontà di far ripartire i campionati regionali di Eccellenza, le cosiddette “Serie A” dei dilettanti.

Per fare questo, Spadafora vorrebbe applicare in Eccellenza lo stesso protocollo attuato in Serie D, con l’esecuzione di tamponi con cadenza regolare.

Una spesa che però, in Eccellenza, molte squadre non possono permettersi. Per questo “Spadafora ha detto che arriveranno ristori”, spiega Claudio Bianchi, presidente del comitato FIGC provinciale di Genova.

Presidente “uscente”, almeno per ora, in attesa delle nuove nomine del ri-eletto presidente regionale FIGC Giulio Ivaldi. “Ho idea che possa essere confermato, ma non ne ho la certezza”, commenta Bianchi, “per questo motivo non posso dire nulla di certo riguardo ai campionati provinciali”. Ma “se le cose non cambieranno, sarà molto difficile ripartire con i campionati giovanili”.

Tornando all’Eccellenza, per Bianchi era una decisione “da prendere prima”, perché i campionati interregionali di Serie D sono in corso e determineranno retrocessioni nei rispettivi campionati regionali. Se l’Eccellenza non darà alla D dei vincitori (e quindi aventi diritto alla promozione), non ci sarà l’adeguato scambio tra promosse e retrocesse, determinando un corto circuito nel collegamento tra campionati regionali e nazionali.

L’intervista completa a Claudio Bianchi:

Genoa-Cagliari, una partita da sempre “goal friendly”

Alle 15 va in scena Genoa-Cagliari, partita importantissima per quanto riguarda la classifica: un solo punto di distanza tra le due squadre, con il Genoa a 15 e i sardi a 14.

Queste due squadre hanno sempre dato vita a incontri ricchi di gol, ad esempio il famoso 5-3 del 2010 in favore del Genoa o il 4-1 che il Cagliari rifilò nel 2017 ai genovesi. Addirittura, per trovare uno 0-0 nei precedenti tra le due bisogna arrivare al 23 gennaio 1994, esattamente 27 anni e 1 giorno fa. E’ passato talmente tanto tempo che nel frattempo Genoa e Cagliari hanno cambiato più volte il loro logo societario.

Anche le partite con una sola rete sono state ben poche: è successo solo 6 volte negli ultimi 25 anni. Per quanto riguarda i precedenti un po’ più recenti, negli ultimi 10 incontri tra Genoa e Cagliari 5 sono terminati con una vittoria del Genoa, 2 in pareggio e 3 con una vittoria del Cagliari.

Statistiche che fanno pensare a un match ricco di gol ed emozioni: il campo, però, è solito smentire dati e precedenti. Alle 15 scopriremo se la tradizione “goal friendly” di Genoa-Cagliari troverà conferma o se a trionfare sarà la prudenza dei tecnici Ballardini e Di Francesco.

Parma e Sampdoria, storia di un gemellaggio trentennale

Questa sera scendono in campo alle 20.45 Parma e Sampdoria. Una partita che dal 1990, anno in cui nasce il gemellaggio tra le due tifoserie, è sempre un bel momento di festa e condivisione.

Sono state tantissime le iniziative congiunte di tifosi di Parma e Samp, dalla raccolta fondi per la Gigi Ghirotti, nel 2012, all’idea, questa volta opera delle società stesse, di scendere in campo con le maglie invertite, nel 2019, e quindi la Samp indossò il blucerchiato, ma disposto a croce, come tipico della maglia del Parma, che a sua volta scese in campo con una maglietta fotocopia – eccetto i colori – di quella della Sampdoria.

Staremo a vedere quest’anno se le due società avranno escogitato qualcosa. I tifosi, causa covid, potranno salutarsi solo da lontano, telematicamente, ma siamo certi che quando si potrà tornare allo stadio la prima cosa che faranno sarà una visita reciproca nei rispettivi stadi.

Neonazista arrestato a Savona, Dello Strologo (Comunità Ebraica di Genova): “Odio per il diverso frutto di crisi economica e sociale”

Il giovane savonese arrestato stamattina dalla Digos istigava alla violenza e all’eliminazione degli ebrei. Il 22enne aveva anche redatto e diffuso sul web documenti di matrice neonazista e antisemita con cui incitava alla rivoluzione contro “lo Stato occupato dai sionisti” ed alla eliminazione fisica degli ebrei. Il ragazzo, che secondo gli inquirenti sarebbe stato pronto anche a compiere un attentato in una scuola, è accusato di associazione con finalità di terrorismo e propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale aggravata dal negazionismo.

L’antisemitismo, spiega su Babboleo News il presidente della comunità ebraica di Genova Ariel Dello Strologo, è purtroppo diffuso anche nella fascia più giovane della popolazione, nonostante da anni, nelle scuole, si cerchi di sensibilizzare sul dramma dell’Olocausto.

Secondo Dello Strologo, alla base di sentimenti antisemiti e in generale razzisti ci sarebbero condizioni economiche e sociali svantaggiose, che determinano un clima di instabilità e insofferenza verso alcune categorie o minoranze individuate come responsabili. “L’odio per il diverso è uno dei modi con cui le persone scaricano le proprie frustrazioni e la propria rabbia”.

L’intervista a Dello Strologo:

La Liguria è tra le regioni italiane con il minor numero di grandi opere incompiute

Il Primo Rapporto sull’Efficienza Infrastrutturale di Sensoworks, startup italiana specializzata in monitoraggio infrastrutturale, rivela una situazione a livello nazionale di inefficenze e sprechi, con 640 grandi opere incompiute, per un valore complessivo di 4 miliardi di euro.

La buona notizia è che la Liguria è interessata marginalmente da questa classifica poco virtuosa. Sono solo 4, infatti, le opere incompiute nella nostra regione, lo 0,6% del numero nazionale. Si tratta di opere a Monterosso, Noli, La Spezia e Imperia, dal costo complessivo di 26 milioni di euro.

La nostra regione, tuttavia, è molto indietro per quanto riguarda i tempi di realizzazione: 5,2 anni contro i 4,4 della media nazionale. Di questi e altri dati abbiamo parlato con il CEO e co-fondatore di Sensoworks, Niccolò De Carlo.

L’intervista su Babboleo News:

La Spezia, sindaco Peracchini a Governo: “Non chiudono centrale a carbone, ambientalisti solo a parole”. E sui vaccini è polemica con Arcuri

Scontro su più fronti tra il sindaco della Spezia Peracchini e il Governo. Al primo cittadino spezzino non è andata giù la decisione di tenere aperta la centrale a carbone Enel dopo gli accordi precedenti con il ministero dello sviluppo economico di dismettere l’impianto entro fine 2021. “Sono ambientalisti e innovatori solo a parole” commenta Peracchini. “Verificheremo la legittimità di questo provvedimento”. Così il sindaco di La Spezia su Babboleo News:

Il primo cittadino è poi tornato sulla richiesta del commissario all’emergenza Arcuri sull’individuazione di nuovi luoghi per la somministrazione dei vaccini in fase 2. “Il comune di La Spezia li ha trovati da tempo, ma a mancare sono i vaccini. Arcuri smetta di girarci intorno e prendere tempo”.